Why Are There So Few Female Neurosurgeons?

Sei una donna che frequenta la facoltà di medicina. Le tue giornate sono piene di lezioni, laboratori e studio. Notti e fine settimana: più studio. È stimolante ma anche eccitante perché lavori per una vita che aiuta le persone. Tuttavia, una domanda rimane.

Quale maggiore sceglierai?

Questa non è solo una scelta professionale. È molto personale e influenzerà il tipo di vita che vivrai.

Se sei come molte donne in medicina, sceglieresti una specialità che si concentra su donne e bambini. Le donne costituiscono la maggioranza nei campi della pediatria, ostetricia e ginecologia, psichiatria infantile e adolescenziale e medicina neonatale e perinatale. Rimangono una minoranza significativa in urologia, pneumologia e specialità chirurgiche.

La neurochirurgia è in fondo alla lista: le donne rappresentano solo l'8,4% dei neurochirurghi praticanti. Ecco perché i ricercatori della Johns Hopkins si sono concentrati su di esso in un nuovo studio.

"Vogliamo evidenziare e attirare l'attenzione sulla mancanza di rappresentazione femminile in neurochirurgia", afferma James Feghali, MD, neurochirurgo in residenza presso la Johns Hopkins e co-primo autore dello studio. "Nel corso della sua storia, il campo è stato generalmente composto da uomini e solo negli ultimi decenni le cose hanno iniziato a cambiare lentamente". Concentrarsi su lentamente.

Dopo aver valutato i dati di oltre 1.500 residenti neurochirurgici - circa 1.200 uomini e 300 donne - nell'arco di 7 anni (2014-2020), i ricercatori hanno scoperto che il numero di donne residenti neurochirurgici è in aumento, che va dal 14%. nel 2016 al 26% nel 2019.

Questa è una buona notizia ovviamente. Ma abbiamo ancora molta strada da fare per correggere il difetto.

Perché ci sono così pochi neurochirurghi donne?

I ricercatori volevano sapere perché alcune scuole erano migliori di altre nel consentire alle studentesse di medicina di iscriversi a neurochirurgia. Prendi degli appunti.

Notano che le scuole con più neurochirurghi clinici al college tendono ad avere più donne che entrano in neurochirurgia. Tuttavia, il sesso della facoltà di neurochirurgia non è stato associato ad un aumento del reclutamento femminile.

"Siamo rimasti sorpresi", afferma l'autrice principale dello studio Judy Huang, direttrice del programma di neurochirurgia presso la Johns Hopkins. "Pensavamo che le studentesse di medicina potessero essere più ispirate ad entrare nel campo se avessero avuto una facoltà più simile a loro".

Una possibile spiegazione: le facoltà di neurochirurgia femminile, anche nelle scuole in cui costituiscono un numero relativamente più elevato, rimangono una minoranza, portando gli studenti di medicina a vederle come individui isolati piuttosto che come un gruppo unificato, ipotizzano i ricercatori. Questa percezione può scoraggiare le donne dall'entrare nel campo.

Huang osserva che, poiché i programmi di formazione in neurochirurgia sono composti principalmente da uomini, alcuni pregiudizi di genere possono essere inerenti al processo di selezione.

Inoltre, un ampio divario nella "produttività della ricerca" sembra ostacolare il progresso delle donne. I ricercatori hanno scoperto che i residenti maschi in neurochirurgia hanno scritto il 37% in più di articoli e abstract rispetto alle loro controparti femminili. Sono 18 articoli e riassunti per gli uomini, in media, contro 13 per le donne.

Inoltre, l'h-index - una misura dell'effetto di citazione degli articoli dell'autore - era più alto per gli uomini che per le donne. "Dai nostri dati, l'indice h medio del residente in neurochirurgia maschile era 4,7 e l'indice h medio del residente in neurochirurgia era 3,9", afferma Feghali.

Successivamente, gli studenti possono iniziare a costruire il proprio curriculum di ricerca. Ricerche precedenti hanno dimostrato che le studentesse di medicina sono meno interessate alle specializzazioni in chirurgia quando iniziano la scuola di medicina, anche se questo divario alla fine si riduce. "Questo ritardo iniziale potrebbe metterli in una posizione di svantaggio", afferma Albert Anter, uno studente di medicina presso la Johns Hopkins School of Medicine e co-primo autore dello studio.

I ricercatori aggiungono che le studentesse e i residenti di medicina potrebbero trovarsi in una posizione di svantaggio nella navigazione in un ambiente di ricerca in gran parte coltivato dai loro coetanei maschi.

"Questo divario nella produttività della ricerca è particolarmente importante in neurochirurgia, perché la ricerca costituisce una base importante per l'avanzamento di carriera nel campo, sia per la residenza che per il futuro avanzamento di carriera come membro della facoltà", afferma Antar.

Colmare il divario di genere in neurochirurgia: cosa si può fare al riguardo?

I ricercatori affermano che è probabile che risolvere il divario di genere in neurochirurgia adotti un approccio dal basso verso l'alto e dall'alto verso il basso. Ciò significa agire da parte di studenti di medicina e residenti, nonché di neurochirurghi di alto rango e direttori di programmi di neurochirurgia.

La richiesta di finanziamenti per la ricerca per stagisti e lo sviluppo di programmi dedicati alla ricerca guidata dalle donne può aiutare a fornire maggiori opportunità alle studentesse di medicina di eccellere in neurochirurgia, affermano.

I ricercatori suggeriscono che la formazione di gruppi di interesse di neurochirurgia guidati da donne, in cui possono aver luogo tutoraggio e networking, può aiutare i neurochirurghi femminili a vedere le donne come una minoranza unificata piuttosto che come individui dispersi.

Huang Sogst pensa che gli studenti di medicina stiano valutando la possibilità di trovare un consulente di facoltà per aiutare ad avviare un gruppo del genere. Un altro suggerimento è di lavorare direttamente con l'ufficio diversità della scuola. Il mentore può anche aiutare gli studenti a creare applicazioni competitive per le sedi di neurochirurgia.

Un'altra idea è che gli studenti eseguano ricerche sul problema da soli. Huang afferma che più ricerche vengono fatte su queste disparità, meglio possono essere comprese e aumentare la consapevolezza.

Lavorare attivamente per reclutare più donne in neurochirurgia può avvantaggiare l'intera specialità. "Il campo potrebbe ancora non trarre vantaggio da neurochirurghi di grande talento in futuro", afferma Huang.

Per ulteriori notizie, segui Medscape su Facebook, Twittere Instagram e YouTube.

#Female #Neurosurgeons

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.