Transplant team helps aunt realize life-saving dream for 2-year-old niece

Natalyn Mann aveva solo un anno e mezzo quando i genitori della ragazza Beaufort si resero conto che qualcosa non andava. "Non voleva alzarsi. Era molto letargica e gonfia e non faceva pipì", ha detto sua madre, Erica Mann.

"Così abbiamo chiamato il numero sul retro della sua tessera Medicaid. Era il weekend del Memorial Day, quindi gli studi medici non erano aperti. Ci hanno detto di darle Benadryl e di aspettare 12 ore. Se non fa pipì, portala all'ospedale. E io sono tipo, 12 ore saranno come le tre del mattino. Dobbiamo prenderlo ora. "

Lei e il padre di Natalyn hanno portato la figlia in un ospedale locale. "Al Beaufort Memorial, sono tipo, 'Sì, dobbiamo fare i test. Dopodiché, "dobbiamo fare più test". Mia moglie ha subito detto: "Quando hanno ripetuto il test, non hanno gradito i risultati del primo test", ha detto Mikkel Mann.

Lei aveva ragione. I risultati hanno mostrato che era in una crisi medica.

"Un bel giorno Natalyn. Il giorno prima stava giocando, nuotando, saltando sul trampolino. Voglio dire, molto attiva. Il giorno dopo hanno mandato un elicottero da Charleston a prenderla", ha detto suo padre.

Natalyn è arrivata al MUSC Shawn Jenkins Children's Hospital con insufficienza renale. Presentava stenosi bilaterale dell'arteria renale e sclerosi mesangiale diffusa. Le arterie dei suoi reni erano troppo strette, il che influiva sul flusso sanguigno e causava l'ipertensione.

Natalyn beve acqua, un'abitudine che ha preso da sua zia Sarah. foto di Sara Buck

Prabhakar Baleja, MD, presidente del dipartimento di chirurgia presso la Medical University of South Carolina, ha dovuto lavorare. "In giovane età, ho dovuto prenderle i reni. Sfortunatamente, sono stato limitato alla dialisi abbastanza presto".

L'emodialisi coinvolge una macchina che fa il lavoro dei reni. "La dialisi dei bambini non è una buona opzione perché influisce sulla crescita e sullo sviluppo", ha detto Baleja.

Suo padre ha detto che i genitori di Natalin erano scioccati. "Abbiamo passato giorni qui dormendo in turni di 30 minuti, praticamente privi di sensi. Cerchiamo di stare svegli tutto il tempo per assicurarci che stia bene. È solo una bambina. Poi l'hanno collegata alle macchine 24 ore al giorno. E sai, la prima idea è: "È quello che stai ottenendo ora? È così che vive? La sua vita è legata a una macchina?"

Successivamente, hanno appreso che Natalyn potrebbe ottenere un trapianto di rene che la libera dalla dialisi, se trovano un donatore. "Provi un senso di sollievo. Come se ci fosse qualcosa, una luce, qualcosa a cui guardare con impazienza", ha detto suo padre.

Immediatamente Sarah Cathy, sorella della madre di Natalyn, si offrì di donare uno dei suoi reni. "Abbiamo sempre avuto un legame molto stretto", ha detto Cathy.

Ma c'era un problema. "Ero morbosamente obeso. Non ero nemmeno idoneo a farmi controllare il peso. "

Stanza d'ospedale buia con Sarah Cathy e sua nipote Natalyn Mann addormentate dopo che uno dei reni di Cathy è stato trapiantato nella bambina.
Sarah Cathy e sua nipote Natalyn sono in ospedale per un intervento chirurgico di trapianto. Il catetere ha perso più di 100 libbre per rendere possibile questa operazione. Ho inviato la foto

Cathy, un paramedico, era alta 5 piedi e 6 pollici e pesava 278 libbre. Credimi, ci ho provato e riprovato. Ma non avevo una vera ragione per essere in salute. Non sono mai stato preoccupato per me stesso. Mi preoccupo per tutti gli altri. Ed è il tipo di persona che sono adesso. Ma vederla lottare e sapere che aveva un disperato bisogno di lei mi ha reso determinato".

Ha ridotto le calorie e si è esercitata, ispirata da sua nipote con cui occasionalmente parlavo mentre ero sul tapis roulant. Il suo peso è sceso a circa 150. Paleja, il chirurgo di Natalin, è rimasto sbalordito.

"Penso che qualcuno si faccia avanti e poi scopra che non era idoneo dal punto di vista medico, all'inizio, ma poi deve avere quell'impegno e perdere quel peso e tornare con quell'impegno a donare - questo la dice lunga per molti quella persona."

Ha descritto i donatori viventi come Cathy come i veri eroi del mondo dei trapianti: "Molte persone lavoreranno nell'altro modo. Ci sono, sai, cento o mille ragioni per non farlo. Per una persona sana, donare un l'organo è una cosa enorme. È una decisione enorme".

Erica Mann aiuta con il tubo medico di sua figlia.  Natalyn, 2 anni, indossa un abito da principessa blu.
Erica Mann con sua figlia Natalyn al MUSC Shawn Jenkins Children's Hospital dopo l'intervento chirurgico di trapianto di Natalyn. foto di Sara Buck

Il 6 luglio, Baliga ha trapiantato uno dei reni di Cathey in Natalyn, uno dei circa 400 trapianti di rene che il suo team esegue ogni anno, e MUSC Health ha uno dei più grandi programmi di trapianto di rene nel paese.

"Nei pazienti pediatrici, una delle cose a cui stai attento è la dimensione dei vasi sanguigni. E in secondo luogo, devi stare attento che ci sia abbastanza spazio per il rene adulto e non venga compresso, altrimenti la vena può coagulo in particolare”.

L'operazione ha avuto successo. Baliga ha accreditato non solo Cathy, ma il team di specialisti del MUSC Health e del MUSC Shawn Jenkins Hospital for Children che si sono uniti per realizzarlo. "Penso che avere un ospedale e un sistema in grado di riunire tali talenti e abilità sia fondamentale per il successo", ha affermato Baleja.

Prabhakar Baleja, MD
Dott.. Prabhakar Baleja

"Il programma di trapianto renale pediatrico, almeno negli ultimi 25 anni, ha avuto una sopravvivenza del paziente del 100% un anno dopo il trapianto, con l'eccezione di un bambino che purtroppo abbiamo perso a causa del coronavirus. Quindi, nel complesso, è un programma di grande successo".

La madre di Natalyn era felice e grata che sua figlia avrebbe ricominciato. "Ora potrà fare quello che vuole. Non sarà il suo ultimo trapianto. Alla fine ne avrà bisogno di un altro. Ma questo la porterà, si spera, al liceo e all'età adulta".

Kathy ha detto che era orgogliosa della sua capacità di aiutare. "Penso di essere solo un buon essere umano. Ho fatto quello che farebbe qualsiasi membro della famiglia. Ed è bello. Voglio vederla crescere, voglio vedere la sua esperienza di vita, e non potrebbe farlo senza tubi e dottori e stare lontano dalla sua famiglia".

Ha anche incoraggiato gli altri a considerare di diventare donatori viventi. Condividi i tuoi pezzi di ricambio. Dai a qualcuno un'altra possibilità. Avevo già deciso che se non fossi stato all'altezza di lei, quando stavo perdendo peso, avrei comunque rinunciato ai miei reni. Perché per vedere la mia famiglia lottare, non volevo che nessun altro lottasse. Quindi stavo per fare una donazione a prescindere. Sono contento che abbiamo fatto una partita perfetta".

Lei e Natalyn sono tornate a casa adesso. La madre di Natalyn ha descritto l'aspetto di sua figlia. “Svergognoso, intelligente. E semplicemente una persona meravigliosa e divertente".

Il padre di Natalyn aveva dei consigli per altri padri. "Guarda come si comportano i tuoi figli. Se qualcosa è anormale, assicurati di controllarlo. Perché se aspettiamo un altro giorno, non sarai qui in questo momento. "

#Transplant #team #helps #aunt #realize #lifesaving #dream #2yearold #niece

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.