What doctors wish patients knew about colon cancer screening

Il cancro del colon-retto - che si riferisce al cancro del colon o del retto - è la seconda causa di morte per cancro negli Stati Uniti e non sembra avere alcun segno di rallentamento - i tassi di cancro del colon-retto sono in aumento negli adulti di età compresa tra 20 e 49 anni . Tuttavia, circa il 30% dei pazienti idonei negli Stati Uniti non è stato ancora sottoposto a screening per il cancro del colon-retto.

La serie What Doctors Wish Patients Knew™ di AMA offre ai medici una piattaforma per condividere ciò che vogliono che i pazienti capiscano sui titoli sanitari di oggi.

In questo episodio, due medici si sono presi del tempo per discutere di ciò che i pazienti devono sapere sul cancro del colon-retto. Sono:

  • Jill Jane, MD, internista presso il Northwestern Memorial Hospital e assistente professore di medicina presso la Northwestern Feinberg School of Medicine di Chicago. È anche consulente medico senior e editore associato dell'AMA gamma®.
  • Walter Park, MD, gastroenterologo presso lo Stanford University Medical Center e professore associato di gastroenterologia ed epatologia presso la Stanford University School of Medicine. È anche delegato AMA per l'American Society of Gastrointestinal Endoscopy.

"Il cancro del colon e del retto, o cancro del colon, è un cancro del colon o del retto, che è l'ultima parte dell'intestino crasso", ha detto il dottor Park, osservando che è "un cancro abbastanza comune tra gli americani.

"Quando ci riferiamo specificamente alla parola cancro, ci riferiamo a un tipo specifico di cancro chiamato adenocarcinoma", ha aggiunto. "Questo è un riconoscimento che ci sono tecnicamente altri tipi di cancro al colon, ma sono meno comuni".

"Il cancro del colon è più comune del cancro del retto, ma spesso vanno insieme", ha affermato il dottor Park. "Ma il motivo per cui ottengono il trattamento separatamente è perché hanno effetti di trattamento diversi".

"Tradizionalmente abbiamo pensato che gli adulti di età pari o superiore a 50 anni fossero i più pericolosi, e questo è ancora il caso: la maggior parte dei casi viene diagnosticata negli adulti di età superiore ai 50 anni", ha affermato la dott.ssa Jen. "Tuttavia, stiamo vedendo più persone diagnosticate in giovane età", ha aggiunto. "Attualmente si stima che circa il 10% delle nuove diagnosi si verifichi in persone di età inferiore ai 50 anni. Questo numero è in aumento, il che è interessante perché nessuno è sicuro del perché".

"Non sappiamo quale sia il fattore scatenante, se è dietetico o meno", ha affermato il dottor Jen. "Quindi, pensiamo che chiunque sia suscettibile. Tuttavia, il rischio più alto è ancora negli anni '50 e oltre".

"Come minimo, il cittadino americano medio di età superiore ai 45 anni è considerato abbastanza sensibile da giustificare lo screening", ha affermato il membro dell'AMA Dr. Park. “Recentemente abbiamo spostato queste linee guida a 45 per il crescente riconoscimento che gli americani stanno sviluppando il cancro del colon-retto in un'età molto più giovane.

Questa tendenza, ha affermato, è "abbastanza chiara che le linee guida sono state modificate con una data di inizio anticipata del 45". Mentre la US Preventive Services Task Force raccomanda lo screening per il cancro del colon-retto negli adulti di età compresa tra 45 e 75 anni, gli adulti di età compresa tra 76 e 85 anni dovrebbero essere selezionati in modo selettivo perché il beneficio dello screening di tutte le persone in questa fascia di età è ridotto.

Copertura correlata

Quello che i medici vogliono che i pazienti sappiano sul vaiolo delle scimmie

"Il vero vantaggio è che la partecipazione a un programma di screening - come una colonscopia - riduce il rischio di cancro al colon di circa l'80%", ha affermato il dottor Park.

Anche se "non è una garanzia al 100%... rispetto a non avere una colonscopia, è un enorme downgrade", ha detto. "Il motivo per cui lo screening diffuso è incoraggiato e dovrebbe essere completamente coperto dal tuo assicuratore sanitario è perché le prove dimostrano che la diagnosi precoce è benefica".

"Lo screening del cancro del colon è probabilmente uno dei test che ha alcune delle prove più evidenti dei suoi benefici", ha affermato il dottor Park. "Per noi gastroenterologi e gastroenterologi, prendersi cura di pazienti con cancro al colon a volte può essere tragico perché sembra esserci un'occasione persa - molte di queste avrebbero potuto essere prevenute se i pazienti avessero partecipato allo screening".

Inoltre, i neri hanno un tasso sproporzionatamente alto di cancro del colon-retto e di decessi per cancro del colon-retto, quasi il 40% in più rispetto ai bianchi. Questo è il motivo per cui è fondamentale che lo screening dei pazienti neri sia una priorità assoluta.

"Se hai un parente di primo grado, come tua madre o tuo padre, a cui è stata diagnosticata in giovane età, dovresti fare il test in giovane età", ha detto il dottor Jin, osservando che "ci sono anche alcuni tipi di famiglie in cui hai condizioni genetiche in cui hai molti polipi, che richiedono un esame più giovane e più frequente.

"Il primo grado è più importante del secondo grado rispetto al terzo. Più membri della tua famiglia hanno il cancro al colon, maggiore è il rischio di svilupparlo", ha detto il dottor Park. "Se sembra esserci un modello di storia familiare , si dovrebbe prendere in considerazione la ricerca di una consulenza genetica per determinare se si dovrebbe essere sottoposti a screening per una mutazione genetica che potrebbe spiegare perché appare così comune nella tua linea familiare".

"Le malattie infiammatorie intestinali includono la colite ulcerosa e il morbo di Crohn, che sono due condizioni autoimmuni che colpiscono il sistema digestivo", ha affermato il dottor Jen. "La colite ulcerosa, in particolare, è stata associata a un aumentato rischio di cancro al colon".

"Quei pazienti con IBD sono trattati in modo diverso nello screening, nel monitoraggio e nella valutazione", ha affermato il dottor Park. "I pazienti con IBD saranno sottoposti a una colonscopia diagnostica", ha aggiunto, osservando che "vengono esaminati solo mediante endoscopia per comprendere l'estensione e la gravità della loro IBD".

"Ma anche in remissione, o curativa, la loro storia di ammalarsi in questo modo richiede loro di avere un piano di follow-up diverso perché il loro rischio è considerato più alto", ha affermato il dottor Park. "Ora, una storia familiare di IBD non conferisce necessariamente un cambiamento nel modo in cui il cancro del colon dovrebbe essere proiettato".

"Per l'americano medio, ci sono una varietà di opzioni di test di screening, ma la più importante è solo essere sottoposti a screening", ha detto il dottor Park. "Una colonscopia è la più invasiva, ma la più estesa e, se è normale, sei a posto per 10 anni".

"Il test migliore e migliore è la colonscopia. Questo è il test più accurato che ti darà le informazioni più accurate", ha affermato il dottor Jen. "È anche il test più invasivo perché richiede una preparazione in cui devi bere un liquido — un lassativo — che libera l'intero tratto digestivo.

"Inizia dalla sera prima e questa è la parte che non piace ai pazienti", ha aggiunto.

"Non è un'esperienza dolorosa, ma... devi essere a casa. Devi essere vicino al gabinetto e ovviamente correrai molto in bagno", ha detto il dottor Park.

"Ci sono modi per manipolarlo o renderlo più sopportabile. A uno dei miei colleghi piace raffreddare l'infuso, lo mette nel suo bicchiere da birra e si siede e guarda il suo film preferito", ha detto, notando che il suo sorseggiare lo ha aiutato a cercare di riportarlo alla normalità.

"I più semplici o meno invasivi sono i test delle feci e possono durare da uno a tre anni, a seconda del test scelto", ha affermato il dottor Park.

Tali test "cercano DNA anormale che potrebbe riflettere eventuali cellule cancerose", ha detto il dottor Jin.

Il problema, tuttavia, è che c'è un alto tasso di falsi positivi. Quindi, con il test positivo, dovresti comunque fare una colonscopia come passaggio successivo".

"La linea di fondo è che qualsiasi test che i pazienti vogliono fare è meglio di niente", ha detto il dottor Jen.

Copertura correlata

Quello che i medici vogliono che i pazienti sappiano sugli effetti della caffeina

"Il giorno della colonscopia, sei sedato, quindi sarai fuori per la maggior parte del tempo", ha detto la dottoressa Jen. "Quello che sento dai pazienti è che a loro non importa quel giorno. In realtà ho avuto un paziente che ha detto che è stato il miglior pisolino che abbiano mai fatto".

"Le persone reagiscono in modo diverso ai sedativi che assumono, ma di solito è la parte più semplice del processo", ha detto. Ma è importante notare che "dopo hai bisogno di qualcuno che ti accompagni a casa".

"Dovresti stare bene nel corso della giornata, però. Non dovresti guidare subito dopo", ha detto la dottoressa Jen.

"La tragedia più grande è che i pazienti sviluppino il cancro al colon quando avrebbe potuto essere rilevato prima", ha detto il dottor Park. "A volte il fattore più motivante che trovo utile, soprattutto per i genitori che hanno figli, è che è facile dire: 'Non farlo da solo, fallo per i tuoi figli'". "

"È un po' difficile convincere le persone single o non sposate perché dicono di poter vivere la propria vita", ha aggiunto. "Ma puoi argomentare: fallo anche per i tuoi amici e la tua famiglia perché li aiuterai a non doversi prendere cura di te".

"Se hai sintomi di dolore addominale, gonfiore, alterazioni delle feci, sangue nelle feci o sanguinamento che vedi nella toilette, dovresti assolutamente parlare con il tuo medico", ha detto la dottoressa Jen. "Questo sarebbe più un caso di colonscopia diagnostica che un esame".

"Qualsiasi preoccupazione sui sintomi dovrebbe sempre essere affrontata separatamente", ha detto, sottolineando che "dovresti sempre parlare con il tuo medico".

#doctors #patients #knew #colon #cancer #screening

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.