What’s the Link Between IBS and Sleep?

raggiungere 16% delle persone negli Stati Uniti ha la sindrome dell'intestino irritabile (IBS), una condizione che comporta problemi digestivi come costipazione, gonfiore e diarrea.

Sebbene i disturbi del sonno non facciano ufficialmente parte dei criteri per diagnosticare l'IBS, la ricerca lo ha scoperto circa metà Di tutte le persone con sindrome dell'intestino irritabile, difficoltà di sonno, che possono includere:

  • Insonnia
  • svegliarsi durante la notte
  • Sonnolenza diurna
  • Sentiti meno riposato e dormi meno rinfrescante

Sebbene l'IBS possa influenzare la tua capacità di dormire bene la notte, c'è molto che puoi fare per migliorare il tuo comfort e forse anche i sintomi dell'IBS.

Continua a leggere per scoprire la connessione tra sonno e salute dell'intestino, insieme ad alcuni suggerimenti per una notte più riposante.

Un complesso sistema di comunicazione chiamato asse intestinale collega il cervello e il tratto gastrointestinale, o canale alimentare. Questa connessione significa che i disturbi intestinali possono disturbare le parti del sistema nervoso che controllano il sonno. Nel frattempo, la mancanza di sonno può peggiorare i sintomi dell'IBS.

Gli esperti hanno diverse teorie su come la sindrome dell'intestino irritabile e i disturbi del sonno si influenzano a vicenda. Molti di questi problemi si sovrappongono.

Dolore

Può essere difficile rilassarsi abbastanza da addormentarsi quando senti che qualcuno ha una morsa sull'intestino tenue, poiché alcune persone potrebbero descrivere i sintomi dell'IBS.

Un sondaggio del 2018 tra studenti universitari olandesi ha collegato il dolore dell'IBS a:

Anche i sintomi di costipazione e diarrea hanno influenzato queste variabili del sonno. Tuttavia, il dolore è stato il fattore più influente. Nessuno dei sintomi dell'IBS ha influenzato il tempo di sonno totale.

D'altra parte, può anche causare la mancanza di sonno Provoca dolore all'intestino irritabile. Un piccolo studio del 2014 su 24 donne ha scoperto che avevano maggiori probabilità di avere dolore addominale IBS se avevano riferito di dormire male la notte prima.

Normalmente, quando i muscoli intestinali si muovono durante la digestione, il tuo corpo sa che il movimento, chiamato peristalsi, è sicuro e normale.

Ma i nervi privati ​​​​del sonno possono "dimenticare" questo fatto e percepire la peristalsi come contrazioni pericolose. Quindi inviano segnali di dolore al tuo cervello per avvisarti, il che provoca germogli di dolore mentre il cibo viaggia attraverso il tuo intestino.

Disbatteriosi

Il tuo intestino non trasporta solo le feci. Contengono anche il tuo microbioma, un complesso ecosistema di microbi che aiutano il tuo corpo ad abbattere il cibo per la digestione.

Le interruzioni in questo ecosistema, chiamate disbiosi, possono interferire con il funzionamento dell'intestino. Circa 3 persone su 4 Con la disbatteriosi IBS, stima la ricerca 2015.

ricerca sugli animali Suggerisce che quando il microbioma non scompone correttamente il cibo, le rimanenti sostanze chimiche possono interferire con il ritmo circadiano. Se il tuo orologio biologico interno viene spostato, potresti avere difficoltà ad addormentarti o a rimanere addormentato.

I problemi cronici del sonno possono anche interrompere il microbioma e contribuire ai sintomi dell'IBS. Dormire a sufficienza, d'altra parte, può ripristinare l'equilibrio nella comunità di batteri nell'intestino.

sistema involontario

Le persone con IBS tendono ad avere fattori infiammatori aumentati, come il fattore di necrosi tumorale-α (TNFα), nell'intestino. TNF α può Ostacolare L'orologio interno che dice ai membri cosa fare e quando. Questo potrebbe alterare il tuo programma di sonno.

È possibile anche il modello inverso. Disturbi del sonno spesso caricamento Livelli di infiammazione. L'infiammazione, a sua volta, può causare crampi, diarrea e costipazione.

In molti casi, i disturbi del sonno riscontrati nell'IBS coinvolgono sintomi abbastanza gravi e persistenti da qualificarsi come un disturbo del sonno clinico.

Ricercatori presso Recensione 2018 Ha analizzato 36 studi IBS con più di 63.000 partecipanti allo studio.

Secondo i risultati, anche il 37,6% dei pazienti con IBS soffre di disturbi del sonno. Se hai l'IBS, hai più del doppio delle probabilità di avere un disturbo del sonno rispetto a chiunque altro senza la condizione. I disturbi del sonno sono sette volte più frequenti tra i bambini e gli adolescenti con sindrome dell'intestino irritabile rispetto alla popolazione generale.

Tuttavia, la revisione del 2018 non ha coperto diagnosi specifiche. ma più piccolo Sondaggio 2021 degli adulti negli Stati Uniti ha esaminato la frequenza di determinati problemi di sonno con IBS. Dopo aver controllato le variabili demografiche, i ricercatori hanno scoperto che le persone con IBS erano:

  • 3,1 volte più probabilità di sviluppare sintomi di insonnia
  • 4,6 volte più probabilità di avere sintomi di ipersonnia (sonnolenza eccessiva)
  • 5 volte più probabilità di avere sintomi sia di insonnia che di ipersonnia

Anche altre condizioni possono contribuire a problemi di sonno, anche se hai anche la sindrome dell'intestino irritabile. In effetti, questa condizione si verifica spesso insieme ad altre preoccupazioni che tendono a influenzare il sonno.

dolore cronico

Secondo l'indagine 2021 di cui sopra, 63% Le persone con IBS hanno dolore cronico alla schiena o al collo, oltre a qualsiasi dolore intestinale che hanno da IBS.

Il dolore può attivare il sistema nervoso simpatico, che dice al tuo corpo di rimanere vigile e pronto ad agire. Il tuo corpo può deviare risorse dalle parti del tuo cervello responsabili del sonno, facendoti dormire meno comodo. Un forte dolore può svegliarti dal sonno.

disturbi dell'umore

Il sondaggio del 2021 ha anche rilevato che più di 1 persona su 4 Vivere con la sindrome dell'intestino irritabile vivere con un disturbo dell'umore, tra cui depressione e disturbo bipolare.

I disturbi dell'umore, chiamati anche disturbi emotivi, possono influenzare il modo in cui il cervello si muove durante le fasi del sonno, in particolare il sonno REM. Ecco perché i problemi del sonno sono tra i criteri principali per queste condizioni di salute mentale.

In realtà, è finita 90% delle persone con depressione ha qualche tipo di disturbo del sonno, secondo una recensione del 2019. Anche le persone con disturbo bipolare hanno comunemente problemi a dormire.

Preoccupazione

Intorno a 37% delle persone con sindrome dell'intestino irritabile hanno anche ansia.

Le persone con ansia hanno spesso livelli più elevati di cortisolo, l'ormone dello stress, nei loro corpi. Questo ormone ti aiuta anche a svegliarti al mattino.

Ma alti livelli di cortisolo durante la notte possono rendere difficile addormentarsi, il che aiuta a spiegare perché ansia e insonnia spesso vanno insieme.

È possibile migliorare il sonno e i sintomi dell'IBS a casa con alcuni cambiamenti nello stile di vita. Puoi provare subito queste strategie:

muovi il tuo corpo

Il movimento fisico può aiutarti a scaricare lo stress, che può renderti meno ansioso di notte. L'esercizio fisico può anche aiutare ad aumentare il ritmo circadiano.

Tuttavia, non devi correre una maratona per stancarti. Esercizi delicati come lo yoga o la camminata possono migliorare il tuo sonno.

Una revisione del 2019 suggerisce che l'esercizio aerobico può aiutare a migliorare la stitichezza associata all'IBS, ma molti degli studi inclusi avevano una bassa qualità delle prove.

Inoltre, la terapia fisica potrebbe non funzionare per tutti. Se avverti dolore intestinale mentre sudi, potresti optare per forme di esercizio più delicate.

Riduci la caffeina prima di andare a letto

La caffeina è uno stimolante che può rimanere nel tuo sistema per diverse ore. Se bevi un caffè o una bevanda energetica entro 6 ore prima di coricarti, potresti sentirti ancora nervoso quando la testa colpisce il cuscino.

La caffeina può anche irritare l'intestino e causare diarrea, che può anche tenerti sveglio.

un Studio 2021 3.362 adulti iraniani hanno collegato il consumo di caffè almeno una volta alla settimana a una maggiore probabilità di sviluppare la sindrome dell'intestino irritabile. Le persone che consumavano più di 106,5 milligrammi (mg) di caffeina al giorno avevano il 47% in più di possibilità di sviluppare sintomi di IBS rispetto a quelle che consumavano meno caffeina.

Per riferimento, una tazza di caffè preparato da 8 once contiene in media circa 95 mg di caffeina.

Riempi con la fibra

un indagine nazionale Più di 5.500 adulti negli Stati Uniti hanno collegato l'assunzione di fibre alla durata del sonno.

Gli adulti che hanno riportato un sonno "molto breve", o meno di 5 ore, hanno mangiato in media 13,2 grammi (g) di fibre al giorno. Nel frattempo, gli adulti che hanno riportato una quantità "normale" di sonno, o da 7 a 8 ore, hanno mangiato 16,6 grammi di fibre al giorno.

La fibra può anche aiutare a migliorare i sintomi della stitichezza nella sindrome dell'intestino irritabile, perché la fibra solubile può aiutare a spostare le feci più rapidamente e facilmente attraverso l'intestino.

Le fonti comuni di fibra solubile includono:

  • Fagiolo: fagioli neri, fagioli, fagioli
  • la verdura: Broccoli, carote e cavolini di Bruxelles
  • il frutto: Pera, albicocca e mela
  • Noci e semi: Nocciole, semi di girasole e semi di lino
  • legumi: Avena e orzo

Considera gli integratori di melatonina

Il tuo corpo produce l'ormone melatonina per segnalare quando è ora di dormire. Alcune persone assumono integratori di melatonina per curare l'insonnia.

Cerca dal 2014 Si suggerisce che 3 mg di melatonina prima di coricarsi possano aiutare a migliorare il dolore addominale associato all'IBS. Gli scienziati ritengono che la melatonina influenzi la funzione intestinale:

  • Assicurarsi che le feci si muovano a un ritmo uniforme, non troppo veloce o troppo lento
  • Ridurre l'infiammazione nel colon
  • Segnali di dolore idratante dai nervi attivati ​​nell'intestino

Sebbene gli integratori di melatonina siano generalmente sicuri, possono interagire con altri farmaci, quindi è sempre meglio chiedere al tuo medico prima di aggiungere integratori di melatonina alla tua dieta.

Se i sintomi dell'IBS non migliorano con i cambiamenti dello stile di vita o se iniziano a influenzare la qualità generale della vita, potresti voler consultare un gastroenterologo. Ottenere un trattamento per i sintomi dell'IBS può migliorare il sonno e i problemi digestivi.

Il trattamento di solito include una combinazione di cambiamenti nella dieta e farmaci. I dettagli del tuo piano di trattamento possono variare in base al tuo sottotipo di IBS:

cambiamenti dietetici

Molte persone con IBS scoprono che il cibo che mangiano influisce direttamente sui loro sintomi. È probabile che qualsiasi trattamento per l'IBS includa una componente nutrizionale.

Indagine 1.562 gastroenterologi negli Stati Uniti Chiedi loro quali diete speciali raccomandano nella loro pratica:

In alcuni casi, il medico può indirizzarti a un dietista registrato per sviluppare un piano nutrizionale personalizzato.

potere della menta

Alcune prove suggeriscono che gli integratori di menta piperita possono anche alleviare i sintomi dell'IBS. Tieni solo a mente che gli integratori alimentari, o le capsule di olio di menta piperita in formulazioni specifiche, contengono molto più di una tazza di tè alla menta piperita.

Mentre il tè può certamente aiutare a lenire il mal di stomaco, generalmente vorrai optare per integratori rispetto al tè per alleviare i sintomi dell'IBS. Un medico o un altro operatore sanitario può fornire ulteriori indicazioni su come provare gli integratori di menta piperita.

medicinale

Mentre i farmaci da banco (OTC) possono aiutare con costipazione o diarrea occasionali, i sintomi persistenti di IBS possono richiedere farmaci più forti.

Il medico può prescrivere:

Antidepressivi

Potrebbe sorprenderti apprendere che anche gli antidepressivi possono far parte del tuo trattamento per l'IBS.

Gli antidepressivi possono ridurre l'infiammazione e lo stress, che contribuiscono al dolore dell'IBS. Può anche influenzare la funzione intestinale.

Gli antidepressivi triciclici (TCA), una vecchia classe di antidepressivi, possono rallentare la digestione e ridurre la diarrea.

Se soffri di stitichezza, il tuo team di cura dell'IBS può raccomandare gli ultimi inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI). Possono accelerare la digestione e migliorare la stitichezza.

Inoltre, gli antidepressivi possono migliorare indirettamente i problemi del sonno correlati all'ansia o alla depressione primaria, indipendentemente dal fatto che tali preoccupazioni siano legate ai sintomi dell'IBS o ad un'altra causa.

La salute dell'intestino e il sonno hanno una relazione a doppio senso: i problemi con una funzione corporea possono causare problemi con l'altra.

In breve, l'IBS può disturbare il sonno e il disturbo può peggiorare i sintomi dell'IBS, creando un ciclo di feedback negativo.

Ecco la buona notizia: il processo di guarigione ha anche un effetto bidirezionale. Migliorare il sonno può ridurre i sintomi dell'IBS. Allo stesso modo, il trattamento dell'IBS può aiutarti a dormire meglio.

Se la sindrome dell'intestino irritabile ha interrotto il tuo riposo notturno, un buon passo successivo consiste nel contattare un medico o un altro operatore sanitario. Possono aiutarti a costruire un piano di trattamento completo che soddisfi tutte le tue esigenze di salute.


Emily Swim è una scrittrice ed editrice freelance specializzata in psicologia. Ha conseguito una laurea in inglese presso il Kenyon College e un master in scrittura presso il California College of the Arts. Nel 2021 è stata certificata dal Board of Editors in Life Sciences (BELS). Puoi trovare altri suoi lavori su GoodTherapy, Verywell, Investopedia, Vox e Insider. trovalo su Twitter e LinkedIn.

#Whats #Link #IBS #Sleep

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.