After New Abortion Laws, Some Patients Have Trouble Obtaining Miscarriage Treatment

L'anno scorso, una donna di 35 anni di nome Amanda, che vive nella zona di Dallas-Fort Worth, ha avuto un aborto spontaneo nel suo primo trimestre. In un grande ospedale, un medico ha eseguito una procedura chirurgica che viene spesso utilizzata come un modo sicuro e rapido per rimuovere i tessuti da una gravidanza fallita.

Si è svegliata dall'anestesia per trovare un biglietto firmato dalle infermiere e un piccolo braccialetto rosa e blu con un ciondolo a forma di farfalla, un regalo dell'ospedale per esprimere solidarietà per la sua perdita. "E 'stato così dolce perché è difficile passare", ha detto Amanda.

Otto mesi dopo, a gennaio, Amanda, che ha chiesto che il suo nome fosse divulgato per proteggere la sua privacy, ha avuto un altro aborto spontaneo nel primo trimestre. Ha detto di essere andata allo stesso ospedale, il Baylor Scott & White Medical Center, e di aver aggravato il dolore e le urla quando ha attraversato un grosso coagulo di sangue.

Ma quando ha richiesto la stessa procedura chirurgica di evacuazione, chiamata dilatazione e raschiamento, o D&C, ha detto che l'ospedale le ha detto di no.

Un D&C è la stessa procedura usata per alcuni aborti. Nel settembre 2021, tra i due aborti di Amanda, il Texas ha implementato una legge che vieta quasi tutti gli aborti dopo sei settimane di gravidanza.

Dopo che Roe v. Wade è stato revocato, molti stati hanno emanato severi divieti o restrizioni all'aborto. Sebbene tecnicamente sia destinato ad applicarsi solo agli aborti, alcuni pazienti hanno segnalato ostacoli nel ricevere procedure chirurgiche standard o farmaci per la perdita delle gravidanze desiderate.

Amanda ha detto che l'ospedale non ha menzionato la legge sull'aborto, ma l'ha mandata a casa con l'istruzione di tornare solo se sanguinava così eccessivamente che il suo sangue riempiva il pannolino più di una volta all'ora. I registri ospedalieri che Amanda ha condiviso con il New York Times hanno indicato che il suo feto non aveva attività cardiaca durante quella visita e su un'ecografia una settimana prima. I documenti dicevano: "Ha riferito di aver provato un forte dolore" e "sembra essere angosciata".

I registri hanno indicato che "sembra essere un aborto spontaneo in corso", ma hanno suggerito di attendere la conferma e hanno consigliato un follow-up entro sette giorni.

Amanda ha detto che si è seduta non appena è tornata in bagno scavando "segni di chiodi nel mio muro" per il dolore. Poi si è spostata nella vasca da bagno, dove suo marito le teneva la mano mentre singhiozzavano. "L'acqua della vasca è solo rosso scuro", ricorda Amanda. "Per 48 ore, è stato come un'emorragia continua e grossi coaguli".

Ha aggiunto: "È stato completamente diverso dalla mia prima esperienza in cui erano così carini e così rilassati, all'essere così soli e terrorizzati ora".

L'ospedale ha rifiutato di discutere se le leggi sull'aborto del Texas abbiano avuto un impatto sulle sue cure mediche. In una dichiarazione, l'ospedale ha dichiarato: "Sebbene non siamo in grado di parlare del caso di un individuo a causa delle leggi sulla privacy, il nostro team multidisciplinare di medici lavora insieme per determinare il piano di trattamento appropriato caso per caso. La salute e la sicurezza dei nostri pazienti è la nostra massima priorità".

John Sego, presidente del Texas per Right to Life, ha affermato di considerare qualsiasi ostacolo affrontato dai pazienti abortiti "situazioni molto pericolose". Ha attribuito tali problemi a "una disconnessione con la legge, non con la legge stessa", aggiungendo "Ho visto rapporti di medici confusi, ma questo è un fallimento delle nostre società mediche" nel fornire una guida chiara.

Il clima instabile ha portato alcuni medici e ospedali a preoccuparsi di essere accusati di facilitare il processo di aborto, una paura che ha anche portato alcuni farmacisti a rifiutare o ritardare la compilazione delle prescrizioni per completare gli aborti, affermano fornitori e pazienti. La scorsa settimana, l'amministrazione Biden ha avvertito che se una farmacia si rifiuta di compilare le prescrizioni di pillole "comprese quelle necessarie per gestire l'aborto spontaneo o le complicazioni della perdita di gravidanza, perché questi farmaci possono essere utilizzati anche per interrompere una gravidanza, la farmacia potrebbe essere discriminatoria sulla base di genere».

Gli ostetrici affermano che un ritardo nell'espulsione dei tessuti da una gravidanza che non è più praticabile può portare a emorragie, infezioni e talvolta sepsi potenzialmente letali.

"In un mondo post-Raw, le donne con aborti spontanei possono morire", ha affermato la dott.ssa Monica Saxena, MD, medico di medicina d'urgenza allo Stanford Hospital.

Gli esperti medici definiscono un aborto spontaneo come una gravidanza che termina naturalmente prima delle 20 settimane di gravidanza. La maggior parte degli aborti si verifica nelle prime 13 settimane; Le perdite di gravidanza dopo 20 settimane sono considerate nati morti. L'aborto spontaneo colpisce circa una gravidanza nota su 10 e può verificarsi fino a una su quattro quando si includono gli aborti spontanei che si verificano prima che la paziente si renda conto di essere incinta.

Il termine medico per aborto è spesso chiamato "aborto spontaneo", una designazione che potrebbe aumentare le preoccupazioni dei pazienti o dei caregiver sull'essere presi di mira ai sensi del divieto di aborto. Nelle cartelle cliniche, il secondo aborto spontaneo di Amanda è stato anche descritto come un "aborto minacciato: costante e in peggioramento".

Nei tipici aborti precoci, quando l'attività del cuore si interrompe, ai pazienti dovrebbero essere presentate tre opzioni per espellere il tessuto, ha affermato la dott.ssa Sarah Prager, professoressa di ostetricia e ginecologia presso la University of Washington School of Medicine.

D&C è raccomandato quando i pazienti sanguinano pesantemente, sono anemici, hanno problemi di coagulazione del sangue o determinate condizioni che li rendono fragili dal punto di vista medico, ha affermato il dottor Prager. Alcuni altri pazienti scelgono anche un D&C, considerandolo emotivamente più facile di un'operazione a lungo termine a casa.

Un'altra opzione sono i farmaci, solitamente il mifepristone, che indebolisce il rivestimento dell'utero e ammorbidisce la cervice, seguito dal misoprostolo, che provoca contrazioni. Queste stesse pillole sono usate per l'aborto medico.

La terza opzione è la "misura aspettativa": aspettare che il tessuto passi da solo, cosa che può richiedere settimane. Non ha successo per il 20 percento dei pazienti, che hanno quindi bisogno di un intervento chirurgico o di farmaci, ha affermato il dottor Prager, coautore delle linee guida per la gestione dell'aborto per l'American College of Obstetricians and Gynecologists.

Medici e pazienti hanno affermato che, quando possibile, alle pazienti dovrebbe essere consentito di scegliere il metodo perché la mancanza di scelta si aggiunge al trauma della perdita di una gravidanza desiderata.

In Wisconsin, dove un divieto di aborto di 173 anni potrebbe presto diventare esecutivo, la dottoressa Carly Zell, un ostetrico-ginecologo, ha curato una donna che ha detto che subito dopo l'abrogazione dei diritti all'aborto, sembrava sanguinare in ospedale, che ha deciso aveva avuto un aborto spontaneo ma le aveva detto "no". Possono fare espansione e deflazione a causa delle regole". L'ospedale inoltre non le ha offerto medicine per l'aborto e le ha consigliato di cercare un ostetrico-ginecologo per chiedere aiuto. Quando ha trovato il dottor Zell, che le ha somministrato mifepristone e misoprostolo, la donna sanguinava a intermittenza da diversi giorni, mettendola "a maggior rischio di sanguinamento o infezione".

"Anche in questi casi evidenti di pratica ostetrica/ginecologica di base, le leggi lasciano i fornitori interrogati e intimiditi", ha affermato il dottor Zell. "Queste leggi danneggiano davvero i miei pazienti".

I medici affermano che possono verificarsi maggiori rischi in caso di "aborto inevitabile", dove c'è ancora attività cardiaca nel feto, ma l'acqua della paziente si sta rompendo troppo presto perché la gravidanza sia praticabile, ha affermato Greer Donnelly, assistente professore all'Università di Pittsburgh Scuola di legge.

Uno studio di due ospedali di Dallas ha riferito di 28 pazienti le cui acque si sono rotte o che hanno avuto altre gravi complicazioni prima delle 22 settimane di gestazione che, a causa delle leggi del Texas, non hanno ricevuto alcun intervento medico fino a quando non si è verificata una "minaccia immediata" alla loro vita o all'attività cardiaca fetale era cessato. In media, i pazienti hanno aspettato nove giorni e il 57% ha riportato ferite gravi, emorragie o altri problemi medici, secondo il rapporto. Un altro articolo del New England Journal of Medicine afferma che pazienti simili sono tornati con segni di sepsi dopo che medici o ospedali hanno deciso che la legge sull'aborto del Texas impediva loro di intervenire prima.

In questi casi, il dottor Seago del Texas Right to Life ha affermato che vietare l'aborto potrebbe richiedere un intervento ritardato. Ha detto che ciò che il dottore ha descritto come "Voglio far morire il bambino oggi perché penso che alla fine morirà" è proibito. Ha riconosciuto che tali ritardi potrebbero causare complicazioni mediche per le donne, ma ha affermato che complicazioni "gravi" potrebbero essere trattate legalmente immediatamente.

Un farmaco abortivo, il mifepristone, deve essere prescritto da fornitori approvati e non può essere dispensato dalle farmacie tipiche. Sebbene il processo di approvazione sia semplice, la dott.ssa Lauren Thaxton, assistente professore presso il dipartimento di salute delle donne presso l'Università del Texas presso la Dell Medical School di Austin, ha affermato che alcuni ospedali hanno espresso "preoccupazione per il fatto che questo farmaco venga utilizzato anche per l'aborto e se o meno può Questo crea una specie di brutto aspetto. "

Pertanto, in alcuni stati, i medici prescrivono il misoprostolo solo per l'aborto, che può funzionare da solo, ma meno bene. È anche usato per altre condizioni mediche e dovrebbe essere facilmente ottenuto in farmacia, hanno affermato il dottor Thaxton e altri, ma alcuni si sono rifiutati di compilare prescrizioni di misoprostolo per pazienti con aborto spontaneo o hanno richiesto documentazione aggiuntiva ai medici.

Cassie, una donna di Houston che ha chiesto il rilascio del suo nome di battesimo, ha detto di aver appreso di aver abortito il giorno in cui Roe v. Wade è uscito fuori di testa, quando il suo medico ha scoperto che nel suo grembo c'era sangue e nessuna attività cardiaca.

Le è stato prescritto il misoprostolo, ma ha detto che Walgreens l'ha fatta aspettare un giorno per ottenere "un'ulteriore approvazione" dall'ufficio dell'azienda.

"Quando sono andato a prenderlo, ho dovuto parlare con il farmacista e ho dovuto affermare di nuovo, anche se sapevano che il mio medico lo aveva prescritto, che non era un aborto", ha detto Cassie.

Un portavoce di Walgreens ha affermato che alcune leggi sull'aborto "richiedono passaggi aggiuntivi per distribuire e applicare determinate prescrizioni a tutte le farmacie, incluso Walgreens. In questi stati, i nostri farmacisti lavorano a stretto contatto con i prescrittori secondo necessità, per compilare prescrizioni legali e clinicamente appropriate".

Quando le farmacie ritardano l'erogazione del misoprostolo, ha detto il dottor Thaxton, alcuni pazienti diventano finanziariamente o logisticamente incapaci di tornare per il farmaco un altro giorno. Invece, alcuni visitano i medici giorni dopo, conservano ancora il tessuto della gravidanza o "hanno una grave emorragia che necessita di un trattamento urgente", ha detto.

A marzo nel Missouri, che ora ha introdotto il divieto di aborto dopo Roe, Gabriella, che ha chiesto la rivelazione del suo nome, ha detto di avere un ovulo danneggiato, in cui un ovulo fecondato si impianta nell'utero ma non si sviluppa. "Il mio corpo non lo rilascerà", ha detto.

Il suo medico le ha prescritto il misoprostolo, ma non ha funzionato bene. Quando ho ordinato il mifepristone, il dottore ha detto che era difficile arrivarci, secondo una nota medica condivisa da Gabriella con il Times.

Il medico ha ordinato una seconda dose di misoprostolo, ma Gabriella ha detto: "Il farmacista di Walgreens mi ha detto che non poteva darmela se fossi incinta. Sono riuscita a balbettare di aver avuto un aborto spontaneo e lei me l'ha dato. Non posso fare a meno di piangere davanti a tutti a Walgreens perché mi sentivo come se fossi trattato come una persona cattiva". Per prendere medicine per prevenire l'infezione".

La dottoressa Prager ha detto che le era stato detto che alcuni pazienti abortiti in Texas erano stati rifiutati da medici preoccupati per il fatto che i pazienti avessero già preso pillole abortive che non avevano espulso la gravidanza, due condizioni identiche dal punto di vista medico.

"Esiste un sistema in cui non c'è fiducia tra medici e pazienti, ed è probabile che i pazienti scelgano di non andare in ospedale anche con qualcosa come un aborto, perché hanno paura", ha detto il dottor Prager.

Alcune donne che hanno abortito e sono a rischio di perdite future affermano che stanno valutando la possibilità di trasferirsi da stati che vietano l'aborto o stanno ripensando ai piani di vita.

"Non proveremo più a rimanere incinta", ha detto Amanda. "Non pensiamo che sia sicuro in Texas continuare a provare dopo quello che abbiamo passato".

#Abortion #Laws #Patients #Trouble #Obtaining #Miscarriage #Treatment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.