West Virginia team strives to make a better eye shield

Morgantown, Virginia (AP) - Più di 6 milioni di persone ogni anno si sottopongono a interventi chirurgici agli occhi e hanno bisogno di una protezione per gli occhi durante il processo di guarigione.

Un team di Intermed Labs a Morgantown ha appreso nel luglio del 2021 che gli scudi sul mercato non erano molto comodi o facili da usare e ha deciso di creare qualcosa di meglio. Il risultato è stato SNAPS, ora in beta test prima di entrare nel mercato di massa.

E ci è voluto solo un anno. "Un anno nel mondo dei dispositivi medici - nessuno ne ha sentito parlare", ha affermato il co-fondatore e CEO di Intermed Tom McClellan. "Avere un prodotto già sul mercato da letteralmente un fazzoletto a una discussione con una multinazionale è, secondo me, incredibile e una testimonianza di ciò che è possibile fare qui a Morgantown".

Joe Duda, CEO di SNAPS, ha spiegato che le protezioni per gli occhi sono realizzate in plastica o altri materiali ma sono fissate al viso con del nastro adesivo. Hanno bisogno di cataratta, retina, LASIK e chirurgia ricostruttiva.

Le persone leggono anche...

Ha detto che attaccare lo scudo pone diversi problemi. Blocca il flusso d'aria necessario per favorire la guarigione. Deve essere rimosso per una visita oculistica o per applicare farmaci, che potrebbero dover essere eseguiti più volte al giorno. Gli scudi esistenti hanno bordi taglienti che si insinuano nella pelle causando irritazione.

"Le cose uniche di SNAPS sono le ancore adesive utilizzate", ha detto. Sono modellati sulle corde del cuore, ma sono più piccoli. Nessun nastro adesivo necessario. SNAPS è trasparente, ha fori per l'aria e può essere facilmente aperto e ruotato per l'esame o l'applicazione di farmaci. È tenuto lontano dalla pelle in modo che non si nasconda o causi irritazioni.

McClellan ha descritto come è iniziato SNAPS. "Quando i medici hanno idee, non avranno necessariamente il tempo, i soldi o l'esperienza per far funzionare quelle idee, o non hanno la capacità di trasformare quelle idee per renderle migliori".

In questo caso, un chirurgo della retina ha contattato InterMed a Sarasota, in Florida, che aveva un problema con le protezioni per gli occhi esistenti e aveva l'idea che tecnicamente non fossero buone, ha detto McClellan. Ma hanno iniziato a fare ricerche di mercato e hanno visto che il problema dello scudo era un problema più grande e poteva essere un eccezionale frutto per la risoluzione dei problemi.

Quindi si sono riuniti per capire come migliorare le protezioni per gli occhi standard tenendo conto della facilità di produzione e dei vincoli del mercato: prezzo e costo di produzione.

Un'immagine del prototipo SNAPS mostra che il modello evolutivo era grigio, poiché era stampato in 3D al piano di sopra. Ha subito più iterazioni per perfezionare la forma, le dimensioni e le connessioni. McClellan ha affermato che InterMed ha un ruolo medico profondo, attraverso la sua partnership con Moon Health, e ha consultato i medici per suggerimenti e feedback.

Duda ha detto che hanno preso in considerazione l'utilizzo di magneti per le connessioni, ma ciò era vietato a causa dell'avversione del paziente per i magneti. Ciò ha comportato l'uso di schede adesive simili ai fili del cuore. Il paziente indossa uno scudo da un giorno a due settimane, a seconda della procedura eseguita. Quindi i loro test includevano la doccia con il software SNPS e altri esperimenti per verificare la stabilità delle lingue.

Una volta ottenuto il design che desideravano, la versione finale è stata stampata a iniezione.

La versione che hanno spedito per il beta test è in policarbonato di grado medico. È trasparente ma robusto, ha detto Dodds. Le ancore si flettono ma non si rompono.

McClellan ha detto che i beta test dureranno circa tre mesi.

La produzione è di migliaia in questo momento, ha detto McClellan, ma con 6 milioni di scudi utilizzati ogni anno, "questo ovviamente ha spazio per aumentare". Di recente hanno parlato con un'organizzazione multinazionale di marketing e vendita interessata a collaborare con loro.

Duda è un nativo di Morgantown che si è recentemente trasferito a Winchester, in Virginia, ed è un farmacista e MBA che ha lavorato presso Mylan/Viatris e ha lasciato questa azienda nell'aprile 2020.

Ha detto che dopo aver lasciato Viatris, era imparentato con McClellan. "Sembrava un'opportunità molto interessante, di base e molto interessante". Hanno un'idea, si siedono attorno a un tavolo e portano a termine qualcosa in fretta, a differenza di un'azienda più grande che si muove pesantemente.

L'ingegnere progettista intermedio Zach Hobbs è stato assunto dalla Pennsylvania. Ha detto di essere stato coinvolto nella prima fase di progettazione di SNAPS – test, materiali, stampa 3D – ma in seguito sono subentrati altri ingegneri. È a capo di un altro progetto Intermed.

La stagista Emily Stanton è una matricola UHS reclutata a fine luglio che sta anche sviluppando il proprio progetto realizzando prototipi basati sulle sue idee originali.

L'allenamento ha portato Stanton McClellan a parlare della sua visione di Intermed. Ha detto: "Se riusciamo ad attirare talenti come quelli che rimangono locali e poi continuano a lavorare per noi, innovano prodotti per generare entrate per assumerli. Vedete l'ecosistema che stiamo iniziando a costruire?"

"Questo è un posto davvero unico", ha detto. "Il mio unico obiettivo per il resto della mia vita è attirare talenti come questo in West Virginia".

McClellan ha detto che vogliono riempire l'intero piano, 12.000 piedi quadrati, con ingegneri e spazio di progettazione.

"Ecco perché siamo così entusiasti di collaborare con Mon Health e, si spera, molto presto CAMC a Charleston, al servizio di 5.000 medici e 20.000 infermieri nello stato che hanno idee straordinarie che possono aiutare i pazienti. Possiamo fare tutto qui".

Per informazioni sul copyright, rivolgiti al distributore di questo articolo, The Dominion Post.

#West #Virginia #team #strives #eye #shield

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.