The Brutal Death Of George Tiller, The Doctor Who Was Murdered By Anti-Abortion Extremists

Gli attivisti contro l'aborto hanno passato anni a cercare di chiudere la clinica del dottor George Teller, che era uno degli unici posti nel paese a offrire aborti tardivi, fino a quando un estremista gli ha sparato alla testa mentre era in chiesa nel 2009.

Nel 2009, dopo oltre 40 anni di pratica medica, il dottor George Teller aveva goduto di una reputazione nazionale. Era il direttore di una delle tre cliniche per aborti negli Stati Uniti che offrivano alle donne aborti ritardati ed è diventato un bersaglio di attivisti pro-vita.

Per decenni, coloro che non erano d'accordo con le misure offerte dalla sua clinica hanno cercato di chiudere la sua clinica. Alla fine, alcuni manifestanti sono ricorsi alla violenza per raggiungere questo obiettivo. Tyler è sopravvissuto ad almeno due attacchi alla sua vita prima di essere ucciso da un estremista anti-aborto.

Fondazione per la fiducia delle donneIl dottor George Teller ha fornito aborti successivi a Wichita, Kansas.

Il 31 maggio 2009, Scott Roeder ha sparato alla testa a George Teller mentre un dottore stava distribuendo volantini prima di una funzione religiosa della domenica mattina.

La vita e la morte di Teller furono oggetto di controversie. Per più di 30 anni ha dovuto affrontare una costante opposizione al suo lavoro e il suo omicidio ha suscitato polemiche a livello nazionale. Ma il dottore ha detto che tutto ciò che voleva era aiutare le donne.

Come il dottor George Teller è diventato un bersaglio per gli attivisti anti-aborto

George Teller è nato a Wichita, Kansas, l'8 agosto 1941. Secondo Enciclopedia del progetto fetoSeguendo le orme di suo padre, ha frequentato la facoltà di medicina presso la University of Kansas School of Medicine. Ha poi completato la sua residenza presso l'US Naval Hospital di Pendleton, in California, prima di iniziare a lavorare come chirurgo di volo.

A differenza di suo padre, che era un importante medico generico, Teller aveva pianificato di diventare un dermatologo. Ma dopo che i suoi genitori morirono in un incidente aereo nel 1970, iniziò a sentire la pressione di farsi carico degli affari di famiglia.

Mentre lavorava nella clinica di suo padre, ha sentito parlare di una donna del posto che era morta a causa di un aborto illegale, una procedura che suo padre avrebbe potuto eseguire in sicurezza nel suo ufficio. La storia lo convinse che doveva rimanere in città e intraprendere la pratica per concentrarsi sulla cura delle donne piuttosto che sulla dermatologia.

Dopo diversi anni nella clinica di suo padre, George Teller aprì la Women's Health Care Clinic a Wichita nel 1975 e divenne rapidamente un obiettivo di organizzazioni pro-vita. Teller ha fornito aborti successivi in ​​casi molto specifici: quando una donna ha scoperto che il feto aveva difetti gravi o mortali o se due medici hanno confermato che la sua vita era in pericolo.

Clinica George Teller

Antoine Douen/Getty ImagesManifestanti pro-choice davanti alla clinica del dottor George Teller dopo la sua morte.

Sebbene la Kansas Alliance for Life abbia tenuto una veglia quotidiana fuori dalla struttura negli ultimi cinque anni in cui Teller è stata al comando, ha subito violenze sin dall'inizio. Nel giugno 1986 furono lanciate bombe a benzina contro la clinica. Riuscì a ricostruire questa pratica, ma presto seguirono altri attacchi.

Il 9 agosto 1993, l'estremista anti-aborto Shelley Shannon ha sparato a Tyler cinque volte mentre era seduto nella sua auto parcheggiata. È stata condannata a 11 anni di carcere per tentato omicidio e altri 20 anni in connessione con gli attacchi ad altre cliniche per aborti.

secondo Stella di Kansas CityIn una lettera a sua figlia Shannon ha scritto: "Non nego di aver sparato a Tyler. Ma nego che sia stato un errore. È stata la cosa più sacra e giusta che abbia mai fatto. Non ho rimpianti".

Le proteste contro il dottor Teller si intensificano

Nel 1991, una filiale dell'Operazione Rescue ha spostato il suo quartier generale dalla California a Wichita, in particolare per prendere di mira la Teller Clinic. Si sono ribattezzati Operazione Western Rescue e hanno lavorato sotto il vicepresidente Sheryl Solinger.

L'organizzazione ha iniziato il suo lavoro contro la clinica poco dopo che si è trasferita nella zona con quella che hanno chiamato "l'estate della misericordia". Durante questo periodo, hanno protestato in tutte le cliniche per aborti a Wichita, ma hanno concentrato la maggior parte dell'attenzione su Tyler.

Il campo di battaglia di Wichita ha attirato l'attenzione del conduttore di notizie di destra Bill O'Reilly, che ha fatto ripetutamente campagna contro Tyler nel suo programma Fox News. Nel 2006, secondo Omicidioha affermato di avere informazioni che dimostrano che il dottore ha eseguito aborti tardivi per correggere la sua "depressione temporanea" perché era un "omicidio selvaggio e indiscriminato di bambini".

Scott Roeder

dominio pubblicoScott Roeder ha ucciso George Teller il 31 maggio 2009.

La pratica di Teller ha fatto nuovamente notizia a livello nazionale nel 2007, quando è stato accusato di 19 reati minori dopo essere stato accusato di aver consultato medici con i quali era legato finanziariamente in casi di aborto. La legge del Kansas richiede che due medici, nessuno dei quali può essere associato al medico che esegue l'aborto, raccomandino questa procedura.

Teller è stato dichiarato non colpevole di tutte le accuse due anni dopo, ma la campagna contro di lui è continuata online. Secondo l'Anti-Defamation League, Scott Roeder ha pubblicato questo commento sul sito web di Operation Rescue nel 2007: "Tiller è il campo di concentramento 'Mengeel' di oggi e deve essere fermato prima che lui e coloro che lo proteggono possano giudicare la nostra nazione".

Il commento è stato segnalato e riportato, ma Roeder ha pianificato di agire in base alle sue convinzioni, poiché è ossessionato dalla clinica e da George Teller.

Il brutale omicidio del dottor George Teller

L'ossessione di Roeder per Teller è continuata per tutto il processo del Dottore, culminando nel 2009. Roeder era stato a lungo associato a gruppi estremisti e credeva di far parte di un esercito che avrebbe dovuto fermare persone come Teller. Quando Tyler è stato dichiarato innocente nel 2009, Roeder era in aula. Credeva che il sistema giudiziario avesse fallito le donne di cui Teller si prendeva cura.

Il 31 maggio 2009, Roeder ha deciso di continuare il suo commento online. Il giorno prima, ha cercato di chiudere a chiave le porte della clinica. Ma quando non ha funzionato, ha preso misure drastiche. Quella domenica mattina, Teller stava all'ingresso della sua chiesa, come faceva ogni settimana, distribuendo bollettini della chiesa mentre i fedeli riempivano i banchi.

Ruder è andato in chiesa, è andato alla porta e ha sparato a George Teller a un lato della testa. È stato arrestato e accusato di omicidio di primo grado e due capi di imputazione per aggressione aggravata.

Dopo 40 minuti di deliberazione, la giuria ha ritenuto Roeder colpevole di tutti e tre i capi di imputazione ed è stato condannato all'ergastolo senza condizionale fino a quando non ha scontato 50 anni. Nel 2016, si è risentito dell'ergastolo con la possibilità di libertà condizionale dopo aver esaminato le leggi statali.

Veglia a lume di candela di George Teller

flickrLa sera dopo il suo omicidio si è tenuta una veglia per Teller.

Dopo la morte di Teller, l'operazione Save the West ha denunciato la violenza e ha negato che Roeder fosse un membro della loro organizzazione. Tuttavia, gli investigatori hanno trovato il numero di cellulare di Cheryl Solinger nell'auto di Roeder e in seguito ha ammesso di avergli fornito le date e gli orari delle udienze in tribunale di Teller.

Bill O'Reilly ha anche negato che la sua presentazione fosse un fattore aggravante nella morte del dottore. Alcune delle sue prime parole pubbliche sulla tragedia sono state: "Quando ho sentito dell'omicidio di Tyler, sapevo che i fanatici pro-choice e gli odiatori di Fox News avrebbero cercato di incolparci del crimine".

Oggi, il dottor George Teller rimane una figura polarizzante e la sua eredità come fornitore di aborti appare ancora oggi nelle discussioni sull'indipendenza fisica. Ma il suo slogan - "Trust Women" - rimane un grido di battaglia per le attiviste per i diritti delle donne in tutto il paese.


Dopo aver letto dell'omicidio del dottor George Teller, entra nei crimini di Eric Rudolph, l'estremista anti-aborto che ha fatto saltare in aria le Olimpiadi del 1996 ad Atlanta. Successivamente, scopri la rete segreta dell'aborto chiamata Jane Collective.

#Brutal #Death #George #Tiller #Doctor #Murdered #AntiAbortion #Extremists

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.