Ukrainian health minister says Russia is blocking access to medicines

Il ministro della Sanità ucraino Viktor Lyashko parla ai giornalisti dell'Associated Press durante un'intervista venerdì. Vasilisa Stepanenko/AFP Nascondi didascalia

Interruttore didascalia
Vasilisa Stepanenko/AFP

Il ministro della Sanità ucraino Viktor Lyashko parla ai giornalisti dell'Associated Press durante un'intervista venerdì.

Vasilisa Stepanenko/AFP

Kiev, Ucraina - Il ministro della salute ucraino ha accusato le autorità russe di aver commesso un crimine contro l'umanità negando l'accesso a medicinali a prezzi accessibili nelle aree occupate dalle sue forze armate dall'invasione del Paese 5 mesi e mezzo fa.

In un'intervista con l'Associated Press, il ministro della Salute ucraino Viktor Lyashko ha affermato che le autorità russe hanno ripetutamente bloccato gli sforzi per fornire medicinali sovvenzionati dallo stato alle persone nelle città, paesi e villaggi occupati.

"Durante i sei mesi di guerra, la Russia non ha (consentito) corridoi umanitari adeguati in modo da poter fornire le nostre medicine ai pazienti che ne hanno bisogno", ha detto Lyashko, parlando al Ministero della Salute a Kiev alla fine di venerdì.

"Riteniamo che la Russia stia prendendo queste misure intenzionalmente e le consideri crimini contro l'umanità e crimini di guerra che saranno documentati e riconosciuti", ha affermato il ministro.

Il governo ucraino ha un programma che fornisce medicinali a persone con cancro e malattie croniche. Secondo i funzionari delle Nazioni Unite e dell'Ucraina, la distruzione di ospedali e infrastrutture insieme allo sfollamento di circa 7 milioni di persone all'interno del paese ha causato anche altre forme di trattamento.

La guerra in Ucraina ha causato gravi interruzioni ai servizi sanitari statali, che erano stati oggetto di importanti riforme, in gran parte in risposta alla pandemia di coronavirus, quando il 24 febbraio il presidente russo Vladimir Putin ha ordinato alle sue forze di invadere.

L'Organizzazione Mondiale della Sanità ha dichiarato di aver registrato 445 attacchi a ospedali e altre strutture sanitarie fino all'11 agosto, che hanno provocato direttamente 86 morti e 105 feriti.

Ma Lyashko ha detto che gli effetti secondari erano molto più gravi.

"Quando strade e ponti vengono danneggiati nelle aree ora controllate dalle forze ucraine... è difficile portare in ospedale qualcuno che ha avuto un infarto o un ictus", ha detto. "A volte non possiamo arrivare in tempo, l'ambulanza non può arrivarci in tempo. Ecco perché la guerra provoca così tante vittime (più di quelle uccise in combattimento). È un numero incalcolabile".

#Ukrainian #health #minister #Russia #blocking #access #medicines

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.