Penn’s medical school formalizes its partnership with HBCUs in pursuit of greater diversity

Filadelfia — L'ambiziosa dott.ssa Danielle Johnson sta trascorrendo la sua estate all'Università della Pennsylvania alla ricerca di come attirare più persone di colore a partecipare a studi clinici volti a migliorare il trattamento delle malattie cardiache in modo che siano rappresentati proporzionalmente.

L'estate scorsa, uno studente della Howard University è tornato in Pennsylvania per studiare BPCO.

"La ricerca che ho fatto mi ha colpito troppo vicino a casa per me", ha detto Johnson, 21 anni, uno studente emergente all'Historical Black College di Washington, DC. "Molti membri della mia famiglia soffrono di queste malattie croniche che si vedono. Ciò ha decisamente accresciuto il mio interesse ad occuparmi della salute pubblica... e di servire le comunità svantaggiate in futuro".

Johnson fa parte del Penn Access Summer Scholars Program, che si sforza di portare più studenti universitari da gruppi sottorappresentati alla facoltà di medicina, garantendo loro l'ammissione alla Perelman School of Medicine, altamente competitiva in Pennsylvania, se, tra le altre cose, completano due semestri di ricerca , mantenere almeno un GPA 3,6 al college, avere un 1.300 su SAT o 30 su ACT e assicurarsi forti raccomandazioni.

Sono anche esentati dal sostenere il Medical College Admission Test (MCAT), che è abbastanza raro, e coprono almeno il 50% delle loro tasse scolastiche, l'equivalente di circa $ 35.000 all'anno. Il programma estivo, che consente a 12 nuovi studenti ogni anno di condurre ricerche, medici ombra, intervistare pazienti e beneficiare della creazione di reti di supporto, è gratuito e viene fornito con uno stipendio di $ 4.000.

Sebbene il programma sia in corso dal 2008, quest'anno Penn ha annunciato una partnership formale ampliata con cinque college storicamente neri: Howard, Spelman e Morehouse ad Atlanta, Xavier University in Louisiana e Oakwood in Alabama.

"Stiamo parlando di identificare gli studenti che mostrano un grande potenziale e quindi offrono ancora più arricchimento", ha affermato Horace Deliser, preside associato per la diversità e l'inclusione e laureato alla Penn Medical School nel 1981 specializzato in pneumologia.

Per anni, le scuole di medicina hanno lottato per diversificare i loro pool. Nel 2020-21, solo l'8%, ovvero 7.710 studenti delle scuole di medicina a livello nazionale, è stato identificato come nero, secondo l'Association of American Medical Colleges. Circa il 6,7% erano ispanici. Un altro 10,3% identificato come "multirazziale/etnico".

ha affermato Jeffrey H. Young, direttore senior dell'associazione per la trasformazione della forza lavoro sanitaria. "Questo non significa che le nostre scuole non abbiano lavorato duramente per aumentare la diversità. Lo hanno fatto".

Ha affermato che le sfide finanziarie, così come il razzismo strutturale, comprese le disparità nell'istruzione primaria e nell'accesso all'alloggio, sono tra gli ostacoli. Ciò che complica gli sforzi per diversificare i corpi studenteschi è la forte domanda di studenti di colore, ha affermato Annette C. Ripoli, preside della Cooper School of Medicine della Rowan University. Le scuole più piccole possono perdere studenti accettati in scuole di medicina più grandi che sono in grado di offrire borse di studio più generose.

"Questa è stata una sfida che abbiamo affrontato e che stiamo anche cercando di raccogliere fondi per borse di studio in modo da non essere svantaggiati", ha affermato Ripoli.

Young ha affermato che quasi tutte le scuole di medicina che hanno risposto al sondaggio del 2021 hanno programmi di "percorso" per attirare più studenti di colore, sebbene varino ampiamente per struttura e capacità. A livello locale, il Cooper Medical College, la Thomas Jefferson University, il Philadelphia College of Osteopathic Medicine, il Robert Wood Johnson Medical College di Rutgers e il Rutgers New Jersey Medical College offrono una qualche forma di programma preparatorio o pipeline agli studenti universitari provenienti da ambienti svantaggiati o sottorappresentati per assistere con l'ammissione ad un college di Medicina. Alcuni programmi richiedono che lo studente abbia già sostenuto gli MCAT.

PCOM e Cooper stanno anche contattando gli studenti in età scolare per incoraggiarli a vedere un futuro possibile nella professione medica.

“Non è insolito che gli studenti sottorappresentati non aspirino a diventare medici”, ha detto Ripoli. "Non vedono molti medici che assomigliano a loro".

L'ammissione garantita se gli studenti soddisfano determinati requisiti e rinunciano all'MCAT, come fa Ben, è rara, ha detto Young.

DeLisser ha affermato che gli studenti ammessi alla Penn in genere ottengono un punteggio nell'1% più alto dei loro MCAT.

"Se avessimo questo come candidato", ha detto, "probabilmente perderemmo l'opportunità di inseguire diversi studenti di talento".

Ha affermato che il programma consente a Penn di valutare il potenziale degli studenti senza MCAT "in modo rigoroso".

Jonathan Geither, 20 anni, indossa con orgoglio una felpa Howard da studente alle prime armi, vuole diventare un medico e ottenere il dottorato e la laurea in medicina. Il residente di Colorado Springs ha affermato di vedere l'opportunità in Pennsylvania come un mandato per lavorare il doppio, "non solo per me ma per i miei coetanei.

"Non starò solo con [Penn Access Summer Scholars] Gaither, che è il primo studente della sua famiglia a dedicarsi alla medicina, ha detto. "Quindi non posso vedermi come un altro."

Bryson Houston, 22 anni, laureato alla Morehouse University nel 2021 e completato il Penn Summer Program, ha avviato la Perelman School of Medicine lo scorso autunno. Ha detto che la sua esperienza lì lo ha aiutato moltissimo.

"Ho iniziato a sentirmi più a mio agio con questi famosi professori, medici e ricercatori, e ho iniziato a vedermi in questi luoghi", ha detto.

Tuttavia, il forte sostegno che ha ricevuto una volta alla facoltà di medicina ha fatto la differenza.

"È stato pazzesco sentire l'amore dei miei professori e del mio consulente, quando stavo attraversando un momento difficile in classe", ha detto.

Nativo della zona di Dallas e figlio di un preside di una scuola superiore e di un tecnico dei raggi X, Houston non aveva pensato a Ben fino a quando il suo consigliere non lo chiamò un giorno quando era al secondo anno.

"Ha detto: 'Puoi indossare un abito e incontrarmi nel mio ufficio tra 15 minuti?'", ricorda Houston. "

Fu allora che incontrò DeLisser, che gli parlò dell'opportunità di ricerca e dell'esenzione MCAT. Anche se pensava che fosse "troppo bello", non ha fatto domanda subito. Due settimane prima della scadenza, DeLisser ha contattato di nuovo e Houston ha presentato domanda.

La University of Pennsylvania School of Medicine riceve più di 7.000 domande all'anno e ne accetta circa 250 o 3%-4%.

Trentanove dei 150 studenti del corso di medicina del 2021 in Pennsylvania, il 26%, appartengono a gruppi sottorappresentati. L'Università della Pennsylvania è al 28° posto nel paese per la diversità degli studenti delle scuole di medicina, secondo US News & World Report. In confronto, Temple è al sesto posto, mentre Drexel è all'81°.

Il programma Summer Scholars è iniziato con promettenti studenti universitari della Pennsylvania, Princeton, Haverford e, infine, Bryn Mawr. Ottantasei studenti hanno partecipato sin dal suo inizio, inclusi 21 studenti attualmente iscritti. Quasi tutti hanno frequentato la facoltà di medicina e di quelli che sono andati in Pennsylvania, tutti si sono laureati o sono ancora iscritti.

L'espansione dei college storicamente neri è iniziata in modo informale diversi anni fa con la visita di DeLisser e l'incontro con studenti promettenti. Li ha formati sulle domande della scuola di medicina e ha dato loro consigli.

"Ora abbiamo studenti di Xavier che sono cresciuti in Arkansas", ha detto.

Gran parte della ricerca estiva degli studenti si concentra sui problemi medici che devono affrontare le persone di colore, cosa che ha attratto Gabrielle Skiles, 21 anni, una studentessa emergente alla Spelman. La sua ricerca include la densità del seno nelle donne di colore in relazione al cancro.

Cerca di difendere i pazienti di gruppi sottorappresentati.

"Non ci sono molti medici che assomigliano a me e possono essercene molti", ha detto.

DeLisser alla fine spera di aggiungere college che servono gli ispanici, una volta che riuscirà a trovare il supporto dei donatori per le tasse universitarie.

Uno sforzo maggiore è importante, soprattutto perché coloro che provengono da ambienti sottorappresentati hanno maggiori probabilità di servire quelle comunità, ha affermato Young di AAMC.

Questo è ciò che Johnson ha in programma di fare.

Ha detto: "Molte persone delle comunità sottorappresentate traggono maggiori benefici dall'avere medici che sono come loro e che capiscono le cose che stanno attraversando".

#Penns #medical #school #formalizes #partnership #HBCUs #pursuit #greater #diversity

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.