Gluten Often Causes Brain Symptoms, Not Gut Symptoms

Nonostante ricerche consolidate, poche persone conoscono le comuni conseguenze neurologiche del glutine

La ricerca mostra che la maggior parte dei casi di sensibilità al glutine appare nel cervello, non nell'intestino. In effetti, l'effetto del glutine sul cervello è così ben stabilito che alcuni ricercatori chiamano la sensibilità al glutine una malattia neurologica.

Il glutine è uno degli alimenti più reattivi al sistema immunitario: nessun alimento diverso dal glutine è causa di disfunzione neurologica e autoimmunità, secondo una ricerca pubblicata sul World Journal of Gastroenterology.

Ciò deriva in parte dall'intima relazione tra l'intestino e il cervello. Gli alimenti che mangiamo e la salute dell'intestino hanno un profondo impatto sulla salute del cervello.

Ad esempio, gli studi dimostrano che le cellule immunitarie nell'apparato digerente chiamate cellule gliali enteriche stimolano le cellule immunitarie cerebrali, o astrociti, un'altra recensione pubblicata su Science notes.

Ciò significa che l'infiammazione intestinale e le allergie alimentari possono causare encefalite e portare all'autoimmunità nel cervello, accelerando la degenerazione cerebrale e causando un'ampia gamma di sintomi, a seconda della persona.

I sintomi possono includere:

  • depressione
  • cervello annebbiato
  • perdita di memoria
  • disturbi d'ansia
  • declino cognitivo
  • irritabilità
  • Scarsa concentrazione e concentrazione
  • Problemi al sistema nervoso
  • disturbi psichiatrici
  • perdita dell'udito precoce
  • neuropatia
  • demenza e così via.

Il glutine provoca problemi al cervello, non all'intestino: studio

La maggior parte della letteratura neurologica mostra che la sensibilità al glutine può essere principalmente, e talvolta esclusivamente, una malattia neurologica, secondo una revisione della ricerca pubblicata sul Journal of Neuroscience, Neurosurgery, and Psychiatry.

Non è necessario che tu abbia la celiachia perché questo sia il caso, poiché si applica anche alla sensibilità al glutine non celiaca. Tuttavia, la celiachia può presentarsi anche solo come sintomi neurologici.

La ricerca mostra che solo il 13% delle persone con atassia da glutine (una condizione infiammatoria cerebrale causata dal glutine) ha sintomi gastrointestinali. Quasi il 90 per cento di questi individui non ha avuto alcun disturbo digestivo, ha scoperto uno studio pubblicato sulla rivista Brain.

Quando la celiachia o una sensibilità al glutine provocano sintomi nel cervello, seguire una dieta rigorosamente priva di glutine può portare a una profonda inversione dei sintomi.

Potrebbe anche essere necessario rimuovere i latticini dalla tua dieta, poiché reagisce con il glutine, il che significa che il tuo sistema immunitario scambia i latticini per il glutine a causa della sequenza di aminoacidi simile, secondo uno studio pubblicato su Food and Nutrition Sciences.

La maggior parte dei medici ignora l'effetto del glutine sul cervello

La ricerca pubblicata e le indagini di laboratorio hanno scoperto che l'infiammazione gastrointestinale causata dalla sensibilità al glutine può portare a lesioni della sostanza bianca nel cervello. Le lesioni della sostanza bianca sono aree di danno osservate alla risonanza magnetica in condizioni neurodegenerative come la sclerosi multipla. È stato dimostrato che anche le malattie infiammatorie intestinali causano lesioni della sostanza bianca a causa del rapporto tra intestino e cervello o dell'asse intestino-cervello.

Sebbene la ricerca abbia stabilito un legame tra glutine e malattie neurodegenerative, la maggior parte dei medici ignora questo meccanismo negli scenari clinici.

I neurologi di solito non esaminano i meccanismi dell'apparato digerente: non eseguono test di sensibilità alle proteine ​​gastrointestinali o alimentari e non valutano la celiachia. Queste questioni sono lasciate al gastroenterologo.

Tuttavia, poiché la maggior parte delle persone con problemi neurologici non ha problemi intestinali, non si rivolge all'ufficio di un gastroenterologo.

Inoltre, il modello sanitario standard di solito considera solo la celiachia e non la sensibilità al glutine.

Il test standard di sensibilità al glutine manca la maggior parte delle diagnosi

Il test standard per la sensibilità al glutine è ancora breve. Questo perché verifica solo l'alfa-gliadina. In effetti, le persone possono avere una reazione immunitaria a molti composti diversi presenti nel grano. Per verificare davvero la sensibilità al glutine, è necessario un test degli anticorpi immunoglobuline per tutti questi composti.

Il grano è composto da più di 100 ingredienti diversi che possono causare una reazione, non solo un ingrediente. Chiunque può reagire con una delle tante proteine ​​presenti nel grano o una combinazione di proteine, peptidi ed enzimi legati al grano.

È meglio esaminare altri immunocomplessi associati al glutine oltre alla sola alfa-gliadina. Questi includono agglutinina di germe di grano, alfa-gliadina nativa e ridotta, peptidi tossici gliadina, gamma-gliadina, omega-gliadina, glutenina, gluttomorfina, prodenorfina e transglutaminasi 2, 3 e 6.

È anche ideale per verificare la presenza di altri alimenti che interagiscono con il glutine, come latticini o altri cereali. Conoscere la reattività crociata aiuta i pazienti a eliminare gli alimenti a cui il sistema immunitario risponde erroneamente come se fossero glutine.

Esistono diverse forme di intolleranza al glutine che puoi identificare e testare.

Come una reattività al glutine può danneggiare il cervello

La reattività crociata, nota anche come mimetismo molecolare, è uno dei modi più spaventosi in cui il glutine colpisce il cervello. Ciò si verifica quando il sistema immunitario scambia il tessuto cerebrale per il glutine e attacca e distrugge il tessuto. Lo fa perché sia ​​il glutine che il tessuto cerebrale contengono proteine ​​costituite da sequenze identiche di aminoacidi.

La parte del cervello chiamata cervelletto è molto sensibile al glutine. Quando le persone hanno anticorpi contro il glutine, questi anticorpi possono anche legarsi al tessuto cerebellare, segnalando al sistema immunitario di attaccare, distruggere e rimuovere il tessuto.

Questo è chiamato atassia cerebellare e può portare a scarso equilibrio, aumento dell'ansia, sensibilità ai suoni e alla luce, affaticamento facilmente e altri sintomi.

I tuoi sintomi neurologici potrebbero essere causati dal glutine?

Se questi sintomi si applicano a te, seguire una dieta rigorosamente priva di glutine può avere risultati profondi. Potrebbe anche essere necessario eliminare gli alimenti che interagiscono con il glutine, come latticini o altri cereali.

Per vedere il mio webinar di 1 ora e le domande e risposte su questo argomento, visita questo link.

Datis Kharazian, Ph.D., DHSc, DC, MS, MMSc, ​​FACN è una Harvard Medical School, pluripremiato ricercatore clinico, professore accademico e fornitore di assistenza sanitaria di medicina funzionale di fama mondiale. Promuove l'educazione di pazienti, professionisti e risorse nelle aree delle malattie autoimmuni, neurologiche e croniche non specifiche utilizzando applicazioni non farmaceutiche.

Fonti

Hadjivassiliou M, Grünewald RA, Davies-Jones GA. La sensibilità al glutine come malattia neurologica. J Neurol Neurochirurgia Psichiatria. 2002; 72 (5): 560–563. doi: 10.1136/jnnp.72.5.560

Losurdo G, Principi M, Iannone A, et al. Manifestazioni extraintestinali della sensibilità al glutine non celiaca: un modello esteso. Mondo J Gastroenterol. 2018; 24 (14): 1521–1530. doi: 10.3748/wjg.v24.i14.1521

Agirman G, Yu KB, Hsiao EY. Segnalazione dell'infiammazione attraverso l'asse intestino-cervello. Scienze. 2021; 374 (6571): 1087-1092. doi: 10.1126/scienza. abi6087

Rosso R, Cristiano C, Avagliano C, et al. L'asse intestino-cervello: il ruolo dei lipidi nella regolazione dell'infiammazione, del dolore e delle malattie del sistema nervoso centrale. Curr Med Chem. 2018; 25 (32): 3930–3952. doi: 10.2174/0929867324666170216113756

Hadjivassiliou M, Grünewald R, Sharrack B, et al. L'atassia del glutine in prospettiva: epidemiologia, suscettibilità genetica e caratteristiche cliniche. cervello. 2003; 126 (parte 3): 685-691. doi: 10.1093/cervello/awg050.

Voidani, Aristo. (2013). Reattività crociata tra Gliadin e vari antigeni tissutali e alimenti. Scienze alimentari e nutrizione. 04. 20-32. 10.4236/fns.2013.41005.

Casella G, Bordo BM, Schalling R, et al. Disturbi neurologici e celiachia. Minerva Gastroenterol Dettol. 2016; 62 (2): 197-206.

Ferro JM, Oliveira SN, Correia L. Manifestazioni neurologiche di malattie infiammatorie intestinali. HandB Clinic Neurol. 2014; 120: 595-605. doi: 10.1016/B978-0-7020-4087-0.00040-1

Mitoma H, Manto M, Hampe CS. Atassia cerebellare immuno-mediata: linee guida pratiche e sfide terapeutiche. Nucleo Neurofarmaco. 2019; 17 (1): 33–58. doi: 10.2174/1570159X16666180917105033

#Gluten #Brain #Symptoms #Gut #Symptoms

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.