COVID-HEART Model Predicts Adverse Events in Hospitalized Patients With COVID-19

Un modello COVID-HEART in tempo reale può predire con precisione la mortalità per tutte le cause e l'arresto cardiaco (AM/CA), nonché gli eventi tromboembolici nei pazienti ospedalizzati con COVID-19, secondo uno studio in JACC anticipo.

Il predittore COVID-HEART è stato sviluppato e convalidato in uno studio di coorte retrospettivo su adulti (di età pari o superiore a 18 anni) con infezione da SARS-CoV-2 che sono stati ricoverati in 5 ospedali. I dati dei pazienti sono stati ottenuti dal registro della piattaforma di analisi della medicina di precisione retrospettiva COVID-19 (JH-CROWN).

Tutti i partecipanti sono stati confermati per essere stati infettati da SARS-CoV-2 dalla reazione a catena della polimerasi entro 14 giorni prima o durante il ricovero. I pazienti sono stati accettati nella coorte di sviluppo per la previsione AM/CA tra il 1 marzo 2020 e il 6 novembre 2020. I pazienti sono stati accettati nella coorte di test dal 7 novembre 2020 all'8 gennaio 2021.


Continua a leggere

La convalida della dimissione ospedaliera è stata eseguita dopo aver eliminato tutti i pazienti ricoverati in 1 su 5 ospedali, ripetendo il processo di addestramento e ottimizzazione del modello utilizzando i dati dei pazienti ricoverati nei restanti 4 ospedali e testando il modello ottimizzato con i dati dei pazienti ricoverati in ospedale abbandonato.

Un totale di 3650 pazienti erano idonei a predire AM/CA, di cui il 30,1% è stato assegnato al gruppo di test secondo la data finale. Inoltre, 2.650 pazienti hanno soddisfatto i criteri di ammissibilità per la predizione di eventi tromboembolici (TE), di cui 796 (30,0%) sono stati assegnati al gruppo di test. Complessivamente, l'11,0% dei pazienti eleggibili presentava AM/CA e l'1,5% dei pazienti eleggibili aveva TE confermato dall'imaging.

Il predittore COVID-HEART aveva un'area sotto la curva caratteristica operativa del ricevitore (AUROC) di 0,918 e 0,771, sensibilità di 0,768 e 0,500 e caratteristiche di 0,903 e 0,879 per l'intero set di test rispetto alla previsione di AM/CA e tromboembolica eventi, rispettivamente. La convalida incrociata media e gli AUROC del test erano 0,917 (IC al 95%, 0,916-0,919), 0,923 (IC al 95%, 0,918-0,927) per la previsione di AM/CA, 0,757 (IC al 95%, 0,751-0,763) e 0,790 ( IC 95%, 0,756-0,824) per prevedere rispettivamente i TE.

Il test AUROC medio, la sensibilità e la specificità del test abbandonato dall'ospedale per la previsione di AM/CA era 0,956 (IC 95%, 0,936-0,976), 0,885 (IC 95%, 0,838-0,933) e 0,887 (IC 95%, 0.843-0.932), sul rettilineo. Per i TE confermati dall'imaging, il test AUROC medio, la sensibilità e la specificità per l'abbandono ospedaliero erano 0,781 (IC al 95%, 0,642-0,919), 0,453 (IC al 95%, 0,147-0,760) e 0,863 (IC al 95%), 0,822 -0.904 ) , Dritto.

L'ultimo predittore COVID-HEART include 61 caratteristiche per predire AM/CA, inclusi biomarcatori acquisiti di routine e continuamente e test metabolici di base. Include anche 9 funzioni per prevedere i TE.

Il requisito per la conferma dell'imaging dei TE è uno dei numerosi limiti dello studio. Inoltre, solo 35 pazienti sono stati inclusi nel gruppo di sviluppo con TE confermati dall'imaging e solo questi risultati potevano essere determinati giornalmente. Altre limitazioni includono la possibilità di errori di misurazione, anamnesi inaccurata riferita dal paziente, dati mancanti e confusione per riferimento. Inoltre, sono stati arruolati solo i pazienti che hanno richiesto cure ospedaliere.

"Nella sua attuale implementazione, il predittore può facilitare il cambiamento pratico e mirato nel triage dei pazienti e nell'allocazione delle risorse fornendo punteggi di rischio in tempo reale per le complicazioni che si verificano comunemente nei pazienti COVID-19", hanno scritto i ricercatori. "COVID-HEART può essere riqualificato per prevedere ulteriori eventi cardiovascolari avversi tra cui infarto del miocardio e aritmie. Il potenziale beneficio della previsione si estende oltre i pazienti COVID-19 ospedalizzati, poiché COVID-HEART può essere applicato per prevedere eventi cardiaci avversi e malattie vascolari dopo l'ospedale dimissione o in pazienti con sindrome COVID cronica ("COVID prolungato").

riferimento

Shade JK, Doshi AN, Sung E et al. Previsione in tempo reale di mortalità, arresto cardiaco e complicanze tromboemboliche nei pazienti ospedalizzati con COVID-19. Offerte JACC. Pubblicato online l'8 maggio 2022. doi: doi.org/10.1016/j.jacadv.2022.100043

#COVIDHEART #Model #Predicts #Adverse #Events #Hospitalized #Patients #COVID19

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.