Beach Vacationers Are Doing It Wrong

Ah, estate! In questo momento, potresti desiderare o addirittura prepararti per la vacanza dei tuoi sogni: una vacanza piena di riposo e relax. Lunghi giorni estenuanti senza far nulla, magari sdraiati sulla spiaggia o nascosti in una capanna da qualche parte lontano dalla città. Immagina quanto sei felice.

Quindi immagina quanto saresti annoiato. Quando ti sdrai sotto il sole cocente in spiaggia, rimarrai ancora bloccato nella tua testa e avrai tutto il tempo per pensare ai tuoi problemi. Con tua sorpresa, potresti iniziare a sentirti solo e annoiato, persino ansioso, con tutto questo tempo libero. La verità è che quando si tratta di vacanza, riposo e relax non è un'esagerazione. Potrebbero anche agire contro le stesse cose che il viaggio mira a coltivare: ripristinare la mia mente, sentirmi rilassato, felice. La vacanza migliore è quella in cui l'esercizio fisico vigoroso è più importante. In questo modo puoi prenderti una pausa non solo dal lavoro e dalla vita di routine, ma anche dalla tirannia dell'auto-indulgenza.

Di recente, un caro amico e sua moglie hanno invitato me e mio marito a unirci a loro durante la loro vacanza in bicicletta. Ero un po' nervoso, sono un nuotatore serio ma non un pilota esperto. Percorrere da 30 a 40 miglia al giorno attraverso le splendide colline di Vancouver per cinque giorni è stato un duro lavoro, non un divertimento. Ma alla fine del primo giorno di guida, una calma beata aveva preso il sopravvento.

L'attività di correre in collina con una bicicletta ha un modo speciale per attirare la tua attenzione. Ero così impegnato a pensare se potevo mantenere il mio ritmo per la prossima escursione e quanto velocemente potevo andare in discesa senza nemmeno asciugarmi che non avevo tempo per pensare da solo. Non vedo l'ora di alzarmi presto e andare in viaggio. Ho vagato per le montagne e le foreste piene di cedri e abeti, ma il mio obiettivo era davvero la bici e la strada.

Una mente errante, spesso egocentrica, generalmente non è felice. In uno studio, i ricercatori hanno inviato messaggi casuali alle persone sui loro dispositivi intelligenti durante il giorno chiedendo loro cosa stessero facendo e come si sentissero. Il team ha scoperto che i partecipanti erano più felici quando si impegnavano in un'attività e non pensavano tanto a nient'altro, ed erano meno felici quando sognavano ad occhi aperti e si occupavano dei propri pensieri. Questo vagare mentale era almeno alquanto frequente in tutte le attività riportate tranne che nel sesso. In un altro studio, le persone che sono rimaste occupate fisicamente erano più felici di quelle che erano inattive, anche quando costrette a tenersi occupate.

Quando siamo veramente Impegnati in attività, abbiamo meno possibilità di preoccuparci e di sentirci male. Ciò può essere dovuto al fatto che concentrarsi su un'attività calma temporaneamente la rete predefinita, un gruppo di regioni cerebrali interconnesse che sono più attive quando una persona si concentra su se stessa, pensa al passato o immagina il futuro. La rete virtuale viene disattivata quando le persone si concentrano sul mondo esterno, cosa interessante, quando usano una droga. In altre parole, quando la nostra piena attenzione è focalizzata su qualcosa al di fuori di noi stessi, siamo liberati dallo scomodo fardello dell'autocoscienza.

Gli scienziati non possono fotografare le persone in movimento, ma è una buona scommessa che l'esercizio calmerà la rete virtuale. In una certa misura, possono essere sufficienti anche altre attività di assorbimento, come risolvere enigmi matematici o lavorare a maglia. Idem per cucinare e dipingere. Ma penso che nulla abbia l'effetto unico dello sforzo fisico, che non solo interrompe l'autoassorbimento, ma innesca effetti biologici - come il rilascio di endorfine - che provocano una sensazione di benessere e, se siamo fortunati, diffonde euforia. L'esercizio ci dà un senso di realizzazione e padronanza, ci stressa e migliora il nostro sonno in un modo diverso dalla lettura, dall'ascolto di podcast e dall'ascolto della musica.

Per correttezza verso il salotto del riposo e del relax, un po' di introspezione fa davvero bene, e la capacità di tollerare la pigrizia e la noia è un segno di forza psichica. Sono uno psicologo clinico e so benissimo che la comprensione di sé è un obiettivo caro della mia terapia. Ma troppo autoesame non ti rende più felice o più illuminato. Inoltre, le vacanze non sono il momento di lavorare su quell'abilità. Puoi incorporare momenti di pigrizia nella tua vita quotidiana se vuoi migliorare a sederti con te stesso, ma il tempo libero è un momento per sentirti bene ed eludere le responsabilità, comprese quelle che ricadono sulle tue spalle. Di conseguenza, dovresti fare ciò che ti fa sentire bene, e questa è attività, non pigrizia.

Questo consiglio può suonare eretico a causa della deflazione, ma in realtà è basato sulla mia esperienza con i pazienti. Passo molto tempo a cercare di far sì che la mia depressione e ansia smettano di fissare l'ombelico improduttivo e di interagire con il mondo esterno e le altre persone. Un ex paziente che aveva deciso di trascorrere una vacanza rilassante in Italia affittò una villa, si sedette intorno alla piscina con una pila di libri tutto il giorno e presto cadde in uno stato di ansiosa miseria. Quando mi ha mandato un'e-mail sulla sua prova, gli ho detto di alzarsi e andare con sua moglie ogni giorno. Tornò dal suo viaggio dopo due settimane, leggeva a malapena un libro, ma era molto rilassato e felice. Trascorreva quasi tutto il suo tempo fuori, camminando e mangiando.

I benefici psicologici dello sforzo non si applicano solo alle vacanze; Sono per tutti in qualsiasi momento. Mio suocero, 86 anni, con un feroce appetito intellettuale, non sembra mai così allegro e vivace come dopo un breve giro in giro per il quartiere con la sua bici al minimo. Ma affrontare una sfida fisica mentre si è in vacanza è particolarmente prezioso. Garantito per fare molte pause mentre sei via, è una tentazione di pigrizia, divagazione mentale e infelicità, a tutte cose che possono essere risolte con l'esercizio. Hai anche molto più tempo durante le vacanze che nella vita normale, quindi puoi davvero entrare nella zona e divertirti.

Non voglio che pensiate che i benefici psicologici di una vacanza attiva richiedano di viaggiare lontano, acquistare attrezzature stravaganti o fare di tutto. Non devi andare in bicicletta per 40 miglia al giorno o fare escursioni dall'alba al tramonto. Forse potresti provare a fare lunghe e vigorose passeggiate ogni mattina del tuo viaggio o fare stretching per 30 minuti al giorno. Tutto ciò che conta è che il tuo sforzo superi la tua normale attività fisica di base abbastanza da attirare la tua attenzione. Respira abbastanza forte da poter dimenticare le viste sulle montagne intorno a te o la fresca brezza dell'oceano, e potresti scoprire che dimenticherai anche le tue preoccupazioni.

#Beach #Vacationers #Wrong

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.