Prior HF, diabetes, polyvascular disease raise risk for HF hospitalization

02 agosto 2022

3 minuti per leggere

Fonte/Informazioni

Divulgazioni: Bonaca riferisce di aver ricevuto sovvenzioni da Amgen, AstraZeneca, Merck, Novo Nordisk, Pfizer e Sanofi. Si prega di consultare lo studio per tutte le informazioni finanziarie rilevanti di altri autori.

Non siamo stati in grado di elaborare la tua richiesta. Per favore riprova più tardi. Se il problema persiste, contattare customerservice@slackinc.com.

I dati hanno mostrato che nei pazienti con malattia cardiovascolare aterosclerotica stabile, quelli con precedente insufficienza cardiaca avevano una probabilità otto volte maggiore di essere ricoverati in ospedale per insufficienza cardiaca durante il follow-up.

Anche in questo gruppo, il diabete di tipo 2 e le malattie vascolari multiple hanno più che raddoppiato il rischio di ricovero ospedaliero per SC.

Rappresentazione grafica dei dati presentati nell'articolo
I dati sono stati derivati ​​da Freedman BL, et al. Cardiolo pulito. 2022; doi: 10.1002/clc.23843.

In un'analisi di oltre 26.000 adulti che hanno partecipato allo studio TRA 2°P-TIMI 50, i ricercatori hanno anche scoperto che, a 3 anni, gli esiti tra i pazienti ricoverati in ospedale erano scarsi; Il 30% ha richiesto il ricovero in terapia intensiva e quasi il 10% è morto.

Marco B. Bunaka

"Nei pazienti con malattia aterosclerotica vascolare, siamo adeguatamente preoccupati per gli eventi avversi della trombosi arteriosa, come infarto del miocardio e ictus", Marco B. BunakaE il MD, MPH, FAHA, FACC, Ha detto a Healio il direttore esecutivo della Clinical Research CPC, professore di cardiologia e medicina vascolare e direttore della ricerca vascolare presso la University of Colorado School of Medicine. "Tuttavia, quando questi pazienti sviluppano insufficienza cardiaca e vengono ricoverati in ospedale per insufficienza cardiaca, i loro esiti successivi sono scarsi e caratterizzati da frequenti ospedalizzazioni e decessi. Pertanto, anche la prevenzione dell'insufficienza cardiaca in questa popolazione dovrebbe essere considerata una priorità. Quindi, ovviamente, la domanda è chi è più probabile che sviluppi questa complicanza. Nell'analisi attuale, i dati mostrano che le persone con diabete di tipo 2, malattia delle arterie periferiche e malattie vascolari. "

Valutazione dei dati dello studio TIMI دراسة

Bunaka e colleghi hanno analizzato i dati di 26.449 adulti con ASCVD stabile partecipanti allo studio TRA 2°P-TIMI 50, uno studio randomizzato, controllato con placebo (Zontivity, Xspire Pharma) per valutare (Zontivity, Xspire Pharma) in pazienti con infarto miocardico, ictus o PAD prima dell'iscrizione.

I ricercatori hanno valutato gli eventi di trattamento negli ospedali ad alta frequenza; I predittori indipendenti del rischio di ospedalizzazione per SC sono stati identificati utilizzando la regressione logistica.

L'incidenza del ricovero per SC a 3 anni è stata dell'1,6%.

Il precedente SC era il più grande fattore predittivo di ospedalizzazione per SC, con un OR aggiustato di 8,31 (IC 95%, 6,56-10,54), seguito da diabete di tipo 2 (aOR = 2,55; IC 95%, 2,01-3,24), malattie vascolari multiple (2 ‐) malattia di zona, aOR = 1,89; IC 95%, 1,46-2,44; malattia della tripla zona, aOR = 2,68; IC 95%, 1,94-3,7), età (aOR per 10 anni = 1,67; IC 95%, 1,47-1,89), malattia renale cronica (aOR = 1,65; IC 95%, 1,3-2,11), ipertensione (aOR = 1,65) 1,44; IC 95%, 1,02-2,04), IM precedente (aOR = 1,35; IC 95%, 1,03-1,78) e BMI (aOR per 5 kg/m22 = 1,15; IC 95%, 1,03-1,27).

Secondo i ricercatori, i partecipanti che sono stati ricoverati in ospedale per insufficienza cardiaca durante il follow-up hanno avuto tassi più elevati di riospedalizzazione e morte successive.

Dei 353 pazienti trattati in ospedale, il 30% ha richiesto il ricovero in terapia intensiva e l'8,8% è morto prima di lasciare l'ospedale. Alla fine del follow-up, CV e tutte le cause di morte tra i pazienti che hanno subito un evento di ricovero per SC erano rispettivamente del 28% e del 35%.

Vorapaxar non ha modificato il rischio di ricovero per SC.

L'importanza di un trattamento medico mirato

"È chiaro che coloro che hanno una storia di insufficienza cardiaca dovrebbero essere trattati secondo le attuali linee guida per prevenire il ripetersi del ricovero o della morte", ha detto Bonaka a Healio. "Per i pazienti con diabete che non hanno una storia di insufficienza cardiaca, ciò sottolinea l'importanza di utilizzare trattamenti come gli inibitori SGLT2 per prevenire l'insufficienza cardiaca. Ciò è stato chiaramente dimostrato nello studio DECLARE-TIMI 58, ma questi trattamenti rimangono sottoutilizzati. Abbiamo bisogno della scienza dell'implementazione per capire come migliorare la traduzione di quei trattamenti".

Bonaka ha affermato che l'osservazione che l'arteriopatia periferica e la malattia vascolare multipla sono associate indipendentemente a un aumentato rischio di primo ricovero è nuova.

"Dobbiamo capire di più sulla biologia", ha detto Bonaka. "È in parte dovuto al fatto che sono più anziani, hanno più malattie renali e altre comorbidità? Questa analisi dice probabilmente non poiché ci siamo adeguati per tutti questi fattori. Forse ci sono fattori biologici diretti, come l'aterosclerosi, nelle persone con grave aterosclerosi sistemica che Può aumentare direttamente l'insufficienza cardiaca. Questa è forse la scoperta più interessante ed eccitante e indica che dovremmo studiare l'insufficienza cardiaca nelle arteriopatie periferiche, nelle malattie vascolari multiple e nelle strategie di riduzione del rischio di HIV".

per maggiori informazioni:

Marco B. BunakaE il MD, MPH, FAHA, FACC, Può essere contattata a marc.bonaca@cpcmed.org; Twitter: Incorpora il tweet.

#Prior #diabetes #polyvascular #disease #raise #risk #hospitalization

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Proin diam justo, scelerisque non felis porta, placerat si. Vestibulum ac elementum massa. In rutrum quis risus quis sollicitudin.

navigation
newsletter
contact info
1, My Address, My Street, New York City, NY, USA