Deal between Amazon and One Medical deal has massive implications for the future of primary care

unL'annuncio di Amazon questa settimana che avrebbe acquisito One Medical, un fornitore di cure primarie, per $ 3,9 miliardi - la sua più grande acquisizione fino ad oggi - è stato per molti americani solo un altro elemento nel feed di notizie in espansione. Ma l'acquisizione di un'azienda di cure primarie di queste dimensioni da parte di un gigante tecnologico come Amazon dovrebbe essere presa sul serio a causa delle sue enormi implicazioni per il futuro delle cure primarie, della fornitura di assistenza sanitaria e dell'equità sanitaria.

One Medical è un'azienda di cure primarie basata sull'appartenenza (i membri pagano $ 199 all'anno) e attualmente si occupa di circa 800.000 persone. Gli studi medici dell'azienda sono strategicamente posizionati vicino al luogo di lavoro delle persone e i membri possono utilizzare app e altre tecnologie per monitorare la propria salute e prenotare appuntamenti. L'azienda opera in tutto il paese, ma al momento principalmente nei grandi centri urbani.

L'acquisizione di One Medical da parte di Amazon consentirà l'accesso non solo a un pool fisico di uffici e fornitori, ma anche alla tecnologia che consente le cure primarie. Sono disponibili pochi dati sulle cure che One Medical fornisce ai suoi pazienti, ma da uno studio di cure primarie basato sul datore di lavoro in cui i pazienti di One Medical sono stati confrontati con altri pazienti, le spese mediche complessive erano inferiori per i pazienti di One Medical per i quali sono stati spesi soldi per le cure primarie era più alto due volte. Non siamo riusciti a trovare dati sull'impatto dell'azienda sulla qualità, sui team fuori dall'assistenza, sulla salute della popolazione o sull'equità, ma pensiamo che ci sia molto da imparare dal modello unico di Medicare.

Annunci

Amazon ha sempre sperato di entrare nel settore sanitario, ed è saggio entrare attraverso l'assistenza primaria, che è la porta d'ingresso e il fondamento dell'assistenza sanitaria. In effetti, l'assistenza primaria occupa un posto centrale nel fornire il futuro dell'assistenza sanitaria e dell'assistenza sanitaria agli Stati Uniti, un rapporto del 2021 della National Academy of Sciences, Engineering, and Medicine (NASEM) ha confermato che l'assistenza primaria è l'unica componente della salute cura negli Stati Uniti. Quale eccesso di offerta è direttamente correlato a una migliore salute della popolazione, tassi di mortalità più bassi e risultati sanitari più equi.

La ricerca dei nostri colleghi del Center for Primary Care della Harvard Medical School ha dimostrato l'impatto delle cure primarie sull'equità e sull'aspettativa di vita. Nelle contee degli Stati Uniti con meno di un medico di base ogni 3.500 persone, l'aspettativa di vita è di circa un anno inferiore rispetto alle contee con più medici di base. Il rapporto NASEM ha anche raccomandato al paese di aumentare gli investimenti nelle cure primarie per fornire cure ai pazienti più complete e di alta qualità e passare a pagamenti basati sul valore, un sistema in cui ospedali e medici sono pagati in base ai risultati dei pazienti. Al posto delle azioni eseguite - o del pagamento potenziale sotto forma di una quota mensile per membro pagata tramite l'assicurazione piuttosto che dall'individuo.

Annunci

In qualità di medici di base che si prendono cura dei pazienti e studiano e promuovono innovazioni nelle cure primarie, abbiamo assistito a una maggiore partecipazione al capitale di rischio e alla crescita di entità a scopo di lucro nelle cure primarie. Riteniamo che questo maggiore interesse rifletta un apprezzamento per il valore delle cure primarie, nonché l'opportunità di trarne profitto. Questi investimenti supportano gli sforzi per migliorare la tecnologia, ripensare gli approcci al lavoro in team e alle responsabilità dei membri del team, fornire servizi aggiuntivi come la salute comportamentale o gli operatori sanitari di comunità per affrontare i determinanti sociali, implementare pagamenti basati sul valore e, in alcuni casi, un'opportunità per migliorare codifica e fatturazione.

One Medical sembra essere un caso di studio che mostra che i suggerimenti del rapporto NASEM sono corretti: raddoppiare l'investimento nelle cure primarie potrebbe far risparmiare denaro al sistema nell'identificare potenziali pagamenti che potrebbero essere utilizzati per cose come allenatori sanitari e tecnologia avanzata che non sono supportati dalla tariffa -per il sistema di servizio e spesso inaccessibile per le consuete pratiche di assistenza primaria.

Tuttavia, è importante tenere a mente che una migliore salute della popolazione, tassi di mortalità più bassi e risultati sanitari più equi possono essere raggiunti solo quando vi è un investimento equo su tutta la linea. Tutto Cure primarie e su tutta la popolazione. Le grandi acquisizioni tecnologiche da parte di aziende come One Medical - sistemi di erogazione di cure primarie già costruiti per soddisfare le esigenze di coloro che hanno più risorse, un migliore accesso alla tecnologia e personale stabile negli uffici nei centri urbani - non solo perpetuano le disuguaglianze sanitarie, ma ne minacciano la stabilità di altre pratiche di assistenza primaria a livello nazionale. Queste pratiche si basano sull'assistenza dell'intera popolazione attraverso un mix di contribuenti che include pazienti assicurati commercialmente, le cui cure sono pagate a un livello superiore e pazienti assicurati dal governo, come quelli su Medicare e Medicaid, la cui cura è pagata ai livelli inferiori.

L'assistenza primaria è attualmente responsabile del 50% delle visite mediche ogni anno negli Stati Uniti, ma è anche la specialità con meno risorse nel paese, ricevendo solo 6 centesimi di ogni dollaro sanitario. Eliminando una parte significativa dei pazienti sani e ben istruiti che necessitano di cure meno complesse del solito sistema di cure primarie, aziende tecnologiche come Amazon lasceranno le cure primarie, un importante per il futuro della salute negli Stati Uniti che è già attivo supporto vitale, ancora più desolato. Assumendo la continua crescita di One Medical, le cure primarie "tradizionali" non saranno più in grado di prendersi cura di persone di tutte le età, di tutte le popolazioni, di tutte le condizioni di salute, di tutti i background, ma saranno lasciate responsabili della salute di coloro che non possono permetterselo. Per gli acquisti di cure primarie, coloro che non lavorano in impiegati e coloro che vivono con condizioni croniche complesse.

Se si lascia che le cure primarie tradizionali si concentrino principalmente sui pazienti la cui assicurazione paga a bassi livelli, gli investimenti nelle cure primarie diminuiranno, ampliando le disparità tra coloro che hanno accesso ai servizi di cure primarie forniti da aziende come Amazon e coloro che non lo fanno, rischiando l'anziano salute Più anziani o più poveri rispetto a quelli con assicurazione commerciale e accesso a società come Amazon Care.

Affinché le cure primarie accessibili a tutti possano competere con aziende come Amazon, sarà necessario pagare di più per le cure primarie raddoppiando o addirittura triplicando l'investimento in esse (per le persone coperte da Medicare, solo il 3% circa di tutta la spesa sanitaria va alle cure primarie) allontanandosi dal sistema a pagamento che perpetua la disuguaglianza tra le specialità mediche e non copre i servizi richiesti nelle cure primarie.

È tempo che legislatori, leader e cittadini imparino da ciò che One Medical ha ottenuto, poiché già investire nelle cure primarie può far risparmiare denaro al sistema; Tuttavia, non possiamo fermarci qui. Per ottenere una vera salute ed equità per la popolazione, è necessario investire in pratiche di assistenza primaria che si prendano cura di loro Tutto I pazienti.

Caterina A. Jergen-Barnett, MD, è un medico di base, vicepresidente per l'innovazione e la trasformazione delle cure primarie presso il Dipartimento di medicina di famiglia presso il Boston Medical Center e assistente professore di medicina presso la Boston University School of Medicine. Russell S. Phillips è un medico di base e direttore del Center for Primary Care presso la Harvard Medical School, dove è anche professore di medicina, salute globale e medicina sociale.

#Deal #Amazon #Medical #deal #massive #implications #future #primary #care

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.