Adding salt to your food at the table is linked to higher risk of premature death

Immagine: il rischio di morte prematura per l'aggiunta di sale al cibo Opinione Di più

Credito: Si prega di accreditare European Heart Journal

Le persone che aggiungono sale extra al cibo a tavola hanno maggiori probabilità di morire prematuramente per qualsiasi causa, secondo uno studio su oltre 500.000 persone, pubblicato su The Giornale europeo del cuore [1] Oggi è lunedì).

Rispetto a coloro che non hanno mai o raramente aggiunto sale, coloro che hanno sempre aggiunto sale al cibo avevano un rischio maggiore di morte prematura del 28%. Nella popolazione generale, circa tre persone su cento tra i 40 ei 69 anni muoiono prematuramente. L'aumento del rischio di aggiungere sempre sale al cibo nell'attuale studio suggerisce che 1 persona su 100 può morire presto in questa fascia di età.

Inoltre, lo studio ha riscontrato una riduzione dell'aspettativa di vita tra le persone che hanno sempre aggiunto sale rispetto a quelle che non hanno mai o raramente aggiunto sale. All'età di 50 anni, 1,5 anni e 2,28 anni l'aspettativa di vita è inferiore rispettivamente per le donne e gli uomini, che aggiungevano sempre sale al cibo rispetto a quelli che non lo facevano mai o raramente.

I ricercatori, guidati dal professor Lu Chi, della School of Public Health and Tropical Medicine della Tulane University, New Orleans, USA, affermano che i loro risultati hanno diverse implicazioni per la salute pubblica.

"Per quanto ne so, il nostro studio è il primo a valutare la relazione tra l'aggiunta di sale agli alimenti e la morte prematura", ha affermato. Fornisce nuove prove a sostegno delle raccomandazioni per modificare i comportamenti alimentari per migliorare la salute. È probabile che anche una piccola riduzione dell'assunzione di sodio, aggiungendo poco o nessun sale al cibo a tavola, produca significativi benefici per la salute, in particolare se raggiunta nella popolazione generale".

È noto che valutare l'assunzione totale di sodio è difficile perché molti cibi, soprattutto quelli preparati e trasformati, contengono alti livelli di sale aggiunto prima di raggiungere la tavola. Gli studi che valutano l'assunzione di sale dai test delle urine spesso eseguono un test delle urine e quindi non riflettono necessariamente il comportamento abituale. Inoltre, i cibi ricchi di sale sono spesso accompagnati da cibi ricchi di potassio come frutta e verdura, il che ci fa bene [2]. Il potassio è noto per proteggere dal rischio di malattie cardiache e metaboliche come il diabete, mentre il sodio aumenta il rischio di malattie come cancro, ipertensione e ictus.

Per questi motivi, i ricercatori hanno scelto di considerare se le persone aggiungessero o meno sale al cibo a tavola, indipendentemente dal sale aggiunto durante la cottura.

Il professor Chi ha affermato: "L'aggiunta di sale ai cibi a tavola è un comportamento alimentare comune direttamente correlato alla preferenza a lungo termine di un individuo per i cibi salati e all'assunzione abituale di sale". "Nella dieta occidentale, l'aggiunta di sale da cucina rappresenta il 6-20% dell'assunzione totale di sale e fornisce un metodo unico per valutare l'associazione tra l'assunzione abituale di sodio e il rischio di morte".

I ricercatori hanno analizzato i dati di 501.379 persone che hanno partecipato allo studio della biobanca britannica. Quando si sono uniti allo studio tra il 2006 e il 2010, ai partecipanti è stato chiesto, tramite un questionario touch screen, se aggiungessero sale ai loro cibi (1) mai/raramente, (2) a volte, (3) di solito, (4) sempre o ( v) Preferisci non rispondere. Coloro che hanno preferito non rispondere non sono stati inclusi nell'analisi. I ricercatori hanno adattato le loro analisi per tenere conto di fattori che potrebbero influenzare i risultati, come età, sesso, razza, privazione, indice di massa corporea (BMI), fumo, assunzione di alcol, attività fisica, dieta e condizioni mediche come il diabete, cancro e malattie cardiovascolari. Hanno seguito i partecipanti per una media (media) di nove anni. La morte prematura è stata definita come morte prima dei 75 anni di età.

Oltre a scoprire che aggiungere sempre sale agli alimenti era associato a un rischio maggiore di morte prematura per tutte le cause e a una minore aspettativa di vita, i ricercatori hanno scoperto che questi rischi tendevano ad essere leggermente inferiori nelle persone che mangiavano più frutta e verdura. verdure, anche se questi risultati non erano statisticamente significativi.

"Non siamo rimasti sorpresi da questa scoperta perché frutta e verdura sono le principali fonti di potassio, che ha effetti protettivi ed è associato a un minor rischio di morte prematura", ha affermato il professor Key.

Ha aggiunto: "Poiché il nostro studio è il primo a segnalare un'associazione tra l'aggiunta di sale agli alimenti e la mortalità, sono necessari ulteriori studi per convalidare i risultati prima di poter formulare raccomandazioni".

In un editoriale per accompagnare il giornale [3]La professoressa Annika Rosengren, ricercatrice senior e professoressa di medicina presso l'Accademia Sahlgrenska, Università di Göteborg, Svezia, che non è stata coinvolta nella ricerca, scrive che l'effetto netto di una significativa riduzione dell'assunzione di sale per gli individui rimane controverso.

"Date le varie indicazioni che un'assunzione molto bassa di sodio potrebbe non essere benefica, o addirittura dannosa, è importante distinguere tra raccomandazioni su base individuale e azioni a livello di popolazione", ha scritto.

Conclude che: "L'epidemiologia classica sostiene che un beneficio netto maggiore si ottiene con un approccio a livello di popolazione (un piccolo effetto in molte persone) che prendendo di mira individui ad alto rischio (un effetto grande ma ottenuto solo in poche persone)." Una strategia chiara e basata sull'evidenza per la prevenzione delle malattie cardiovascolari negli individui è nella diagnosi precoce e nel trattamento dell'ipertensione, comprese le modifiche dello stile di vita, mentre le strategie di riduzione del sale a livello di comunità abbasseranno i livelli medi di pressione sanguigna della popolazione, portando così a un minor numero di persone con pressione alta che necessita di cure e si ammala. È improbabile che non aggiungere sale extra al cibo sia dannoso e potrebbe contribuire a strategie per abbassare i livelli di pressione sanguigna nella popolazione.

Uno dei punti di forza dello studio del professor Chi è il gran numero di persone coinvolte. Presenta inoltre alcune limitazioni, tra cui: la possibilità che l'aggiunta di sale agli alimenti possa essere indicativa di uno stile di vita malsano e di uno stato socioeconomico basso, nonostante i tentativi delle analisi di adattarsi a questo; Non ci sono informazioni sulla quantità di sale aggiunta; L'aggiunta di sale può essere correlata all'apporto energetico totale e intrecciata con l'assunzione di altri alimenti; La partecipazione alla biobanca britannica è volontaria e quindi i risultati non sono rappresentativi della popolazione generale, quindi sono necessari ulteriori studi per confermare i risultati in altre popolazioni.

Il professor Chi ei suoi colleghi condurranno ulteriori studi sulla relazione tra l'aggiunta di sale agli alimenti e varie malattie croniche come le malattie cardiovascolari e il diabete. Anticipano anche potenziali studi clinici per testare gli effetti della riduzione dell'integrazione di sale sui risultati sulla salute.

(finire)

[1] "Aggiunta di sale agli alimenti e rischio di morte prematura", di Hao Ma et al. Giornale europeo del cuore. doi: 10.1093/eurheartj/ehac208

[2] Un esempio di cibo salato che contiene anche verdure sono i tacos, che sono spesso ripieni di fagioli e verdure.

[3] "Il sale - il punto debole?" , di Annika Rosengren. Giornale europeo del cuore. doi: 10.1093/eurheartj/ehac336


#Adding #salt #food #table #linked #higher #risk #premature #death

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.