Fatigue linked to worse clinical prognosis, quality of life in patients with NAFLD

Fonte/Informazioni
fonte:

Yonsei Zed et al. VEN097 etichetta. Presentato a: International Liver Conference. 22-26 giugno 2022; Londra (incontro misto).

Divulgazioni: Yunusi ha segnalato il sostegno finanziario di Abbott, AbbVie, BMS, Gilead Science, The Intercept, Madrigal, Merck, Novartis, Novo Nordisk, Siemens, Trenz, Quest e Viking.

Non siamo stati in grado di elaborare la tua richiesta. Per favore riprova più tardi. Se il problema persiste, contattare customerservice@slackinc.com.

LONDRA - Secondo una ricerca presentata all'International Liver Conference, i punteggi di fatica al basale più bassi sono stati associati a eventi clinici avversi tra i pazienti con steatoepatite non alcolica avanzata.

"L'affaticamento è molto comune nei pazienti con steatosi epatica non alcolica. In altre malattie, l'affaticamento è associato a esiti avversi, inclusa una maggiore mortalità" Zubai m. Yunusi, MD, Master in Sanità Pubblica, Il presidente e professore di Inova Medicine Services e presidente di medicina presso il campus medico di Inova Fairfax, ha detto a Healio. "Il nostro obiettivo era di indagare se l'affaticamento clinicamente significativo è associato a complicanze epatiche, tra i noti pazienti NASH con fibrosi avanzata".

Fonte: EASL
Fonte: EASL

In un successivo studio di coorte, Younosi e colleghi hanno analizzato 1.679 pazienti (età media, 58 anni; 40% uomini) con NASH avanzata, di cui 802 avevano fibrosi pontina (F3) e 877 avevano fibrosi compensata (F4). I ricercatori hanno misurato la fatica di base utilizzando il dominio della fatica dello strumento CLDQ-NASH, dove un punteggio più basso su una scala da 1 a 7 indica una stanchezza peggiore, e hanno utilizzato un modello di rischio proporzionale di Cox per determinare la relazione tra la fatica di base e la fatica correlata al tempo del fegato. Eventi clinici.

Secondo i risultati dello studio, il punteggio CLDQ-NASH medio al basale era 4,77 ± 1,36 tra i pazienti classificati F3 e 4,56 ± 1,44 tra i pazienti classificati F4. Durante il periodo di follow-up di 16 mesi, il 15% dei pazienti F3 e il 31% dei pazienti F4 hanno avuto eventi clinici correlati al fegato; Questi pazienti presentavano transaminasi di aspartato più elevate, conta piastrinica più bassa e punteggi più elevati nei test non invasivi per la fibrosi al basale rispetto ai pazienti che sono rimasti stabili al follow-up.

Inoltre, i pazienti che hanno manifestato eventi clinici correlati al fegato al follow-up avevano punteggi di stress basali più bassi in F3 avanzato (4,47 ± 1,36) rispetto a F3 stabile (4,83 ± 1,35) e F4 avanzato (3,74 ± 1,31) rispetto a F3 stabile (4,83 ± 1,35) e F4 avanzato (3,74 ± 1,31) F4 stabile (4,59 ± 1,43).

L'analisi multivariata ha anche confermato punteggi di fatica più bassi (per un punto di stress) associati a un aumentato rischio di eventi correlati al fegato tra tutti i pazienti (HR = 0,84; IC 95%, 0,75–0,93). Divisa per tipo di fibrosi, la frequenza cardiaca era 0,85 per i pazienti F3 e 0,67 per i pazienti F4.

"I nostri dati mostrano che la fatica ha importanti effetti prognostici ed è associata a eventi clinici", ha detto Yonosi. "Tra i pazienti affetti da steatosi epatica non alcolica, quelli con grave affaticamento non solo avrebbero una qualità di vita peggiore, ma probabilmente avrebbero una prognosi clinica peggiore".

#Fatigue #linked #worse #clinical #prognosis #quality #life #patients #NAFLD

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Proin diam justo, scelerisque non felis porta, placerat si. Vestibulum ac elementum massa. In rutrum quis risus quis sollicitudin.

navigation
newsletter
contact info
1, My Address, My Street, New York City, NY, USA