OPEC+ boosts oil output by slower pace than previous months

L'Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio e i suoi alleati hanno deciso mercoledì di aumentare la produzione a settembre a un ritmo molto più lento rispetto ai mesi precedenti in un momento di prezzi elevati della benzina e forniture di energia instabili esacerbate dalla guerra della Russia contro l'Ucraina.

L'OPEC, guidata dall'Arabia Saudita e dai suoi alleati guidati dalla Russia, ha dichiarato che aumenterà la produzione a 100.000 barili al giorno il mese prossimo, dopo averla aumentata di 648.000 barili al giorno a luglio e agosto. Il gruppo ha esaminato gli effetti che l'inflazione sbalorditiva e i tassi più elevati di COVID-19 potrebbero avere sulla domanda globale di carburante in autunno.

Ciò arriva dopo che il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha visitato l'Arabia Saudita il mese scorso, con l'obiettivo di migliorare le relazioni e incoraggiare una maggiore produzione di petrolio da parte dell'organizzazione per ridurre i prezzi elevati alla pompa. Sebbene i prezzi della benzina siano in calo, sono ancora alti e rappresentano un problema politico per lui con l'aumento dell'inflazione.

Dopo l'incontro non è stato annunciato un accordo per la produzione di petrolio, ma Biden ha affermato di aspettarsi che l'OPEC adotti misure per aumentare la produzione nelle prossime settimane. Quelle speranze non sono state soddisfatte.

Di conseguenza, "gli Stati Uniti potrebbero essere alla ricerca di altre fonti di petrolio, che si tratti del Venezuela o dell'Iran", ha affermato Jack Russo, amministratore delegato di Clearview Energy Partners.

L'amministrazione Biden sta anche incoraggiando l'industria petrolifera e del gas statunitense ad aumentare la produzione.

"Ho appena visto i risultati del secondo trimestre di alcune di queste società. Si tratta di profitti record", ha dichiarato mercoledì alla CNBC Amos Hochstein, consigliere senior per la sicurezza energetica del Dipartimento di Stato. "Dovrebbero investire nuovamente quei dollari per aumentare la produzione".

L'alleanza OPEC+ ha tagliato la produzione durante la pandemia con prezzi e domanda del petrolio più bassi e tali tagli scadranno a settembre. Il gruppo stava gradualmente aggiungendo più petrolio e gas al mercato man mano che le economie si riprendevano.

Alcuni paesi dell'OPEC, come l'Angola e la Nigeria, producevano meno della quantità concordata. D'altra parte, Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti hanno la capacità di aumentare la produzione.

Russo ha detto che la decisione dell'OPEC sembra essere un tentativo di placare quei paesi che non possono produrre di più.

"Ogni volta che aumenti l'obiettivo, ci sono paesi che non possono partecipare", ha aggiunto. "Se aumenti la produzione solo di 100.000 barili al giorno, è solo un piccolo pezzo per tutti".

Di conseguenza, la quantità di petrolio sul mercato potrebbe non tenere il passo con la domanda, quindi i prezzi elevati del petrolio potrebbero persistere per qualche tempo.

Il prezzo del petrolio è aumentato notevolmente dopo l'invasione russa dell'Ucraina a febbraio. È leggermente diminuito dall'ultima riunione dell'OPEC, ma mercoledì è aumentato leggermente. Un barile di greggio statunitense di riferimento è stato venduto mercoledì per poco più di $ 94, rispetto a più di $ 105 al barile un mese fa. Il greggio Brent, il benchmark internazionale, ha venduto poco più di $ 100 al barile mercoledì, in calo di circa $ 110 rispetto al mese scorso.

Le esportazioni russe di petrolio e gas naturale nel mondo sono crollate poiché molti paesi hanno imposto sanzioni o ridotto gli acquisti da un importante fornitore a causa della sua invasione dell'Ucraina. La Russia ha anche tagliato o sospeso il gas naturale da dozzine di paesi europei, facendo aumentare ulteriormente i prezzi dell'energia, comprimendo il potere d'acquisto delle persone e minacciando di provocare una recessione se i paesi non riescono a immagazzinare abbastanza gas per trascorrere l'inverno.

È il primo incontro mensile ufficiale del gruppo OPEC+ da quando il suo leader, Muhammad Sanusi Barkindo, è morto il mese scorso all'età di 63 anni nella sua nativa Nigeria. Haitham Al-Ghais, un veterano della Kuwait Petroleum Corporation, ha assunto questa settimana la carica di Segretario generale dell'OPEC.

Negli Stati Uniti, un gallone di benzina normale è stato venduto mercoledì per una media di $ 4,16. È significativamente inferiore rispetto a giugno, quando la media nazionale ha superato i $ 5 al gallone, ma è ancora dolorosamente alta per molti lavoratori e famiglie in prima linea e circa il 31% in più rispetto a quanto pagavano i conducenti un anno fa.

Lo scrittore dell'Associated Press Zeke Miller a Washington ha contribuito a questo rapporto.

Copyright 2022 Associated Press. Tutti i diritti riservati. Questo materiale non può essere pubblicato, trasmesso, riscritto o ridistribuito senza autorizzazione.

#OPEC #boosts #oil #output #slower #pace #previous #months

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.