Subclinical leaflet thrombosis after TAVR: What we know, and still need to learn, about a challenging complication

Importanti ricerche che esplorano la coagulazione subclinica dei lembi/l'ispessimento iperattenuato dei lembi dopo TAVR

Gli autori hanno scritto che questa incertezza è una delle ragioni per cui gli studi TAVR a basso rischio come lo studio clinico PARTNER 3 enfatizzano l'uso della TC cardiaca. In un sottostudio del PARTNER 3, ad esempio, l'HALT è stata osservata nel 13% dei pazienti con TAVR dopo 30 giorni e nel 5% dei pazienti con sostituzione chirurgica della valvola aortica dopo 30 giorni.[2] D'altra parte, dopo 1 anno, il 56% dei pazienti con HALT non ha mostrato segni a 30 giorni. Per rendere le cose ancora più confuse, il 21% dei pazienti senza HALT a 30 giorni ha mostrato segni di HALT un anno dopo.

Gli autori dello studio osservano che l'esito combinato di ictus e TIA era più comune tra i pazienti SAVR che hanno sviluppato segni di HALT dopo 30 giorni. Anche la trombosi valvolare clinica era più comune - 8,6% rispetto a solo lo 0,3% - tra questi pazienti.

Nel frattempo, lo studio Evolut Low-Risk Thickening or Immobility (LTI) ha rilevato che TAVR con valvola Evolut e SAVR erano associati a tassi simili di trombosi subclinica dei lembi dopo 30 giorni e un anno.[3] Inoltre, il numero di eventi clinici è stato "molto basso" per i due gruppi di pazienti.

"Sebbene entrambi gli studi fossero deboli per rilevare una differenza negli esiti clinici associati alla trombosi dei lembi, c'era un'indicazione di aumento di ictus, TSE e tromboembolismo dal sottostudio PARTNER 3", hanno scritto gli autori. "Inoltre, la trombosi del lembo persistente è stata associata a un leggero aumento delle gradazioni valvolari nel PARTNER 3. Sarebbe necessario un follow-up a lungo termine dei pazienti per stabilire la relazione tra trombosi del lembo e durabilità della valvola".

Il gruppo ha anche notato che il trattamento con OAC dopo TAVR è stato collegato a un tasso più basso di trombosi subclinica dei lembi. Ma ciò che questi studi non riescono a dimostrare è se l'OAC riduce effettivamente il rischio di coaguli di sangue o di mortalità dei pazienti. Ancora una volta, tornando alla domanda più grande: sostieni i rischi associati all'OAC per la riduzione della trombosi subclinica se non ottieni vantaggi identificabili?

La risposta di un gruppo per il trattamento della trombosi subclinica dopo la sostituzione transcatetere della valvola aortica

Cahill et al hanno dettagliato la loro strategia di trattamento per il foglio illustrativo subclinico della trombosi.

Hanno scritto: "Attualmente, la base di prove non supporta le scansioni TC cardiache di routine dei pazienti dopo TAVR, o l'uso empirico dell'OAC per prevenire la trombosi dei lembi, in assenza di sintomi o evidenza di elevazione della valvola trasversale all'ecocardiografia, al di fuori dei protocolli di ricerca .". “Se confermata, trattiamo i pazienti con trombosi da lembi con OAC (preferibilmente apixaban, rivaroxaban o warfarin, sulla base dei dati di studi clinici randomizzati attualmente disponibili) per un periodo iniziale da tre a sei mesi, prima di rivalutare e prendere una decisione ad hoc sui rischi e benefici Anticoagulazione continua.

Al momento non ci sono dati su una strategia di dosaggio ottimale per questi pazienti, quindi il gruppo è stato iniziato con la stessa dose che usano per trattare la trombosi atriale.

Tuttavia, il gruppo ha notato che questa è solo una strategia. Ci sono ancora molte domande senza risposta su questo argomento. Ad esempio, quanto è probabile che una trombosi venosa subclinica porti alla degenerazione della valvola scheletrica? In che modo la coagulopatia del foglio illustrativo subclinico influenzerà i risultati a lungo termine?

Gli autori concludono che "Decifrare il significato clinico a lungo termine della trombosi dei lembi e ottenere studi appropriati sull'OAC per gruppi di pazienti specifici, ad es. il trattamento in quelli con trombosi dei lembi confermata accertata, è un importante passo successivo verso il miglioramento dei risultati dopo TAVR e SAVR. ".

#Subclinical #leaflet #thrombosis #TAVR #learn #challenging #complication

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.