Elimination Diet: Everything You Need To Know

I protocolli dietetici di eliminazione per i professionisti possono variare, spiega Sharon Zarabi, dietista registrata presso il Katz Institute for Women's Health e direttrice della Northwell Health,

"Il mio approccio varia in base alla dieta attuale, alla personalità e al rapporto con il cibo del mio cliente. Di solito rimuovo gli alimenti in più fasi (non tutti in una volta) e gli faccio sapere in modo che sappiano perché quello che stiamo pianificando", afferma Zarabi.

Un esempio comune di dieta di eliminazione è la dieta a basso contenuto di FODMAP, aggiunge il dott. Mendes. L'obiettivo di questa dieta è fornire un sollievo immediato dai sintomi, identificare gli alimenti scatenanti e quindi consentire la reintroduzione degli alimenti lentamente e consapevolmente. L'acronimo FODMAP sta per Oligo-, Di-, Mono-saccharides e Polyols. Questi sono i piccoli carboidrati che si trovano in molti alimenti [such as apples, broccoli, wheat, soy and foods containing high-fructose corn syrup] Il che può peggiorare i sintomi della sindrome dell'intestino irritabile e altri problemi digestivi", spiega il dottor Mendez.

È importante notare che la dieta FODMAP (così come qualsiasi altra dieta di eliminazione) non è destinata a essere seguita per sempre. Il dottor Mendez aggiunge che dovrebbe essere guidato da un medico specializzato in nutrizione. "Il processo di rimozione richiede solitamente dalle due alle sei settimane, seguite dalla fase di reintroduzione", afferma. Seguire un protocollo così estremo può influire sulla tua alimentazione generale, quindi è importante ridurre al minimo la fase di esclusione.

Mentre le diete di eliminazione possono variare leggermente in termini di protocolli e cibi esatti assunti, il processo in genere include:

fase di eliminazione

Morey afferma che la fase iniziale di una dieta di eliminazione comporta la rimozione di tutte le forme di cibo sospetto (o gruppo di alimenti) dalla dieta, compresi i derivati ​​cotti, crudi e proteici. Spesso, l'individuo rimuoverà tutti gli alimenti sospetti in una volta (ad esempio eliminando tutti i latticini e il glutine), prima di reintrodurli lentamente.

Questa fase della dieta va seguita per due o quattro settimane - senza eccezioni - quindi se si mangia per errore, è consigliabile ricominciare da capo. A volte, i sintomi possono peggiorare prima di iniziare a migliorare; Questo di solito si verifica entro i primi giorni dall'inizio della fase di eliminazione.

Zaraby incoraggia i suoi clienti a tenere un diario alimentare per tenere traccia dei loro sintomi durante la fase di eliminazione, il che li aiuta anche a rimanere impegnati. "Possiamo rivedere e collaborare insieme e rivalutare ciò che funziona e ciò che non funziona", afferma.

Fase di reinvio

Dopo una fase di eliminazione definita, i potenziali alimenti scatenanti vengono sistematicamente reintrodotti nella dieta per vedere se ci sono reazioni avverse, afferma Morey. Tuttavia, se i tuoi sintomi persistono anche evitando accuratamente i cibi sospetti per più di quattro settimane, è tempo di considerare altre cause dei tuoi sintomi.

Prima di reintrodurre gli alimenti che sono stati tralasciati, assicurati che siano privi di sintomi per almeno cinque giorni. Quindi inizia con un alimento alla volta. Il Dr. Mendez consiglia di iniziare con una piccola quantità di cibo - anche un cucchiaino - nella tua dieta. Se questo è ben tollerato, continuare ad aumentare lentamente la dimensione della porzione.

Fallo gradualmente fino a raggiungere una porzione completa di cibo, o fino a quando non noti una soglia - o la quantità di cibo che causa il ritorno dei sintomi, afferma il dottor Mendez. È meglio limitare la fase di reintroduzione a un nuovo alimento ogni tre giorni, poiché questo è il tempo che di solito impiega prima che i sintomi ritornino, se lo fanno.

Interessato a provare la Dieta Nutrisystem?

Scegli un piano dimagrante. Nuovo elenco 2022 disponibile. Burrito per la colazione, ramen di sesamo, casseruola di hash brown e altro ancora!

#Elimination #Diet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.