‘Systemic Disparities’ Present in Residency Selection: Study

dopo lo shock, Un recente film che mette in evidenza la difficile situazione di due donne di colore che sono morte a causa di complicazioni legate al parto, può aiutare a continuare una conversazione nazionale sul tasso di mortalità materna nera negli Stati Uniti. Secondo i Centers for Disease Control and Prevention, il tasso di mortalità materna per le donne nere non ispaniche è 2,9 volte quello delle donne bianche non ispaniche.

Aumentare i ranghi delle donne di colore in ostetricia/ginecologia può aiutare. Ma prima, gli studenti universitari di medicina neri devono accedere ai programmi di residenza.

Un recente studio pubblicato in gamma Si concentra sulle differenze razziali ed etniche nella selezione della popolazione in undici discipline. I gruppi sottorappresentati nello studio sono stati definiti come neri, indiani d'America, nativi dell'Alaska, ispanici, ispanici, nativi hawaiani e isolani del Pacifico.

Il gamma Lo studio ha prodotto due risultati: i valutatori bianchi abbinati erano sovrarappresentati e i gruppi di minoranze razziali ed etniche non asiatiche erano sottorappresentati nelle 11 major competitive incluse nello studio.

Secondo i ricercatori, sono necessarie ulteriori ricerche per determinare le ragioni di queste differenze. Ciò include la valutazione durante le fasi di screening, revisione, intervista e valutazione del processo di selezione.

Ad esempio, in ostetricia e ginecologia, sebbene gli individui bianchi costituissero il 53% del gruppo richiedente, erano presenti in una proporzione maggiore tra la popolazione corrispondente, il 60%, nello studio. In confronto, il 19% dei richiedenti ostetricia/ginecologia è stato identificato come individui sottorappresentati, ma solo l'11% della popolazione corrispondente a ostetricia/ginecologia era sottorappresentata.

C'erano anche percentuali più basse di residenti corrispondenti tra i candidati sottorappresentati nelle altre 10 specialità studiate, tra cui chirurgia generale (15% di coorte di candidati; 9% di corrispondenza), medicina d'urgenza (12% di coorte di candidati; 7% di corrispondenza) e chirurgia Nevroticismo (13 % di richiedenti pool, 8% abbinato).

Sarah Bo, MD, specialista in otorinolaringoiatria pediatrica per l'aeronautica americana e coautrice dello studio, ha detto Notizie mediche di Medscape"Nel nostro studio, abbiamo trovato prove di una selezione sproporzionata, suggerendo che ci sono discrepanze sistemiche nel processo di selezione della residenza. Gli sforzi per diversificare la forza lavoro dei medici rimarranno stagnanti se gli sforzi di reclutamento non si tradurranno in tassi di selezione più proporzionali".

Fondamentale per affrontare questa sfida, ha affermato Poe, i medici e i leader medici stanno compiendo "sforzi mirati per sviluppare rappresentanti sottorappresentati nei candidati medici".

Ad esempio, i medici possono partecipare a organizzazioni di estensione che supportano gli studenti che sono sottorappresentati in medicina, come la National Medical Student Association (che sostiene gli studenti di medicina delle minoranze attuali e futuri) e la Latino Medical Students Association.

L'aumento della diversità migliora l'esperienza del paziente

Per i pazienti neri, vedere un medico nero può creare un senso di benessere e può ridurre l'ansia e il dolore, secondo uno studio del 2020 pubblicato su medicina del dolore. Ciò è significativo alla luce dello studio del 2016, pubblicato in Atti delle Accademie Nazionali delle Scienze, che ha scoperto che la metà degli studenti di medicina e dei residenti crede che i pazienti neri provino meno dolore dei pazienti bianchi.

Tuttavia, il numero di medici neri rimane ostinatamente basso. Uno studio del 2019 ha rilevato che gli studenti neri costituiscono il 2,9% degli studenti della National Medical School. Nel 1978, il 3,1% del personale del National Medical College era composto da studenti maschi neri. Del numero di uomini di colore nella scuola di medicina, il 15% è iscritto a scuole di medicina storicamente nere, come la Howard University School of Medicine, a Washington, DC, e il Meharry Medical College di Nashville.

Secondo l'American Association of Medical Colleges (AAMC), il 6,2% degli studenti delle scuole di medicina nel 2019 erano neri. Nel gennaio 2022, l'AAMC ha annunciato che il prossimo gruppo di studenti di medicina nell'autunno del 2021 era più vario che mai nella storia. Tra gli oltre 22.000 studenti che hanno iniziato la scuola di medicina nel 2021, il numero di persone di colore è aumentato del 21% rispetto all'anno precedente. Inoltre, secondo l'AAMC, c'erano l'8,3% di studenti asiatici nella scuola di medicina e il 7,1% in più di studenti ispanici o latini rispetto all'anno accademico precedente.

Circa il 2,6% di tutti i medici attivi negli Stati Uniti sono donne di colore.

David Satcher, MD, PhD, che ha servito come chirurgo generale degli Stati Uniti dal 1988 al 2002, ha scritto un articolo di punto di vista pubblicato su gamma nel 2021 sull'urgenza di reinventare il rapporto medico-paziente, a causa delle disparità razziali legate alla pandemia di COVID-19.

Satcher, che è stato anche presidente del Mehari Medical College, ha osservato che l'aspettativa di vita è diminuita di circa 2,7 anni per i neri e di circa due anni per i latini nei primi sei mesi del 2020. In confronto, si stima che i bianchi abbiano perso meno. da 1 anno.

Gamma. Pubblicato online il 28 giugno 2022. Abstract

I commenti di Bowe sono suoi e non riflettono la politica ufficiale dell'aeronautica americana.

Aine Cryts è una veterana dell'informatica sanitaria e scrittrice sanitaria.

Per ulteriori notizie, segui Medscape su Facebook, Twittere Instagram e YouTube.

#Systemic #Disparities #Present #Residency #Selection #Study

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.