High blood viscosity may predict mortality in COVID-19 hospitalization

Fonte/Informazioni

Divulgazioni: Il libro non menzionava alcuna informativa finanziaria rilevante.

Non siamo stati in grado di elaborare la tua richiesta. Per favore riprova più tardi. Se il problema persiste, contattare customerservice@slackinc.com.

La viscosità del sangue calcolata utilizzando il modello Walburn-Schneck può essere un efficace strumento predittivo nei pazienti ospedalizzati con infezione da SARS-CoV-2, secondo i dati pubblicati in Giornale dell'American College of Cardiology.

I ricercatori hanno riferito che la viscosità del sangue stimata più alta nelle arterie era associata a un rischio di morte aumentato di circa il 60% tra i pazienti ricoverati in ospedale con COVID-19.

"La viscosità ematica stimata può essere derivata da test di laboratorio di routine che coinvolgono ematocrito e globulina - proteine ​​totali meno albumina", Robert S. Rosenson, MDDirettore di Metabolism and Lipids presso il Mount Sinai Health System e professore di medicina in cardiologia presso la Icahn School of Medicine presso il Mount Sinai, ha detto a Healio. "Utilizzando la formula per la viscosità ematica di taglio elevata stimata e la viscosità di taglio bassa, abbiamo valutato il rischio di morte nei pazienti ospedalizzati con infezione da COVID-19 all'interno degli ospedali del sistema sanitario del Monte Sinai. Dopo un ampio aggiustamento per potenziali fattori confondenti, segnaliamo che la stima viscosità del sangue ad alto taglio e basso taglio Erano predittivi di mortalità. È importante sottolineare che la viscosità ematica stimata era più importante del D-dimero e di altri biomarcatori utilizzati per identificare i pazienti ad alto rischio di eventi cardiovascolari e mortalità. Queste associazioni sono rimaste significative dopo l'aggiustamento per proteine ​​infiammatorie sistemiche".

calcolatore della viscosità del sangue

Robert S. Rosenson

Rosenson e colleghi hanno utilizzato il modello Walburn-Schneck per calcolare la viscosità del sangue stimata in 5.621 pazienti ricoverati in ospedale con COVID-19 al Mount Sinai Health System dal 2 febbraio 2020 al 27 novembre 2021.

Gli intervalli di viscosità di taglio elevata stimata, come si vede nelle arterie, e viscosità di taglio bassa, come si vede nei vasi sanguigni più piccoli, sono stati separati in quadranti ei ricercatori hanno confrontato il quartile più alto della viscosità del sangue con la mortalità più bassa.

È stato osservato che i partecipanti nel quartile più alto di alta viscosità del sangue di taglio avevano maggiori probabilità di essere maschi, neri o ispanici, con una storia di diabete e che necessitavano di supporto di ossigeno al momento della presentazione con SARS-CoV-2. infezione.

Viscosità e mortalità nel sangue in COVID-19

I ricercatori hanno riferito che ogni aumento di 1 cP della viscosità ematica stimata di taglio elevato era associato a un aumento del 36% del rischio di mortalità e ogni aumento di 1 cP della viscosità ematica stimata di taglio basso era associato a un aumento del 7% del rischio di mortalità.S per <.001).

Rispetto ai pazienti nel quartile più basso con una viscosità ematica di taglio elevata stimata, il quartile più alto era associato a un rischio di morte maggiore del 60% nel modello completamente aggiustato (frequenza cardiaca aggiustata = 1,6; intervallo di confidenza al 95%, 1,09–2,35; S = .2).

I pazienti nel quartile più alto con viscosità ematica a basso taglio avevano il 30% di probabilità in più di morire rispetto ai pazienti nel quartile più basso (aHR = 1,32, IC 95%, 1,06–1,64; S = .045).

Inoltre, l'associazione tra viscosità del sangue e mortalità in ricovero in COVID-19 è rimasta coerente in diversi sottogruppi, inclusi i pazienti senza comorbidità (aHR = 1,69; IC 95%, 1,28–2,22).

Dopo aver aggiustato per altri marcatori infiammatori, viene aggiunto il livello della conta dei globuli bianchi (WBC).S = .158) e livello D-dimero (S = .07) non ha modificato il valore predittivo della viscosità del sangue per la morte in ospedale.

"La programmazione di una stima della viscosità del sangue in un laboratorio e in un sistema di cartelle cliniche elettroniche genererà questi dati che un medico può utilizzare per identificare questi pazienti ad alto rischio", Rosenson Tolly Helio. "Questo studio prospettico non era uno studio clinico, ma stiamo studiando trattamenti che riducono la viscosità del sangue, gli eventi cardiovascolari e gli eventi tromboembolici venosi. È in corso uno studio di scambio plasmatico finanziato dai NIH".

per maggiori informazioni:

Robert S. Rosenson, MDpuò essere raggiunto a robert.rosenson@mssm.edu.

Riferimento:

#High #blood #viscosity #predict #mortality #COVID19 #hospitalization

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Proin diam justo, scelerisque non felis porta, placerat si. Vestibulum ac elementum massa. In rutrum quis risus quis sollicitudin.

navigation
newsletter
contact info
1, My Address, My Street, New York City, NY, USA