Living with hepatitis | Special Report | thenews.com.pk

Il peso della malattia cronica non può mai essere tollerato, soprattutto se si tratta di una malattia virale trasmessa per via ematica come l'epatite, soprattutto nel caso di B e C.

Con cinque varianti conosciute, l'epatite è ancora endemica in Pakistan. Ogni variazione può causare danni al fegato in varia misura a seconda della gravità del virus. "L'epatite B è la più aggressiva ma anche prevenibile, a differenza dell'epatite C, dove non esiste un vaccino e l'infezione può essere prevenuta solo attraverso precauzioni", afferma il dott. (PSGPAK).

L'infezione causata dal virus non colpisce solo la salute fisiologica dei pazienti, ma può anche influenzare la loro vita presentando molte sfide psicologiche.

Disinformazione, mancanza di consapevolezza, riluttanza ad affrontare una diagnosi positiva, riluttanza a ricevere cure, il costo del trattamento e le relative modifiche allo stile di vita sono tutti motivi per cui convivere con una malattia come l'epatite o prendersi cura di una persona infetta può essere una sfida. Tuttavia, non è impossibile. Con uno sforzo diligente, farmaci e un attento monitoraggio, l'infezione da epatite può essere controllata, anche nella sua fase cronica. Mentre i casi acuti a volte possono scomparire da soli (epatite A ed E in tutte le persone e B negli adulti), l'epatite C può essere trattata se rilevata precocemente con i farmaci.

Dopo aver appreso di avere l'epatite C, Tahira*, 49 anni, dice: "Il mio primo istinto è stato di farmi curare e assicurarmi che la mia famiglia rimanesse al sicuro. Conoscevo la malattia perché mio cognato era stato curato per alcuni anni prima della mia diagnosi". Ci sono alcuni semplici esami del sangue per diagnosticare l'epatite (tutte le varianti).

"Se il test dell'antigene di superficie del virus dell'epatite B o C risulta positivo, il passaggio successivo consiste nell'ordinare una PCR per determinare la carica virale, o in altre parole, per misurare il livello di infezione nel sangue del paziente", afferma il dott. Tor . Se è presente un risultato della PCR, il passaggio successivo è la determinazione della carica virale nel flusso sanguigno (nell'epatite C). Nel caso della PCR HBV, i seguenti passaggi sono diversi.

"I farmaci per via orale sono ora disponibili per il trattamento dell'epatite C, ma ho avuto un trattamento con interferone (per iniezione)", aggiunge Tahera.

"Ho dovuto assumere il farmaco per via orale per sei mesi. Non è stato facile. L'efficacia del farmaco è strettamente correlata al suo consumo regolare e tempestivo", afferma Mohsen*, 63 anni. Parlando della sua esperienza, Mohsen ha detto: "Ero sempre stanco e nauseato quasi tutti i giorni, ma il mio gastroenterologo mi ha informato in anticipo dei potenziali 'effetti collaterali'. Il farmaco era necessario per proteggere il fegato da gravi malattie in modo che i suoi benefici ha superato le complicazioni".

Sia Tahira che Mohsen concordano sul fatto che seguire una dieta sana ed equilibrata fosse fondamentale per garantire il loro recupero. Il dottor Tor è d'accordo. “A meno che non ci siano altre comorbidità come diabete, ipertensione, cardiopatia ischemica, eccetera.Un paziente con epatite dovrebbe mangiare tutti i cibi (cucinati in casa). Carne bianca, latticini, frutta, niente di proibito". Mangiare pasti freschi, stagionali e ben cucinati rafforza l'immunità. Il medico teme che i pazienti presi nella rete dei ciarlatani locali spesso finiscano per nuocere alla loro salute al punto da non riprendersi. "Immunodeficienza complica sempre le cose in caso di epatite o qualsiasi altra malattia del resto", afferma l'esperto.

"Una volta che i miei suoceri hanno scoperto che ero risultato positivo all'epatite C a 38 anni, le persone della famiglia hanno iniziato a evitarmi", dice Samira*. "È stato un momento molto difficile". Il virus HCV PCR di Samira è finalmente tornato inattivo alcuni mesi fa. È stata curata dall'epatite C ma non potrà donare il sangue perché il suo sangue conterrà sempre gli anticorpi dell'HCV e le banche del sangue non possono accettare donazioni da pazienti che hanno avuto un'infezione da epatite C in qualsiasi momento della loro vita.

“Come società, non siamo ancora informati e, quindi, incapaci di capire cosa comporti vivere con l'epatite”, dice Maryam*, 53 anni. Il virus è entrato nel mio organismo durante un intervento odontoiatrico in una clinica locale”. Mary non avrebbe mai saputo di aver contratto l'epatite C se la sua pelle non fosse diventata gialla (a causa dell'ittero) e non avesse avuto una terribile diarrea due mesi dopo il operazione.” I sintomi non appaiono a tutti così in fretta. Sono stato portato a Lahore per fissare un appuntamento con il dottore. Il gastroenterologo ha ordinato degli esami del sangue e, subito dopo, abbiamo appreso che non avevo solo l'epatite A, ma anche il fegato C. Fortunatamente, la PCR è rimasta negativa fino all'anno scorso e quando è diventata reattiva, mi è stato somministrato un trattamento orale ". Dice.

A Mary è stata recentemente diagnosticata l'epatite B. Spera che il virus si risolva da solo. "La mia famiglia dovrà essere vaccinata contro il virus dell'epatite B per stare al sicuro mentre si prendono cura di me", ha detto. Notizie della domenica.

L'epatite B o C non si trasmette condividendo gli utensili, sdraiandosi a letto con il paziente o coccolandosi casualmente, ma molte persone iniziano a evitare il contatto con persone infette. Nel processo, finiscono per isolare le persone che combattono un virus che può portare a malattie croniche per sopportare il peso di cui probabilmente avranno bisogno del supporto e della comprensione dei loro stretti contatti, aggiunge il dottor Tor. "L'empatia è la chiave qui", dice Samira.

"Ci sono passaggi che le persone che vivono con persone con epatite B e C possono intraprendere per stare al sicuro durante la loro cura. Non condividere mai articoli per l'igiene personale, evitare di condividere aghi (misuratori di glucosio) e, nel caso dei coniugi, i partner di persone con epatite B dovrebbero essere vaccinati", afferma il dottor Tour.

Il punto più importante da ricordare quando si vive con l'epatite, ci si sottopone a un trattamento o si prende cura del paziente, è che l'epatite può essere trattata e gestita con successo. L'allontanamento dei pazienti non farà che aumentare il loro carico e può influire negativamente sulla loro salute mentale. È assolutamente essenziale che le persone infette e i loro caregiver osservino misure precauzionali per prevenire un'ulteriore diffusione della malattia. Tuttavia, l'epatite non è una condanna a morte. Non mette fine alla vita. Possono sorgere alcune complicazioni, ma con un intervento medico tempestivo, l'incoraggiamento della famiglia e il supporto psicologico, la malattia può essere sconfitta, almeno impedita di sopraffare il paziente.

*I nomi sono stati modificati per proteggere le identità


Lo scrittore è un impiegato

#Living #hepatitis #Special #Report #thenews.com.pk

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.