Hypertension affects full spectrum of socioeconomic groups across countries

15 agosto 2022

3 minuti per leggere

Fonte/Informazioni

Divulgazioni: Geldsetzer e Pokharel non hanno segnalato informazioni finanziarie rilevanti. Si prega di consultare lo studio e l'editoriale per tutte le informazioni finanziarie rilevanti di altri autori.

Non siamo stati in grado di elaborare la tua richiesta. Per favore riprova più tardi. Se il problema persiste, contattare customerservice@slackinc.com.

I dati delle analisi di interazione trasversali mostrano che le differenze nella prevalenza dell'ipertensione tra i gruppi socioeconomici sono relativamente piccole nei paesi a basso e medio reddito.

"Abbiamo scoperto che le differenze nella prevalenza dell'ipertensione tra i gruppi di istruzione e ricchezza delle famiglie erano piccole nella maggior parte dei paesi a basso e medio reddito", Pascal GeldsetzerE il MD, SHD, MPH, Il Professore Associato di Medicina presso il Dipartimento di Medicina della Stanford University, ha detto a Helio. "Il presupposto frequente che l'ipertensione colpisce principalmente i gruppi più ricchi e istruiti nei paesi a basso e medio reddito sembra in gran parte insostenibile".

Rappresentazione grafica della citazione della fonte presentata nell'articolo
I dati sono stati derivati ​​da Kirschbaum TK, et al. J Am Cool Cardiol. 2022; doi: 10.1016/j.jacc.2022.05.044.

dati di sondaggi internazionali

Geldsetzer e colleghi hanno analizzato i dati aggregati delle indagini sulle famiglie rappresentative a livello nazionale da 76 paesi a basso e medio reddito per 1.211.386 partecipanti, di cui 58 provenivano dai questionari dell'approccio progressivo alla sorveglianza dell'OMS. Tutti i sondaggi sono stati condotti dopo il 2005, erano rappresentativi a livello nazionale di almeno due gruppi di età di 10 anni oltre i 15 anni di età, avevano un tasso di risposta di almeno il 50% e includevano almeno due misurazioni della PA. I ricercatori hanno definito l'ipertensione come una pressione sanguigna sistolica di almeno 140 mm Hg e una pressione sanguigna diastolica di almeno 90 mm Hg o i partecipanti hanno riferito di aver assunto farmaci per abbassare la pressione sanguigna. L'istruzione e la ricchezza familiare sono state utilizzate come misure dello stato socioeconomico. I ricercatori hanno classificato la prevalenza dell'ipertensione in quintili di istruzione e ricchezza familiare, utilizzando analisi di regressione per adeguarsi all'età e al sesso.

All'interno del gruppo, il 19,6% soffriva di ipertensione. L'età media a livello di indagine era di 40 anni; La media del 58,5% dei partecipanti a livello di indagine erano donne.

La prevalenza dell'ipertensione, aggregata in tutti i paesi, tendeva ad essere simile tra i gruppi di istruzione ei quintili di ricchezza delle famiglie. Solo il sud-est asiatico ha mostrato una "chiara associazione positiva" tra l'ipertensione e l'istruzione o un quinto della ricchezza familiare. Il RR per il quintile più ricco rispetto a quello meno ricco era 1,28 (IC 95%, 1,22–1,34).

"Nelle sei regioni studiate, il gradiente socioeconomico associato all'ipertensione era relativamente piatto", hanno scritto i ricercatori.

Secondo i ricercatori, i paesi con un PIL pro capite più basso hanno, in media, un'associazione più positiva tra ipertensione e istruzione e ricchezza delle famiglie, rispetto ai paesi con un PIL pro capite più elevato, soprattutto nelle aree rurali e tra gli uomini. C'erano modelli simili di interazione del PIL con il gradiente socioeconomico dell'ipertensione per le popolazioni rurali e urbane e dopo l'aggiustamento per l'IMC.

"È importante studiare fino a che punto la pressione alta porta a diversi rischi di morte tra i diversi gruppi socioeconomici nei paesi a basso e medio reddito", ha detto Geldsetzer a Helio. “Nelle società ad alto rischio di morte per cause infettive, il rischio di morte per malattie cardiovascolari può essere molto più basso, anche se la prevalenza di fattori di rischio CVD come l'ipertensione è alta, perché gli individui muoiono per altre cause prima di avere un infarto o un ictus. Pertanto, è importante comprendere il carico di mortalità e morbilità dell'ipertensione in diversi gruppi socioeconomici nei paesi a basso e medio reddito per informare il grado in cui la prevenzione e il trattamento dell'ipertensione dovrebbero essere prioritari in relazione a altre condizioni di salute”.

"Promuovere la giustizia globale" nella cura dell'ipertensione

In un editoriale correlato, yashachoy SO'Garrel, MBBS, MSCR, Un cardiologo preventivo della Wake Forest Baptist Health e colleghi scrivono che l'attuazione di programmi per la gestione delle popolazioni ipertese richiede un costo annuo stimato pro capite inferiore a $ 1 nei paesi a basso reddito e inferiore a $ 1,50 nei paesi a basso e medio reddito.

"Ora che sappiamo che la prevalenza dell'ipertensione non differisce nei paesi più poveri, meno istruiti o meno economicamente sviluppati rispetto alle loro controparti più ricche e istruite, dobbiamo sviluppare, testare e implementare strategie efficaci per promuovere l'equità globale nell'ipertensione cura", scrivono Pojarel e colleghi. "Le lezioni apprese a livello globale, come nelle zone rurali del Nepal, possono aiutare a implementare un programma per ipertesi a livello locale, come nelle zone rurali della Carolina del Nord".

Riferimento:

Pokharel Way et al. J sono Kol cardiolo. 2022; doi: 10.1016/j.jacc.2022.05.043.

per maggiori informazioni:

Pascal GeldsetzerE il Ph.D., Ph.D., MPH, Può essere raggiunta a pgeldsetzer@gmail.com; Twitter: Mustafa Hosny Oh Dio, Amen.

#Hypertension #affects #full #spectrum #socioeconomic #groups #countries

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Proin diam justo, scelerisque non felis porta, placerat si. Vestibulum ac elementum massa. In rutrum quis risus quis sollicitudin.

navigation
newsletter
contact info
1, My Address, My Street, New York City, NY, USA