Not your mother’s or your brother’s virus: Why even mild COVID-19 is a little different for everyone | MinnPost

Ancora una volta, sembra che quasi tutti in Minnesota abbiano il COVID-19, come il più recente, BA.5 Altamente contagiosa ed evasiva immunitaria sottovariante omicron radicamento nello stato.

Anche tra le persone con casi relativamente lievi e uno stato vaccinale simile, essere infettati da COVID-19 può significare cose diverse: per alcune persone, è una giornata sul divano. Per altri, potrebbero essere necessari fino a tre giorni per addormentarsi. Alcuni hanno dolori muscolari mentre altri tossiscono di più. E mentre alcuni casi sembrano svanire con la stessa rapidità con cui sono apparsi, altri persistono.

Il motivo per cui potresti essere diventato più malato di tuo fratello, del tuo amico o del tuo partner è complesso e non completamente compreso. Ma mentre gli esperti dicono che i tuoi geni e la tua salute svolgono un ruolo importante, alcuni La probabilità di ammalarti è in qualche modo sotto il tuo controllo, tra le vaccinazioni e la limitazione dell'esposizione al virus.

Gli anticorpi sono diversi

L'articolo continua dopo l'annuncio

Se ripensi all'inizio del 2020, quando il COVID-19 era relativamente nuovo negli Stati Uniti, il livello di base dell'immunità della popolazione al virus era basso, per tutti.

Non é il caso oggi. Vengono visualizzati i dati più recenti Il 71% dei residenti del Minnesota ha ricevuto almeno una dose del vaccino COVID-19 - che è altamente efficace nel prevenire malattie gravi e morte - e il 31% è aggiornato sulle vaccinazioni, compresi eventuali booster idonei. Inoltre, innumerevoli persone hanno contratto il COVID-19 almeno una volta.

A questo punto, le persone hanno storie diverse di vaccinazioni, richiami, infezioni precedenti - e possibilmente anticorpi da precedenti infezioni da altri coronavirus - che si aggiungono a diversi livelli di immunità di base, ha affermato Ajay Sethi, professore di scienze della salute della popolazione presso la Overesque University. Wisconsin-Madison College of Medicine and Public Health.

Anche le persone con lo stesso stato vaccinale o una combinazione di vaccinazione e infezione non hanno necessariamente lo stesso livello di immunità a causa del modo in cui i loro sistemi immunitari interagiscono, producendo diversi livelli di anticorpi. Non solo, ma ognuno ha periodi di tempo diversi dall'ultima volta che è stato potenziato o ha avuto una risposta immunitaria a causa dell'infezione, che influisce sulla risposta al virus quando esposto.

"Poiché abbiamo una tale disparità nell'assorbimento del vaccino e nell'infezione precedente, le persone sono davvero su tutta la mappa in termini di qualità della risposta immunitaria che hanno ora", ha detto Sethi.

Il ruolo dei geni e le condizioni di base

Ci sono altri fattori che giocano un ruolo nel modo in cui è probabile che il tuo corpo affronti il ​​COVID-19 prima che tu sia esposto ad esso: i tuoi geni.

L'articolo continua dopo l'annuncio

"Esistono centinaia di geni diversi che controllano la qualità e la quantità della risposta immunitaria di una persona", ha affermato Mark Jenkins, direttore del Center for Immunology presso la University of Minnesota School of Medicine. "Pertanto persone diverse hanno combinazioni diverse di quei geni. Ciò significa che c'è molta variazione nella funzione delle risposte immunitarie delle persone".

E mentre sappiamo che i geni hanno un ruolo importante nel determinare la risposta immunitaria, ci sono molte cose che non sappiamo su come funzioni.

"Anche la genetica avrà un ruolo, ma questo è relativamente sconsiderato", ha detto Sethi, aggiungendo che molti Gli studi sulla genetica e sul COVID-19 esaminano i geni delle persone che sono morte a causa del virus rispetto ad altre che sono vissute.

"TÈ relativamente facile calcolare il cappello rispetto all'infezione, ma i geni giocheranno un ruolo (nella diversità delle infezioni) perché generalmente svolgono un ruolo nella tua suscettibilità alle infezioni virali", ha affermato.

Poi ci sono le condizioni di salute di base. Ci sono quelli che sappiamo hanno il potenziale per rendere le persone più suscettibili al COVID-19, come l'età e l'immunodeficienza.

Sethi ha affermato che quando le persone soffrono di malattie croniche come il diabete che mantengono attivo il sistema immunitario, si prepara ad amplificare la risposta al virus, che può portare a malattie più gravi. D'altra parte, le persone immunosoppresse possono sperimentare casi più gravi di COVID-19 perché non generano una forte risposta immunitaria per controllare il virus una volta che inizia a moltiplicarsi.

Sebbene sappiamo che questi casi possono portare a esiti più gravi di COVID-19, è probabile che ce ne siano anche molti Sethi ha affermato che condizioni sconosciute influenzano anche il modo in cui le persone vengono infettate.

"Ecco perché potresti trovare (a parità di condizioni) un 75enne e finire in ospedale, ma nessun altro 75enne", ha detto Sethi.

I livelli di esposizione contano

Oltre all'immunità, alla genetica e alle condizioni di salute sottostanti, anche la quantità di virus a cui sei esposto interferisce con quanto sei malato di COVID-19, Il che rende variabile l'esperienza del COVID-19.

Ad esempio, una persona che ha bassi livelli di anticorpi ed è esposta a un alto livello di virus ha maggiori probabilità di ammalarsi rispetto a qualcuno che ha anticorpi forti ed è esposto a un basso livello di virus.

L'articolo continua dopo l'annuncio

"Se hai più anticorpi del virus, gli anticorpi vincono e potresti non avere sintomi", ha detto Jenkins. "Ma se inspiri una grande dose di virus e ci sono più virus di quanti anticorpi hai, hai virus in eccesso che ora persisteranno e si moltiplicheranno e causeranno alcune malattie".

Secondo Jenkins, quando il numero di particelle virali supera il numero di anticorpi, il virus è libero di replicarsi nelle cellule e ucciderle.

"Ora hai un virus che uccide queste cellule che rivestono i polmoni e che provoca infiammazione, accumulo di liquidi e porta a una scarsa funzionalità polmonare", ha detto Jenkins. "L'estensione finale di ciò è il punto in cui non riesci a respirare e muori, ma al di sotto di questo, il tuo corpo sta cercando di sbarazzarsi delle cellule morte e delle conseguenze delle cellule morte".

La buona notizia, a questo punto, è che la maggior parte delle persone ha un certo livello di anticorpi che eliminano il virus. Non completamente o immediatamente in tutti i casi, motivo per cui le persone sviluppano sintomi, ma il sistema immunitario può scoraggiare la replicazione del virus per aiutare il corpo a combattere il virus e alla fine a vincere.

L'altra buona notizia è che le persone hanno un certo controllo su queste cose, scegliendo di farsi vaccinare e cercando di ridurre l'esposizione al virus.

Sebbene un numero maggiore di casi di COVID-19 sia stato relativamente lieve, rispetto a un anno e due anni fa, il virus ha ancora il potenziale per far ammalare gravemente le persone o lasciare sintomi a lungo termine, cosa che non è sempre prevista.

Anche la stessa specie può produrre un diverso decorso della malattia nella stessa persona oggi rispetto alla prossima settimana rispetto a un mese da adesso, ha detto Sethi.

"Non posso sottolineare abbastanza la quantità di incertezza nel sapere dove cadrà", ha detto.

#mothers #brothers #virus #mild #COVID19 #MinnPost

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.