Indian-origin cardiologist calls for review of COVID vaccine mandates | Health

Un importante cardiologo consulente con sede nel Regno Unito ha chiesto martedì una revisione urgente delle politiche di vaccinazione del governo COVID-19 e il rilascio di dati preliminari dalle sperimentazioni sui vaccini per l'analisi di esperti a livello globale.

Il dottor Asim Malhotra, un cardiologo qualificato del SSN a cui sono state somministrate due dosi del vaccino COVID-19, ha affermato che essere pro-vaccinazione e trasparenza non si escludono a vicenda. Scrivendo in "European Scientist", il medico ha avvertito che i mandati dei vaccini e la mancanza di trasparenza nelle autorità sanitarie pubbliche che comunicano efficacemente le ragioni alla base di tali politiche hanno avuto effetti dannosi sulla fiducia del pubblico e sulla fiducia nei vaccini in altre gravi malattie.

"I mandati vaccinali globali per COVID-19 devono cessare fino a quando non avremo dati completi sull'efficacia di tutti i vaccini disponibili", ha affermato Malhotra.

"Man mano che i ceppi mutanti meno letali e meno letali diventano prevalenti, qualsiasi protezione contro le infezioni diventa almeno meno efficace e potenzialmente completamente inefficace, anche se esiste una protezione importante (che non è completamente identificata in termini individuali assoluti) per malattie gravi e morte, " scrive sulla rivista.

Sebbene i principi che copre nella sua analisi siano rilevanti per tutti i vaccini COVID-19, il focus è più specificamente sul vaccino mRNA BioNTech/Pfizer perché nei paesi occidentali è il più utilizzato ed è ancora raccomandato come richiamo per la maggior parte dei la popolazione adulta. La richiesta di Malhotra per una revisione urgente è stata supportata da importanti professionisti medici di tutto il mondo, che hanno anche chiesto un accesso trasparente ai dati per l'analisi.

"I passaporti per i vaccini COVID sono stati sviluppati sulla base dell'idea sbagliata che i vaccini COVID fermino la trasmissione delle malattie e che le persone che si sono riprese da COVID in qualche modo non abbiano un'immunità e una protezione così forti come le persone che sono state vaccinate", ha affermato Jay Bhattacharya, professore di medicina alla Stanford University. .

"È particolarmente insidioso che funzionari della sanità pubblica e politici abbiano incoraggiato l'idea eticamente problematica che gli individui non vaccinati siano in qualche modo impuri, il che ha portato le persone a essere stigmatizzate per le scelte mediche private. I divieti di viaggio per le persone non vaccinate sono come un vaccino unico. [Serbian tennis player] Novak Djokovic dal suonare agli US Open, aggiunge un abbraccio di xenofobia ai peccati di salute pubblica".

Carol Sikora, medico britannico e professore di medicina alla Buckingham University, ha accolto con favore l'intervento di Malhotra sottolineando l'importanza della fiducia in qualsiasi programma di vaccinazione.

"Come sottolinea Asim, tutto ciò che facciamo in medicina comporta rischi di danni. Bilanciare questo rischio con il beneficio non solo per gli operatori sanitari ma anche per i loro pazienti. La trasparenza con i dati è un must assoluto. Il buono, il cattivo e il brutto E quando il prezzo di un colpo supera le 20 sterline, ci sono molti conflitti di interesse tra le aziende farmaceutiche, i governi e le compagnie di assicurazione sanitaria, pubbliche o private.

Malhotra avverte che dal lancio del vaccino Pfizer/BioNTech, le prove sulla sua efficacia e la segnalazione di eventi avversi sono cambiate. Sebbene possa avere il vantaggio di prevenire gravi malattie e la morte, la prevenzione dell'infezione e la sua trasmissione è "illegale". Ha scritto che il suo entusiasmo per l'efficacia dell'iniezione di mRNA è stato potenziato nel marzo 2021, più di due mesi dopo aver ricevuto la seconda dose, quando ha twittato che sia suo padre che suo padre erano risultati positivi agli anticorpi.

Ma quanti medici sono consapevoli che gli anticorpi sono un'alternativa inaffidabile all'efficacia clinica? Da maggio 2021 la Food and Drug Administration [US Food and Drug Administration] Il sito web privato ha affermato che "i risultati dei test anticorpali SARS-CoV-2 attualmente autorizzati non dovrebbero essere utilizzati per valutare il livello di immunità o protezione di una persona contro Covid-19 in qualsiasi momento, soprattutto dopo che una persona ha ricevuto un COVID-19 vaccino'', scrive.

Il suo articolo evidenzia anche che gli ultimi dati pubblicati su The Lancet Infectious Diseases rivelano che una volta infettati non vi è alcuna differenza significativa nei tassi di trasmissione tra persone vaccinate e non vaccinate. Alla luce di queste prove, avverte che non si può escludere che privare qualcuno dell'opportunità di esercitare la propria professione - come Djokovic perché non è consentito l'accesso a un paese o una regione a causa di un requisito minimo di vaccinazione contro il coronavirus - possa intraprendere un'azione legale contro l'autorità competente per l'immigrazione Rilevanza per "restrizione commerciale ingiustificata".

La maggior parte dei paesi ha una politica che prevede l'obbligo di un vaccino COVID come parte delle misure per affrontare la diffusione del COVID-19, che includono vaccinazioni minime per facilitare i viaggi.

(Questa storia non è stata modificata dallo staff di Devdiscourse ed è generata automaticamente da un feed condiviso.)

#Indianorigin #cardiologist #calls #review #COVID #vaccine #mandates #Health

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.