Could vitamin D alleviate depression symptoms?

Secondo una meta-analisi di un team internazionale di ricercatori, l'integrazione di vitamina D può alleviare i sintomi depressivi negli adulti con depressione.

I sintomi della depressione causano un carico di malattie significativo in tutto il mondo. L'efficacia terapeutica degli attuali antidepressivi è spesso insufficiente, motivo per cui sono stati ricercati altri metodi per alleviare i sintomi depressivi, ad esempio, dalla ricerca nutrizionale.

I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista Critical Reviews in Food Science and Nutrition.

Si ritiene che la vitamina D regoli le funzioni del sistema nervoso centrale, i cui disturbi sono stati collegati alla depressione. Inoltre, studi trasversali hanno notato un'associazione tra sintomi depressivi e carenza di vitamina D. Tuttavia, le precedenti meta-analisi sugli effetti della supplementazione di vitamina D sulla depressione non sono state conclusive. In una meta-analisi, i risultati di diversi studi vengono combinati e analizzati statisticamente.

Leggi anche: Perché le persone di colore lottano per assumere abbastanza vitamina D

La nuova meta-analisi sull'associazione della supplementazione di vitamina D con la depressione è la più ampia pubblicata fino ad oggi, inclusi i risultati di 41 studi in tutto il mondo. Questi studi hanno studiato l'efficacia della vitamina D nell'alleviare i sintomi depressivi negli adulti attraverso studi randomizzati controllati in diversi gruppi di popolazione. Gli studi hanno incluso quelli dei pazienti depressi, della popolazione generale e delle persone con varie condizioni fisiche. I risultati di una meta-analisi mostrano che l'integrazione di vitamina D è più efficace di un placebo nell'alleviare i sintomi depressivi nelle persone con depressione. C'erano differenze significative nelle dosi di vitamina D utilizzate, ma di solito il supplemento di vitamina D era di 50-100 mcg al giorno.

"Nonostante l'ampia portata di questa meta-analisi, la certezza delle prove rimane bassa a causa dell'eterogeneità delle popolazioni studiate e del rischio di bias associato a un gran numero di studi", afferma il ricercatore di dottorato e autore principale Thomas Mikkola dell'Istituto di Medicina Clinica dell'Università della Finlandia orientale. La meta-analisi fa parte della tesi di dottorato di Mikola.

Mikola conclude: "Questi risultati incoraggeranno nuovi studi clinici di alto livello nei pazienti depressi al fine di fare più luce sul potenziale ruolo dell'integrazione di vitamina D nel trattamento della depressione".

Leggi anche: Puoi assumere vitamina D da una dieta vegetariana?

#vitamin #alleviate #depression #symptoms

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.