Cardiologists Take Note: Troubling e-Cigarette Trends Warrant New Tack

"Quando fornisci questi dati alla maggior parte dei medici, sono scioccati", ha detto Michael Blaha.

Due nuovi studi forniscono uno sguardo all'uso della sigaretta elettronica tra adolescenti e giovani adulti che dovrebbe servire da campanello d'allarme per i medici ignari della prevalenza di questi prodotti e della frequenza con cui vengono utilizzati. Inoltre, questo è uno spazio in rapido movimento che, in contrasto con i modelli nazionali di altri fattori di rischio cardiovascolare, richiede un nuovo campionamento regolare.

"Penso che le persone della comunità cardiovascolare dovrebbero seguire questa storia con maggiore attenzione", ha detto a TCTMD l'autore senior Michael Blaha, MD (Johns Hopkins School of Medicine, Baltimora, MD). Quando la maggior parte dei medici fornisce questi dati, rimane scioccata. La maggior parte delle volte non lo sanno nemmeno [e-cigarette use] È comune, questo è il mio primo punto: dovremmo chiederlo ai nostri pazienti, anche se non possiamo dire esattamente quanto siano dannosi".

In secondo luogo, Blaha ha continuato: "C'è decisamente più tendenza verso l'uso quotidiano che suggerisce che questi possono creare dipendenza allo stesso modo delle sigarette".

Uso attuale e frequente

Uno studio è stato pubblicato in La rete JAMA è aperta, vedere i dati del 2017, 2018 e 2020 del Behavioral Risk Factors Monitoring System, un'indagine nazionale rappresentativa a livello nazionale su quasi 1 milione di adulti americani di età pari o superiore a 18 anni. Durante questo periodo, la prevalenza dell'uso corrente di sigaretta elettronica (negli ultimi 30 giorni) è aumentata dal 4,4% nel 2017 al 5,5% nel 2018, per poi diminuire al 5,1% nel 2020. Ma ciò che preoccupa è che l'uso quotidiano di sigarette elettroniche -le sigarette sono aumentate dall'1,5% nel 2017 al 2,3% nel 2020. Tra gli adulti di età compresa tra 21 e 24 anni, l'uso quotidiano era del 6,6%, con un uso eterogeneo negli stati degli Stati Uniti.

Nel secondo studio sugli studenti delle scuole superiori, basato sui dati del sistema di monitoraggio del comportamento giovanile dal 2015 al 2019 pubblicati in Rapporti di medicina preventivaI numeri sono ancora più sconvolgenti. Tra gli oltre 41.000 studenti intervistati, l'uso corrente è aumentato dal 24,0% nel 2015 al 32,7% nel 2019. L'uso frequente (10 o più utilizzi negli ultimi 30 giorni) tra gli utenti attuali è ancora aumentato dal 22,6% nel 2015 al 45,4%. % nel 2019.

Blaha ha sottolineato che ci sono ragioni importanti per considerare i modelli di utilizzo nei giovani separatamente da quelli negli adolescenti. Le pressioni sociali variano, così come in primo luogo i motivi per cui si acquistano sigarette elettroniche. Ma, ha detto, la cosa preoccupante è che alcuni modelli sono coerenti tra studenti delle scuole superiori e giovani adulti.

"Quello che vediamo nel tempo, poiché i prodotti delle sigarette elettroniche sono stati sospesi sempre più a lungo, sia negli adulti che nei bambini, è che la percentuale di consumatori giornalieri o di consumatori frequenti sta aumentando. E penso che questo sia importante perché indica nicotina Dipendenza Indica che più persone lo usano come una parte quotidiana della loro vita piuttosto che solo un uso occasionale. "

Molto rimane sconosciuto, ad oggi, sugli effetti dello svapo di nicotina e delle sigarette elettroniche sul sistema cardiopolmonare. Mentre i sostenitori sostengono che i dispositivi elettronici sono potenzialmente un'alternativa più sicura al fumo, una recente ricerca osservazionale suggerisce che le persone che sostituiscono il fumo combustibile con le sigarette elettroniche probabilmente non ottengono nulla in termini di riduzione del rischio cardiovascolare. Ci sono anche dati che suggeriscono che l'uso della sigaretta elettronica da parte degli adolescenti è strettamente correlato al futuro fumo di sigaretta.

Elaine Boake, MD, MSc in public health (Johns Hopkins Sicaron Center for Cardiovascular Disease Prevention, Baltimora, MD) e Muhammed Hassan Mirbuluk, MD (Yale University School of Medicine, New Haven, CT), Kana I primi coautori di Rapporti di medicina preventiva carta. Boake è stato l'autore principale dello studio in La rete JAMA è aperta.

Più sicuro, non sicuro?

Blaha si aspetta che questi ultimi documenti attireranno il solito rimprovero sui social media da parte di persone che affermano di essere state in grado di abbandonare le sigarette elettroniche come alternativa, mentre altri criticheranno i pericoli posti dai dispositivi.

Entrambi, dice, possono essere veri allo stesso tempo. "Penso che ci siano molte tendenze preoccupanti nell'uso delle sigarette elettroniche, in particolare quelle legate all'uso quotidiano e alla dipendenza da nicotina, ma è anche vero che i dati suggeriscono in gran parte che questi dispositivi sono meno dannosi del fumo, sebbene sia necessaria la ricerca .”

Ma ciò che è anche vero è che usare le sigarette elettroniche è più dannoso che non usarle. "La FDA ha usato questa frase nei messaggi di salute pubblica - più sicuro, non sicuro - per cercare di chiarire il punto", ha detto Blaha. "Quindi potrebbe essere vero che le sigarette elettroniche sono meno dannose del fumo e tuttavia possono essere ancora molto dannose".

Fa riferimento a molte altre osservazioni delle due indagini. Il fumo di sigaretta per i giovani adulti, ad esempio, è ai minimi storici. Resta da vedere se ciò varrà se la dipendenza da nicotina è in aumento. Blaha ha affermato che esiste un numero crescente di prove che dimostrano che lo svapo è una via d'accesso al fumo di sigaretta tra i giovani adulti che non fumavano prima di provare l'alternativa elettronica.

Blaha ha notato che l'uso della sigaretta elettronica era eterogeneo negli stati degli Stati Uniti in entrambi i sondaggi, ma tendeva a seguire un modello geografico simile. "Un punto chiave è che l'associazione tra l'uso della sigaretta elettronica è molto simile a quella del fumo". Ciò include cose come l'uso di alcol o droghe illecite, depressione e altri fattori di rischio cardiovascolare.

Tra gli adolescenti, una percentuale crescente degli intervistati ha affermato di aver "preso in prestito" o acquistato sigarette elettroniche attraverso i giovani più grandi, indicando maggiori sforzi per eludere le restrizioni legate all'età. Cresce anche la percentuale di giovani che dichiarano di aver tentato di smettere di fumare.

Guarda questo spazio

Blaha ha affermato che è importante riportare questi tipi di sondaggi, entrambi basati su dati pre-pandemia. Non solo i blocchi del COVID-19 e le loro implicazioni sulla salute mentale hanno profondamente influenzato i comportamenti delle persone, ma anche molti sondaggi nazionali sono stati modificati o sospesi durante i grandi aumenti. Anche il mondo normativo sta cambiando, con la Food and Drug Administration che ha recentemente annunciato piani per ridurre i livelli di nicotina nei prodotti delle sigarette elettroniche.

Di conseguenza, questi due documenti, sebbene provocatori, sono già obsoleti, ha affermato Blaha. E quando si tratta di sigarette elettroniche, medici, ricercatori e responsabili politici hanno a che fare con qualcosa di molto diverso dai tradizionali fattori di rischio per i quali sono noti i dati demografici.

"Dobbiamo aggiornare molto questi documenti perché la frequenza della pressione alta o del colesterolo alto, diciamo, non cambia molto di anno in anno, ma [e-cigarette patterns] cambia molto rapidamente. Ecco perché i medici devono in qualche modo modernizzarsi in quest'area".

E se non l'hanno già fatto, ha aggiunto, i medici devono smettere di chiedere ai loro pazienti di "fumare" e invece chiedere specificamente di svapare oltre alle loro tradizionali abitudini di fumo.

"Solo una semplice frase 'fumi o no' non riflette l'insieme delle abitudini di consumo di tabacco là fuori, che fanno i tuoi pazienti. E semplicemente non sai se non lo chiedi".

#Cardiologists #Note #Troubling #eCigarette #Trends #Warrant #Tack

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.