Overall Survival with Brentuximab Vedotin in Stage III or IV Hodgkin’s Lymphoma | NEJM

Riepilogo

sfondo

Il follow-up a cinque anni in uno studio che ha coinvolto pazienti non trattati in precedenza con linfoma di Hodgkin classico in stadio III o IV ha dimostrato vantaggi in termini di sopravvivenza libera da progressione a lungo termine con il trattamento di prima linea con brentuximab vedotin, un composto anti-Hodgkin CD30 farmaco-diretto, più doxorubicina, vinblastina e dacarbazina (A + AVD), rispetto a doxorubicina, bleomicina, vinblastina e dacarbazina (ABVD). Un'analisi ad interim pianificata ha indicato un potenziale beneficio in termini di sopravvivenza globale; Sono ora disponibili i dati di una mediana di 6 anni di follow-up.

Metodi

Abbiamo assegnato in modo casuale i pazienti in un rapporto 1:1 a ricevere fino a sei cicli di A+ AVD o ABVD. L'endpoint primario, la sopravvivenza aggiustata senza progressione, è stato precedentemente riportato. L'endpoint secondario principale era la sopravvivenza globale nel gruppo intent-to-treat. È stata valutata anche la sicurezza.

conseguenze

Un totale di 664 pazienti sono stati assegnati a ricevere A+ AVD e 670 a ricevere ABVD. A un follow-up di 73,0 mesi, 39 pazienti nel gruppo A+ AVD e 64 pazienti nel gruppo ABVD sono deceduti (hazard ratio 0,59; intervallo di confidenza 95% [CI], da 0,40 a 0,88; P = 0,009). Le stime della sopravvivenza a 6 anni erano del 93,9% (95% CI, 91,6-95,5) nel gruppo A+ AVD e 89,4% (95% CI, 86,6-91,7) nel gruppo ABVD. La sopravvivenza libera da progressione era più lunga con A+ AVD che con ABVD (hazard ratio per la progressione della malattia o la morte, 0,68; IC 95%, 0,53-0,86). Meno pazienti nel gruppo A + AVD rispetto al gruppo ABVD hanno ricevuto un trattamento successivo, incluso il trapianto, e sono stati segnalati meno secondi tumori con A + AVD (in 23 pazienti contro 32 pazienti). La profilassi primaria con fattore stimolante le colonie di granulociti è stata raccomandata dopo che è stata osservata un'aumentata incidenza di neutropenia febbrile con A+ AVD. Il numero di pazienti con neuropatia periferica con AVD A+ era maggiore rispetto ai pazienti con ABVD, ma la maggior parte dei pazienti nei due gruppi ha avuto una risoluzione o un miglioramento dell'evento dal recente follow-up.

Conclusioni

I pazienti che hanno ricevuto un AVD A+ per il trattamento del linfoma di Hodgkin in stadio III o IV hanno avuto un vantaggio in termini di sopravvivenza rispetto a quelli che hanno ricevuto un ABVD. (Finanziato da Takeda Development Center Americas e Seagen; ECHELON-1 ClinicalTrials.gov No., NCT01712490; EudraCT No., 2011-005450-60.)

#Survival #Brentuximab #Vedotin #Stage #III #Hodgkins #Lymphoma #NEJM

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.