Their mentor was attacked. Now young OB-GYNs may leave Indiana

La dottoressa Nicole Scott, direttrice del programma di residenza presso il più grande ospedale universitario dell'Indiana, è preoccupata di cosa significhi un divieto di aborto quasi totale nello stato per la capacità dell'ospedale di reclutare e trattenere i migliori medici. Farah Yousry / Effetti collaterali dei media pubblici Nascondi didascalia

Interruttore didascalia
Farah Yousry / Effetti collaterali dei media pubblici

La dottoressa Nicole Scott, direttrice del programma di residenza presso il più grande ospedale universitario dell'Indiana, è preoccupata di cosa significhi un divieto di aborto quasi totale nello stato per la capacità dell'ospedale di reclutare e trattenere i migliori medici.

Farah Yousry / Effetti collaterali dei media pubblici

Lunedì mattina presto, un gruppo di ostetriche e ginecologi si è riunito per un incontro quotidiano. Vestiti con camice blu e bianco, i giovani dottori sedevano nell'auditorium del più grande ospedale universitario dell'Indiana.

L'incontro è stato un'occasione per condividere aggiornamenti e annunciare. Ma hanno anche dovuto affrontare l'elefante nella stanza.

"Ci sono altre domande sulla cura dell'aborto?" ho chiesto al dott. Nicole Scott, Direttore del programma di residenza, stagisti.

Un residente ha parlato dopo alcuni aspri momenti di silenzio: "Come sta il dottor Bernard?"

Scott ha risposto: "Bernard è davvero di ottimo umore. Intendo relativamente". "Ha una sicurezza 24 ore su 24, 7 giorni su 7, e ha il suo avvocato."

Si riferiscono alla dottoressa Caitlin Bernard, una fornitrice di aborti dell'Indiana e uno dei medici che addestrano i residenti in questo ospedale universitario. Bernard è stata recentemente colta in un vortice politico dopo aver parlato con un giornalista di un aborto che ha dato a una vittima di stupro di 10 anni che ha attraversato il confine di stato dall'Ohio. Il medico è stato oggetto di attacchi da parte di critici e leader politici della televisione nazionale, compreso il procuratore generale dell'Indiana.

Il pungiglione ha colpito questa popolazione. Bernard è stato un mentore per la maggior parte di loro per anni. Molti di questi giovani medici erano sicuri di voler esercitare in Indiana dopo l'allenamento. Ultimamente, alcuni si sono sentiti più incoerenti.

"Guarda cosa [Dr. Bernard] "È stato spaventoso", ha detto la dott.ssa Beatrice Soderholm, residente al quarto anno in ostetricia e ginecologia e stagista presso Barnard. [It] Era per spaventare gli altri dal fare il lavoro che fai tu”.

La scorsa settimana, il governatore repubblicano dell'Indiana Eric Holcomb ha firmato un divieto di aborto quasi totale, rendendo l'Indiana il primo stato ad approvare una nuova legislazione che limita l'accesso all'aborto da quando la Corte Suprema l'ha ribaltata. Raw contro Wade nel mese di giugno.

Prima del voto dei legislatori, migliaia di fornitori dell'Indiana hanno espresso la preoccupazione che i risultati sarebbero probabilmente peggiorati per i loro pazienti. Non è chiaro cosa significherà anche per i fornitori.

Questo è ciò che preoccupa i residenti: medici all'inizio della loro carriera che hanno trascorso quattro anni formandosi per diventare ostetriche e ginecologi.

I medici valutano le loro opzioni

In questi giorni, Scott, direttrice del programma di residenza, ha scoperto che il suo ambito di lavoro è andato oltre le responsabilità cliniche e accademiche. I suoi incontri con i residenti includono aggiornamenti sulle politiche e dice loro che sono disponibili servizi di salute mentale se ne hanno bisogno.

"Voglio dire, i nostri residenti sono intrappolati", disse Scott, piangendo. "Si sono iscritti per fornire assistenza sanitaria universale alle donne. Gli è stato detto che non potevano farlo".

Prevede che ciò "influirà gravemente" sul modo in cui gli ospedali dell'Indiana reclutano e trattengono i professionisti medici.

L'Indiana, come molti stati a guida repubblicana, soffre di una carenza di fornitori. Un rapporto del 2018 del March of Dimes ha rilevato che il 27% delle contee dell'Indiana sono deserti di assistenza alla maternità, con accesso limitato o nullo all'assistenza alla maternità. Lo stato ha uno dei tassi di mortalità materna più alti del paese.

Scott ha detto che le nuove leggi che limitano l'aborto non faranno che peggiorare queste statistiche.

La dottoressa Wendy Tian, ​​residente al terzo anno, ha detto di essere stata spaventata e preoccupata di recente per la sua sicurezza. Tian è cresciuto ed è andato a scuola a Chicago e ha scelto di venire in Indiana per la residenza perché il programma pone grande enfasi sulla pianificazione familiare. Era anche aperta ad allenarsi in Indiana quando ha completato la sua formazione.

Ma questo è cambiato.

"Ho sempre pensato di volere una pianificazione familiare", ha detto. "Ora sto pensando di fare qualcos'altro". "So che voglio ancora incorporarlo. Ma, di sicuro, non so se sarò in grado di rimanere in Indiana dopo la laurea con quello che sta succedendo".

Tuttavia, si sente "in colpa per aver lasciato andare" alcuni dei pazienti più vulnerabili dell'Indiana.

Anche prima che la Cassazione si ribalti Raw contro WadeTian ha detto che il clima medico in Indiana può essere ostile e frustrante. L'Indiana, come altri stati con restrizioni all'aborto, consente a quasi tutti gli operatori sanitari di rinunciare a fornire assistenza ai pazienti abortiti.

"Incontriamo altre persone con cui lavoriamo quotidianamente che si oppongono a ciò che stiamo facendo", ha detto Tian.

Tian ha detto che a volte lei e i suoi colleghi devono annullare le procedure programmate perché il personale infermieristico di guardia è a disagio nell'aiutare un paziente che sta subendo un aborto.

"Spesso dobbiamo chiamare l'anestesia in anticipo, poiché solo alcuni fornitori sono disposti a fornire l'anestesia [for abortion patients]ha detto Tian.

A rischio la formazione all'aborto

Tuttavia, il programma OB-GYN in Indiana è stato in grado di fornire ai residenti una formazione completa, compresa la cura dell'aborto e la pianificazione familiare. Questo è importante per qualcosa di più del semplice aborto spontaneo.

"Gli aborti sono gestiti allo stesso modo delle procedure di risoluzione del primo trimestre", ha detto Scott. "Ma ciò che le procedure di terminazione consentono è questo tipo di ridondanza e questa comprensione dell'anatomia femminile e come gestire le complicazioni che potrebbero verificarsi con un aborto spontaneo".

La dottoressa Beatrice Soderholm, ostetrica e ginecologa del quarto anno, ha detto che vuole continuare a praticare in Indiana. Ma ultimamente ho dovuto affrontare molte esitazioni su questa decisione. Farah Yousry / Effetti collaterali dei media pubblici Nascondi didascalia

Interruttore didascalia
Farah Yousry / Effetti collaterali dei media pubblici

La dottoressa Beatrice Soderholm, ostetrica e ginecologa del quarto anno, ha detto che vuole continuare a praticare in Indiana. Ma ultimamente ho dovuto affrontare molte esitazioni su questa decisione.

Farah Yousry / Effetti collaterali dei media pubblici

Questo preoccupa Scott perché l'eliminazione dell'aborto riduce significativamente l'esperienza pratica che i residenti di ginecologo possono avere nel suo ospedale.

Il programma di Scott sta esplorando modi per compensare questo. Possono inviare residenti fuori dallo stato a studiare in luoghi senza restrizioni sull'aborto. Ma Scott ha detto che questo sarebbe stato un incubo logistico.

"Non è così semplice come entrare in un ufficio e dire: 'Posso guardare?' Ciò include l'ottenimento di una licenza medica per i tirocinanti fuori dallo stato, inclusi i finanziamenti per il viaggio e l'alloggio". "Aggiunge molto a ciò che stiamo già facendo per educare gli ginecologi in futuro".

Quasi la metà di tutti i residenti OB-GYN negli Stati Uniti si trova in stati in cui l'aborto è proibito o potenzialmente proibito. Ciò significa che ci sarà un afflusso di residenti che cercheranno di trasferirsi fuori dallo stato per compensare le opportunità di formazione perse. L'Accreditation Council for Graduate Medical Education, l'ente che accredita i programmi di residenza, ha proposto adeguamenti ai requisiti di laurea per i residenti OB-GYN per tenere conto di questo panorama in evoluzione.

Scelta difficile tra restare o partire

Per alcuni residenti, come Veronica Santana del primo anno, questi ostacoli politici sono davvero una sfida benvenuta. Santana è ispanica, è cresciuta a Seattle ed è stata coinvolta nell'organizzazione della comunità sin da quando era un'adolescente. Parte del motivo per cui ha scelto l'ostetricia e la ginecologia è dovuto al modo in cui il campo della medicina si intreccia con la giustizia sociale.

"È politico. Lo è sempre stato e lo sarà sempre. E ovviamente, specialmente ora", ha detto.

Dopo che Roe è stato rovesciato, Santana è scesa nelle strade di Indianapolis per partecipare a manifestazioni che chiedevano l'aborto. Così hanno fatto molti residenti e guide con lei.

La maggior parte di loro, compreso il direttore del programma, ha chiesto di non menzionare il nome della scuola di medicina o del sistema ospedaliero in cui lavorano perché temevano contraccolpi. Alcuni hanno detto che il datore di lavoro rimane timido nel supportare i dipendenti quando si tratta di discutere di aborto in Indiana.

In un certo senso, l'Indiana potrebbe essere il campo di battaglia perfetto per saziare l'entusiasmo di Santana per la difesa e l'attivismo sociale. Ma di recente ha affermato di "non essere del tutto sicura" se continuare a praticare dopo la residenza avesse senso come medico che voleva fornire l'intera gamma di servizi sanitari.

Ci vuole molto pensiero, ha detto Söderholm, un residente del quarto anno.

Söderholm completerà la sua formazione in pochi mesi e inizierà presto ad allenarsi. È cresciuta in Minnesota, ma negli ultimi anni ha sentito un forte legame con i pazienti del County Hospital di Indianapolis. Era molto sicura di volersi allenare in Indiana. Ma di recente, la sua famiglia in Minnesota - dove l'aborto rimane ampiamente protetto - si è chiesta perché fosse rimasta a praticare in un clima medico ostile come l'Indiana.

“C'era molta esitazione, ma le donne [and] Le persone che danno alla luce bambini di cui ci siamo presi cura, soprattutto nel nostro ospedale distrettuale, [make it] È davvero difficile andarsene. Scusa," ho iniziato a piangere.

Per questi pazienti, Söderholm decise che probabilmente sarebbe rimasta. Lo stesso non si può dire per molti altri futuri medici.

Questa storia nasce da una collaborazione di reportistica che include Indianapolis Recorder e Effetti collaterali dei media pubbliciun'iniziativa di notizie sulla salute pubblica con sede a WFII a Indianapolis.

#mentor #attacked #young #OBGYNs #leave #Indiana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.