Addressing sexual harassment in academic medicine

Nel 2018, le comunità mediche e scientifiche sono state scosse dalle rivelazioni di diffuse molestie sessuali nei confronti delle donne, come dettagliato in un innovativo rapporto della National Academies of Sciences, Engineering, and Medicine (NASEM), Molestie sessuali sulle donne: clima, cultura e risultati nelle scienze accademiche, ingegneria e medicina.

Nei cinque anni successivi non è cambiato molto.

Ecco la conclusione del nuovo rapporto AAMC pubblicato il 26 luglio: Comprendere e affrontare le molestie sessuali in medicina accademica. Utilizzando i dati dell'AAMC StandPoint™ Faculty Interaction Survey raccolti tra il 2019 e il 2021, il rapporto ha rilevato che il 34% dei docenti e il 22% dei docenti in generale hanno subito molestie sessuali.

I più alti tassi di molestie sono stati tra i docenti dei dipartimenti di anestesia e medicina d'urgenza, al 52,6% ciascuno. I tassi più bassi in urologia e radiologia erano rispettivamente del 20,7% e del 21,6%. La facoltà di farmacologia ha riportato le maggiori differenze di genere nelle esperienze di molestie: 7,6% degli uomini e 47,7% delle donne.

Anche tra i dipartimenti con le percentuali più alte di docenti femminili secondo l'elenco dei docenti dell'AAMC - OB-GYN e Pediatrics - i tassi di molestie segnalati dalle donne erano simili alla media complessiva del 34%.

Esperienze di docenti in molestie sessuali

Le molestie sessuali possono essere suddivise in tre categorie: molestie sessuali, interesse sessuale indesiderato e coercizione sessuale. Questo rapporto si concentra sui casi di molestie sessuali, che sono definiti come "comportamenti verbali e non verbali che trasmettono ostilità, oggettivazione, esclusione o stato di secondo grado nei confronti di membri dello stesso sesso".

In particolare, ai partecipanti al sondaggio è stato chiesto circa cinque comportamenti e la frequenza con cui li hanno incontrati.

  1. Racconta storie o battute sessuali che ti sono state offensive (19,7% delle donne, 9,6% degli uomini)
  2. Fai commenti offensivi sul tuo aspetto, sul tuo corpo o sulle tue attività sessuali (7,4% delle donne, 3,0% degli uomini)
  3. Fare riferimento a persone del tuo genere con termini offensivi, degradanti o osceni (12,0% delle donne, 3,6% degli uomini)
  4. Frustrati o agisci in modo condiscendente nei tuoi confronti a causa del tuo genere (24,0% delle donne, 2,8% degli uomini)
  5. Invia messaggi offensivi in ​​base al tuo sesso o mostra immagini oscene (1,4% delle donne, 0,8% degli uomini)

Le ripercussioni di qualsiasi forma di molestia sono certamente significative.

Secondo il sondaggio, i docenti che avevano subito molestie avevano, in generale, meno familiarità con come segnalarle, si sentivano meno sicuri nel segnalarlo ed erano meno fiduciosi che il loro istituto avrebbe risolto i loro reclami rispetto a coloro che non erano stati molestati.

Ancora più preoccupante, i membri della facoltà che hanno subito molestie erano meno reattivi, meno soddisfatti della scuola di medicina come luogo di lavoro e meno propensi a rimanere nel loro istituto rispetto ai coetanei che non hanno riferito di essere stati molestati.

Sebbene il fatto che le donne siano in gran parte il bersaglio del sesso, comprese le molestie sessuali, anche gli uomini sono molestati sessualmente. Pertanto, trattare le molestie in modo bidirezionale - uomini come autori e donne come vittime - ignora i molti tipi e identità delle persone che subiscono molestie, nonché il modo in cui altri comportamenti, come il bullismo, contribuiscono alla cultura inclusiva delle molestie.

strategie istituzionali

Nella medicina accademica vengono compiuti vari sforzi per trattare e prevenire le molestie sessuali. Diverse istituzioni, identificate attraverso il lavoro collaborativo NASEM di istituzioni attivamente coinvolte nel campo, sono state intervistate per il Rapporto AAMC per identificare pratiche innovative.

Ad esempio, l'Ohio State University College of Medicine ha istituito uno screening preliminare dell'occupazione per i docenti per cattiva condotta, che richiede a tutti i potenziali candidati di firmare un modulo di autorizzazione che consente al college di contattare i datori di lavoro attuali ed ex in merito a eventuali indagini di cattiva condotta. Allo stesso modo, la School of Medicine and Public Health dell'Università del Wisconsin utilizza un controllo dei precedenti del programma Stop Harassment per affrontare la pratica dei docenti e del personale che lasciano l'istituto dopo essere stati giudicati responsabili di molestie o mentre sono indagati per molestie.

Al Mayo Clinic College of Medicine and Science, qualsiasi segnalazione di molestie sessuali viene assegnata a uno dei 100 investigatori professionisti formati internamente del college.Una volta completata l'indagine, l'investigatore si incontra insieme al comitato del personale e alla dirigenza del dipartimento per determinare i passaggi successivi, secondo il Mayo Clinic Fair and Just Culture Framework, che delinea le potenziali conseguenze che vanno dalla conversazione alla conclusione. Questo processo è servito da modello per molte altre scuole di medicina.

Molte scuole, tra cui la University of Michigan Medical School, la University of New Mexico School of Medicine, la Wake Forest University School of Medicine e la University of Virginia School of Medicine, offrono solide risorse per la segnalazione di molestie. Molte scuole, tra cui Mayo e l'Università del New Mexico, stanno informando le loro comunità sui tipi di molestie segnalate e sulle azioni intraprese per affrontarle. Questo aiuta a creare una cultura anti-molestie e aumenta la consapevolezza dell'impegno dell'organizzazione nell'affrontare le molestie.

Infine, molte scuole offrono corsi che vanno al di là di quanto richiesto dallo stato e dal governo federale. Ad esempio, il Vagelos College of Physicians and Surgeons della Columbia University offre formazione che include contenuti su classi protette, leggi sull'azione affermativa, politiche di relazione e tipi di comportamenti che dovrebbero (o non dovrebbero) essere segnalati.

prevenzione delle molestie

Questi sforzi istituzionali per identificare i molestatori e affrontare i comportamenti molesti sono fondamentali. Così fanno gli approcci innovativi alla creazione di ambienti sicuri e inclusivi.

La prevenzione delle molestie sessuali inizia con l'affrontare comportamenti meno evidenti ma comunque dannosi, come un linguaggio premuroso e commenti sull'aspetto, che a loro volta gettano le basi e il tono per creare un ambiente sicuro e inclusivo. Quando le organizzazioni si concentrano e affrontano questi comportamenti e commenti meno espliciti nella fase iniziale, possono creare culture di responsabilità che creano fiducia, partecipazione e, in definitiva, un maggiore sostegno per tutti nella medicina accademica.

Diana Lautenberger è Direttore delle iniziative di genere di AAMC. Valerie Dandar è il direttore delle operazioni della scuola medica presso AAMC. Hanno scritto il rapporto insieme a Yu Zhou, uno studente di dottorato presso l'Università del Minnesota.

#Addressing #sexual #harassment #academic #medicine

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.