Black, Hispanic patients with hepatocellular carcinoma less likely to receive immunotherapy

02 agosto 2022

2 minuti per leggere

Fonte/Informazioni

Divulgazioni: Yang ha riferito di un ruolo di consulenza con Eisai e Exact Sciences. Si prega di consultare lo studio per tutte le informazioni finanziarie rilevanti degli autori.

Non siamo stati in grado di elaborare la tua richiesta. Per favore riprova più tardi. Se il problema persiste, contattare customerservice@slackinc.com.

I risultati dello studio hanno mostrato che i pazienti neri e ispanici con carcinoma epatocellulare avanzato avevano meno probabilità rispetto ai loro colleghi bianchi di ricevere l'immunoterapia, che sembrava essere più efficace della chemioterapia per la malattia.

I risultati sono pubblicati in Malattie del fegatosuggeriscono che è necessario un approccio globale per monitorare ed eliminare le disparità razziali ed etniche nella gestione dell'HCC avanzato, osservano i ricercatori.

Odds ratio aggiustati per la somministrazione di immunoterapia rispetto a (pazienti bianchi)

Giustificazioni e metodi

Storicamente, le minoranze razziali ed etniche sono state sottorappresentate negli studi clinici e nei trattamenti sperimentali contro il cancro. Come per altri trattamenti, c'è anche preoccupazione per le potenziali disparità razziali ed etniche nell'accesso precoce all'immunoterapia tra i pazienti con cancro al fegato negli Stati Uniti". Ju Dongyang, medico, Un gastroenterologo nella divisione di gastroenterologia ed epatologia nella divisione di medicina e direttore medico del programma di cancro al fegato presso il Cedars-Sinai Medical Center, ha detto in un'intervista a Helio. "Con l'emergere dell'immunoterapia come un nuovo trattamento molto promettente nei pazienti con carcinoma epatocellulare avanzato, è importante indagare sulle potenziali disparità e garantire che i pazienti abbiano un accesso equo a questi nuovi farmaci altamente efficaci ma costosi".

Jo Dong Yang

Jo Dong Yang

Lo studio ha incluso 3.990 pazienti (età mediana 65 anni) del National Cancer Database degli Stati Uniti a cui è stata diagnosticata una metastasi di stadio III o IV con carcinoma epatocellulare in stadio III o IV tra il 2017 e il 2018.

I ricercatori hanno eseguito un'analisi di regressione di Cox multivariata per identificare i fattori associati alla OS e hanno utilizzato l'analisi di regressione logistica per identificare i fattori associati all'uso dell'immunoterapia.

Risultati principali

Complessivamente, 3248 pazienti hanno ricevuto la chemioterapia e 742 pazienti hanno ricevuto l'immunoterapia di prima linea.

I risultati hanno mostrato una migliore OS con l'immunoterapia rispetto alla chemioterapia (frequenza cardiaca aggiustata = 0,76; intervallo di confidenza al 95%, 0,65-0,88) dopo l'aggiustamento per le covariate.

I ricercatori hanno scoperto che, rispetto ai pazienti bianchi, i pazienti neri (OR aggiustato = 0,71; IC 95%, 0,54-0,89) e gli ispanici (OR aggiustato = 0,63; IC 95%, 0,46-0,83) avevano una minore probabilità di ricevere l'immunoterapia. Il gruppo di immunoterapia comprendeva il 66,6% di bianchi, il 14% di neri, il 10,3% di asiatici e il 9,1% di ispanici, mentre il gruppo di chemioterapia comprendeva il 61,9% di bianchi, il 17,8% di neri e il 12,4% di ispanici, ispanici e 7,9% dei pazienti asiatici.

Inoltre, i ricercatori hanno osservato una significativa interazione tra razza, etnia e tipo di struttura, con una maggiore varianza osservata nei centri non accademici (interazione S = .004).

Ramificazioni

"Questo è il più grande studio che ha dimostrato che l'immunoterapia è superiore alla terapia sistemica convenzionale per l'HCC avanzato in un segmento più ampio di pazienti", ha detto Yang a Healio. Inoltre, il nostro studio ha evidenziato l'esistenza di significative disparità razziali, etniche, socioeconomiche e regionali nell'accesso all'immunoterapia, che potrebbero essere un'alternativa alla partecipazione a studi clinici e all'accesso precoce a un nuovo trattamento sperimentale. Poiché è probabile che l'uso dell'immunoterapia per il trattamento dell'HCC avanzato aumenterà, le disparità significative nell'accesso all'immunoterapia devono essere ulteriormente studiate in studi futuri".

Riferimenti:

  • Ahn JC et al. Malattie del fegato. 2022; doi: 10.1002/hyp 32527.
  • I pazienti ispanici neri hanno meno probabilità di ricevere un trattamento salvavita per il cancro al fegato (comunicato stampa). Disponibile su: www.cedars-sinai.org/newsroom/black-hispanic-patients-less-likely-to-get-lifesaving-liver-cancer-treatment/. Pubblicato il 7 giugno 2022. Accesso il 26 luglio 2022.

per maggiori informazioni:

Joo Dong Yang, MDE il Può essere contattata all'indirizzo judong.yang@cshs.org.

#Black #Hispanic #patients #hepatocellular #carcinoma #receive #immunotherapy

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Proin diam justo, scelerisque non felis porta, placerat si. Vestibulum ac elementum massa. In rutrum quis risus quis sollicitudin.

navigation
newsletter
contact info
1, My Address, My Street, New York City, NY, USA