Even small amounts of exercise boost women’s brain speed, study finds

I ritardi nella velocità di elaborazione del cervello sono un aspetto importante dell'invecchiamento cognitivo. La capacità di pensare più rapidamente aiuta a pianificare, risolvere problemi, rimanere concentrato sui compiti ed essere in grado di impegnarsi facilmente in conversazioni con gli altri.

"Abbiamo scoperto che una maggiore attività fisica era associata a maggiori riserve di velocità di pensiero nelle donne, ma non negli uomini", ha detto l'autore dello studio Judy Ba, MD, professore associato di neuroscienze presso l'Università della California, San Diego School of Medicine, in un dichiarazione.

La velocità dell'elaborazione mentale in entrambi i sessi ha beneficiato anche di attività cognitive come giocare a carte e leggere, secondo lo studio pubblicato mercoledì sulla rivista medica Neurology of the American Academy of Neurology.

"La partecipazione a più attività mentali è stata associata a una maggiore riserva di velocità di pensiero sia per gli uomini che per le donne", ha affermato Ba, co-direttore dell'Alzheimer's Disease Collaborative Study presso l'Università della California, San Diego.

Tuttavia, lo studio ha rilevato che qualsiasi associazione positiva tra attività cognitive e riserva di memoria si applicava solo alle donne.

"Ogni donna che legge questa storia può sentirsi autorizzata a prendere il controllo della sua salute cerebrale oggi rimanendo fisicamente attiva e cognitivamente impegnata", ha affermato il dottor Richard Isaacson, direttore della clinica per la prevenzione dell'Alzheimer presso il Center for Brain Health della Florida Atlantic University Schmidt Università. di medicina. Non ha partecipato allo studio.

"In questo studio, un aumento del doppio dell'attività fisica era equivalente a circa 2,75 anni in meno rispetto alla velocità di elaborazione dell'invecchiamento nelle donne", ha detto Isaacson. "Inoltre, ogni attività cognitiva aggiuntiva corrisponde in media a 13 anni in meno di progressione della velocità di elaborazione tra donne e uomini".

Velocità di elaborazione, non memoria

Lo studio ha chiesto a 758 persone con un'età media di 76 anni circa le loro attività fisiche e mentali settimanali. I partecipanti hanno ricevuto punti per ciascuna delle tre categorie di coinvolgimento cognitivo: prendere lezioni su argomenti diversi; carte da gioco, giochi o bingo; Leggi riviste, giornali e libri.

Tutti nello studio sono stati sottoposti a scansione cerebrale e test di velocità di pensiero e memoria: alcune persone hanno mostrato segni di deterioramento cognitivo e demenza mentre altre non hanno avuto problemi con il pensiero o la memoria. I ricercatori hanno quindi confrontato i risultati dei test con le scansioni cerebrali dell'ippocampo, una parte del cervello legata alla demenza.

Lo studio ha rilevato che ogni attività mentale aggiuntiva, come giocare a carte o leggere, riduce l'invecchiamento della velocità di elaborazione mentale di una persona in media di 13 anni - 17 anni tra gli uomini e 10 anni tra le donne.

"Poiché abbiamo pochi o nessun trattamento efficace per il morbo di Alzheimer, la prevenzione è fondamentale. Un'oncia di prevenzione vale un chilo di trattamento", ha detto Ba. "Sapere che le persone possono migliorare la loro riserva cognitiva facendo semplici passi come andare a lezione al centro sociale, giocare a bingo con i loro amici o passare più tempo a camminare o fare giardinaggio è molto eccitante".

Tuttavia, lo studio non ha riscontrato alcun effetto significativo sulla memoria. Ad esempio, una maggiore attività fisica non era associata a riserve di memoria aggiuntive né negli uomini né nelle donne. perché? Questa è una domanda complessa, ha affermato Isaacson, che funge anche da fiduciario per la McKnight Brain Research Foundation, che si concentra sulla ricerca e l'istruzione sull'invecchiamento cognitivo.

Lo studio ha rilevato che le donne hanno risposto meglio degli uomini all'intervento precoce per il morbo di Alzheimer

"Il test della memoria utilizzato è stato abbastanza sensibile da rilevare il cambiamento? I soggetti nello studio si sono allenati abbastanza da muovere davvero l'ago?" chiese Isaacson.

"Nel nostro lavoro, abbiamo scoperto che alcune persone hanno davvero bisogno di attenersi al loro programma di esercizi per mostrare gli effetti sul dominio della memoria", ha detto. "Ad esempio, le persone con una o più copie della variante del gene APOE4 devono partecipare a programmi di esercizi cardiovascolari più intensi, come l'allenamento a intervalli ad alta intensità su base regolare, per mostrare effetti positivi".

Rischio genetico della malattia di Alzheimer

Le persone che portano almeno una copia di un gene chiamato APOE4 hanno un rischio maggiore di sviluppare le caratteristiche placche di amiloide-beta e grovigli di tau per il morbo di Alzheimer con l'età.

Le donne nel nuovo studio che portavano il gene APOE4 non hanno visto gli stessi benefici per la loro riserva cognitiva da ulteriori attività fisiche e mentali.

La scoperta del gene potrebbe spiegare perché più donne stanno sviluppando il morbo di Alzheimer

"L'aspetto più interessante dello studio è che APOE4 differenzia le donne dagli uomini", ha affermato Rudi Tanzi, MD, professore di neuroscienze alla Harvard Medical School e direttore della Genetics and Aging Research Unit al Massachusetts General Hospital di Boston.

"È probabile che l'APOE4 aumenti il ​​carico di amiloide nelle donne più che negli uomini", ha detto Tanzi, che non è stato coinvolto nello studio. "O forse una volta che l'amiloide si accumula, porta a una rapida cascata di malattie e neurodegenerazione nelle donne rispetto agli uomini. ."

"Lo studio suggerisce anche che le donne che portano un rischio APOE4 (variante genetica) di Alzhiemer potrebbero dover essere più attente a condurre uno stile di vita cerebrale più sano", ha aggiunto.

Lo studio aveva dei limiti: i partecipanti si riferivano Attività fisica e mentale, quindi le persone potrebbero non ricordarla correttamente. Lo studio inoltre non ha controllato altri fattori, come l'istruzione, che influenzano il modo in cui il cervello di una persona progredisce.

"Mentre l'esercizio fisico e il rimanere mentalmente brillanti in questo studio, un approccio olistico alla riduzione dei fattori di rischio dell'Alzheimer è la migliore ricetta per il successo", ha detto Isaacson.

"Qualsiasi piano preventivo dovrebbe includere anche un follow-up regolare con un medico di base, la gestione dei fattori di rischio vascolare come pressione sanguigna, zucchero nel sangue e colesterolo, evitare il fumo, ridurre il consumo di alcol, dare priorità al sonno, gestire lo stress e seguire il Mediterraneo -stile Dieta, tra molti altri suggerimenti."
#small #amounts #exercise #boost #womens #brain #speed #study #finds

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.