Rectal indomethacin reduces post-procedural pancreatitis

02 febbraio 2022

1 minuto di lettura

Fonte/Informazioni

Divulgazioni: Il libro non menzionava alcuna informativa finanziaria rilevante.

Non siamo stati in grado di elaborare la tua richiesta. Per favore riprova più tardi. Se il problema persiste, contattare customerservice@slackinc.com.

La somministrazione di indometacina rettale prima delle procedure ha ridotto in modo sicuro ed efficace l'incidenza della pancreatite extracorporea da onde d'urto rispetto al placebo, secondo la ricerca.

"La litotripsia extracorporea a onde d'urto del pancreas (ESWL), solitamente seguita da litotripsia endoscopica (colangiopancreatografia endoscopica), è raccomandata come trattamento iniziale per calcoli radioattivi di grandi dimensioni che bloccano il dotto pancreatico principale", Yang Yang Qian, medico, Al Center for Gastrointestinal Endoscopy del Changhai Hospital di Shanghai e colleghi hanno scritto Lancetta per malattie gastrointestinali ed epatiche. “Studi di alta qualità incentrati sulla prevenzione della pancreatite dopo ERCP sono stati eseguiti, con la somministrazione rettale di FANS raccomandata come prevenzione efficace nelle linee guida internazionali. Tuttavia, ci sono state poche ricerche sull'incidenza delle complicanze post-ESWL e non sono state mostrate misure preventive efficaci per le complicanze post-ESWL. "

Incidenza di pancreatite dopo ESWL tra i pazienti precedentemente trattati con indometacina rettale o supposte di glicerolo abbinate

Nel tentativo di valutare l'efficacia delle misure preventive sulla pancreatite post-ESWL, i ricercatori hanno arruolato 1.370 pazienti, di età pari o superiore a 18 anni con pancreatite cronica e calcoli pancreatici, in uno studio in doppio cieco, controllato con placebo presso l'ospedale di Shanghai. I pazienti hanno ricevuto 100 mg di indometacina rettale (685) o supposte di glicerolo simili (685) 30 minuti prima dell'ESWL. L'esito primario studiato era l'insorgenza di pancreatite dopo ESWL entro 24 ore dalla procedura. Gli esiti secondari includevano la gravità della pancreatite dopo ESWL e l'incidenza di ulteriori complicanze ed eventi avversi transitori valutati 1 mese dopo la procedura.

Secondo i risultati dello studio, il 9% dei pazienti nel gruppo di studio ha avuto complicazioni rispetto al 14% dei pazienti nel gruppo di controllo (RR = 0,66; IC 95%, 0,49-0,88); La pancreatite dopo ESWL si è verificata rispettivamente nel 9% e nel 12% dei pazienti (RR = 0,71; IC 95%, 0,52-0,98). Inoltre, si sono verificati eventi avversi transitori nel 34% e nel 37% dei pazienti; L'iperamilasemia asintomatica è stato l'evento avverso più comune (28% vs 29%).

Qian e colleghi concludono che "la somministrazione preoperatoria di indometacina rettale è sicura ed efficace nel ridurre l'incidenza di pancreatite dopo ESWL rispetto al placebo". "L'indometacina rettale può fornire un maggiore effetto protettivo nelle donne con pancreatite idiopatica cronica, disemia pancreatica, diabete non di tipo 3c e funzione pancreatica esocrina sana, sebbene l'efficacia dell'indometacina rettale nei pazienti ad alto rischio necessiti di un'ulteriore convalida".

#Rectal #indomethacin #reduces #postprocedural #pancreatitis

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Proin diam justo, scelerisque non felis porta, placerat si. Vestibulum ac elementum massa. In rutrum quis risus quis sollicitudin.

navigation
newsletter
contact info
1, My Address, My Street, New York City, NY, USA