Biden, Xi could meet in person, US official says

Un alto funzionario dell'amministrazione statunitense ha affermato dopo che i due leader hanno trascorso più di due ore giovedì a parlare del futuro della loro complessa relazione, con la tensione su Taiwan che è tornata a emergere come un punto critico.

Biden ha fatto la telefonata dallo Studio Ovale, dove è stato raggiunto dai suoi principali collaboratori, tra cui il Segretario di Stato Anthony Blinken. Il funzionario ha rifiutato di essere identificato per parlare della conversazione privata.

Quando Biden era vicepresidente, ha trascorso molte ore con Xi negli Stati Uniti e in Cina, un'esperienza che ricorda spesso mentre parla delle opportunità di conflitto e cooperazione dei due paesi. Tuttavia, non si sono incontrati di persona da quando Biden è diventato presidente l'anno scorso.

Xi ha lasciato la Cina continentale solo una volta, per visitare Hong Kong, da quando è iniziata la pandemia di COVID-19. Tuttavia, è stato formalmente invitato in Indonesia a novembre per il prossimo vertice del G-20 delle principali economie mondiali, rendendo la conferenza un potenziale luogo per un incontro con Biden.

L'ultima pressione su Taiwan è la possibile visita della presidente della Camera Nancy Pelosi nell'isola, che ha governato se stessa per decenni ma la Cina mantiene come parte del suo territorio.

Xi ha confermato le accuse durante la sua telefonata con Biden, secondo il Ministero degli Affari Esteri cinese.

"Chi gioca con il fuoco perirà con esso", ha detto il ministero. Si spera che gli Stati Uniti siano chiari su questo. "

La Casa Bianca ha rilasciato la propria descrizione della conversazione su Taiwan, affermando che Biden "ha sottolineato che la politica statunitense non è cambiata e che gli Stati Uniti si oppongono fermamente agli sforzi unilaterali per cambiare lo status quo o minare la pace e la stabilità attraverso lo Stretto di Taiwan".

La Casa Bianca ha affermato che l'obiettivo della chiamata, iniziata alle 8:33 EST e terminata alle 10:50 EDT, era "gestire le nostre differenze in modo responsabile e lavorare insieme dove i nostri interessi si allineano".

Come al solito, la Cina non lascia dubbi di incolpare gli Stati Uniti per il deterioramento delle relazioni tra i due Paesi.

“Il presidente Xi ha sottolineato che trattare e definire le relazioni sino-americane in termini di concorrenza strategica e vedere la Cina come il principale concorrente e che la sfida più seria a lungo termine sarebbe fraintendere le relazioni sino-americane e interpretare male lo sviluppo della Cina, e sarebbe fuorviante le persone dei due Paesi e la comunità internazionale, ha affermato il Ministero degli Affari Esteri.

Gli analisti statunitensi hanno affermato che, sebbene l'avvertimento di Pechino di non giocare con il fuoco su Taiwan abbia attirato l'attenzione giovedì, non ha rappresentato un'escalation della solita retorica diplomatica di Xi.

"C'è un intero lessico della retorica cinese sulle minacce che non ha ancora toccato", ha affermato John Colfer, ricercatore presso il China Hub dell'Atlantic Council.

Yun Sun, direttore del programma cinese presso lo Stimson Research Center, ha osservato che entrambi i paesi hanno affermato che la conversazione copriva un'ampia gamma di argomenti, dall'epidemia al cambiamento climatico. Lo ha descritto come "più positivo di quanto i due leader si siano raccontati, beh, manterremo le nostre posizioni su Taiwan".

Ha anche indicato che Xi potrebbe avere un incentivo a calmare le tensioni mentre cerca un terzo mandato come presidente.

"Non possono permettersi di rompere il rapporto con gli Stati Uniti", ha detto.

La telefonata con Xi è avvenuta mentre Biden mira a trovare nuovi modi per lavorare con la Cina e contenerne l'influenza nel mondo. Opinioni divergenti su salute globale, politica economica e diritti umani hanno a lungo messo alla prova la relazione, con il rifiuto della Cina di condannare l'invasione russa dell'Ucraina che si è aggiunta alla tensione.

La possibile visita di Pelosi a Taiwan ha creato un altro punto di pressione. Pechino ha affermato che considererebbe un viaggio del genere una provocazione, una minaccia che i funzionari statunitensi prendono molto sul serio alla luce dell'incursione russa in Ucraina.

"Se gli Stati Uniti insistono per andare per la propria strada e sfidare l'utile netto della Cina, saranno sicuramente accolti con forti risposte", ha detto ai giornalisti Zhao Lijian, un portavoce del ministero degli Esteri cinese. "Tutte le conseguenze di ciò saranno a carico degli Stati Uniti".

Pelosi sarà il più alto funzionario statunitense a recarsi a Taiwan da quando il repubblicano Newt Gingrich visitò l'isola nel 1997 quando era presidente della Camera dei rappresentanti. Biden ha detto ai giornalisti la scorsa settimana che i funzionari militari statunitensi ritengono che la visita del portavoce sull'isola "non sia una buona idea" al momento.

Mercoledì, John Kirby, un portavoce della sicurezza nazionale degli Stati Uniti, ha affermato che era importante che Biden e Xi toccassero regolarmente la base.

"Il presidente vuole assicurarsi che le linee di comunicazione con il presidente Xi rimangano aperte perché è necessario", ha detto Kirby ai giornalisti durante un briefing alla Casa Bianca. "Ci sono questioni su cui possiamo collaborare con la Cina, e ci sono questioni su cui ci sono ovviamente attriti e tensioni".

Biden e Xi hanno parlato l'ultima volta a marzo, poco dopo l'invasione russa dell'Ucraina.

"Questa è una delle relazioni bilaterali più importanti al mondo oggi e ha ramificazioni che vanno oltre entrambi i singoli paesi", ha affermato Kirby.

La mossa di Biden per spostare la dipendenza degli Stati Uniti dalla produzione cinese, inclusa l'approvazione finale di giovedì da parte del Congresso della legislazione per incoraggiare le aziende di semiconduttori a costruire più fabbriche high-tech negli Stati Uniti.

Vuole anche mobilitare le democrazie globali per sostenere gli investimenti infrastrutturali nei paesi a basso e medio reddito come alternativa alla "Belt and Road Initiative" cinese, che mira a stimolare il commercio cinese con altri mercati globali.

Biden ha mantenuto le tariffe dell'era Trump su molti beni fabbricati in Cina per mantenere l'influenza su Pechino. Ma sta valutando se almeno alcuni di essi dovrebbero essere allentati per ridurre l'impatto dell'elevata inflazione sulle famiglie americane.

Funzionari statunitensi hanno anche criticato la politica cinese "senza Covid" di test di massa e blocchi nel tentativo di contenere la diffusione del COVID-19 nel suo territorio, definendola fuorviante e preoccupando che rallenterà ulteriormente la crescita economica globale.

Altri punti di tensione includono il trattamento riservato dalla Cina ai musulmani uiguri, che gli Stati Uniti hanno dichiarato genocidio, la militarizzazione del Mar Cinese Meridionale e la sua campagna globale di spionaggio economico e politico.

Gli scrittori dell'Associated Press Ken Moritsugu e Joe MacDonald hanno contribuito da Pechino.

Copyright 2022 Associated Press. Tutti i diritti riservati. Questo materiale non può essere pubblicato, trasmesso, riscritto o ridistribuito senza autorizzazione.

#Biden #meet #person #official

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.